La Nasa lo Spazio l’ Agricoltura e la stampa 3d ? Ecco l’AstroGro

Il Problema dell’alimentazione degli astronauti nello spazio è ancora un tema attuale e ancora non sono state inventate le pilloline che vedevamo nei film di fantascienza. Negli ultimi anni le cose sono un po’ migliorate  e dai piccoli cubi, dalle polveri liofilizzate, e dai liquidi melmosi si èpassati ad una alimentazione più normale.. Oggi, si può avere una bistecca di manzo, del salmone, dei gamberetti cocktail, caffè e tè, quindi quasi tutto bene!

Ma quello che  ancora manca è il cibo fresco visto che tutto deve ancora essere fisicamente consegnato dalla Terra verso lo spazio. Questo problema è stato affrontato dal NASA innovation incubator, nel programma internazionale Space Apps , con la  sfida  “Stampa il tuo cibo spaziale ” .

Il progetto vincitore è risultato AstroGrocon  un approccio unico alla sfida. Invece di stampare in  3D materiali commestibili riciclarli , gli studenti del CalTech a cui si deve il progetto hanno deciso di utilizzare stampandoli in 3D   baccelli riciclabili per far a crescere organicamente il cibo.

L’idea è che, tramite i baccelli stampati, il cibo possa essere coltivato in un ambiente artificiale, eliminando la necessità di trasportare il cibo verso le  stazioni spaziali o i pianeti. Questo riduce il peso  in un volo spaziale con relativi risparmi e consente inoltre agli astronauti di decidere cosa vogliono crescere poiché l’ambiente può essere usata  per molte varietà di piante. Una fonte rinnovabile, che nello spazio può essere sostenuta a lungo. I filamenti dei baccelli  possono essere riciclati, risparmiando  materiale da costruzione supplementare.

Descritto dai suoi creatori in poche parole, “AstroGro è un baccello stampato in 3D che è integrato con l’intelligenza artificiale (AI) per crescere organicamente il cibo fresco, questo permetterà la vita sostenibile nello spazio. Con i baccelli  stampati in 3d , l’ecosfera dell’allevamento è modulare e la crescita del cibo può essere organizzata. Utilizzando l’intelligenza artificiale, le condizioni per la crescita delle piante sono ottimizzate per adattarsi ai cambiamenti, e inoltre più baccelli vengono gestiti in un unico sistema, o ‘cervello’. L’aria è filtrata dalle piante, i rifiuti vengono riciclati per il suolo utilizzando acque grigie e il filamento è riutilizzato per nuove carenature. Chiunque – un astronauta, o un semplice cittadino   inesperto in orticoltura – è in grado con questo sistema di crescere colture fresche “.

Come fa il pod fare questo? Utilizza un sistema completo di sensori e attuatori per ottimizzare le variabili di crescita ed è capace di regolare le condizioni negli impianti come la temperatura, l’idratazione, l’illuminazione e la gravità artificiale. Un’applicazione che controlla essenzialmente la crescita di una pianta!

Un’antenna di trasmissione e ricezione che passa attraverso il fogliame della pianta pulsa a frequenze radio di  2.45GHz per misurare la crescita delle piante. Un’antenna a microonde è parte di un sistema di riscaldamento e raffreddamento che utilizza il riscaldamento dielettrico per scaldare le molecole d’acqua dell’impianto. Insieme con i sensori di feedback, si  crea un sistema di controllo della temperatura efficiente. Cicli di luce e buio sono controllati da un sistema di illuminazione a LED automatico che risponde alla luce ambientale. Un sistema di idratazione ottimizza i cicli umido e secco per la pianta utilizzando sensori di impedenza nel terreno ed una pompa. La gravità artificiale è indotta impostando i baccelli su ruote girevoli esagonali che creano una forza centrifuga. Gli astronauti possono anche misurare i nutrienti nella pianta e decidere quello che vogliono crescere in base a ciò di cui hanno bisogno nella loro dieta.

Fondamentalmente le piante, ospitate in baccelli  stampati in 3D, avranno a disposizioneun mini-ambiente artificiale, ma che è completoed è più o meno simile o migliore di quello che avrebbero sulla Terra. I baccelli possono essere ricostruiti e ridisegnati, se necessario, semplicemente riutilizzando il filamento da baccelli fusi e modificando il design utilizzando il software di progettazione. Non c’è bisogno di inviare materiali fisici o strumenti di riciclo con la stampa 3D si crea un sistema chiuso e autosufficiente nello spazio .

Il pod AstroGro è  una  micro azienda automatizzata ed efficace  , che utilizza al massimo le risorse limitate per coltivare cibo. Anche se concepito per lo spazio, questo sistema avrebbe applicazioni sulla Terra, e senza dover pensare alla gravità artificiale.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi