AURORA LABS TESTERÀ LA STAMPA 3D DI COMPONENTI MARINI PER LA MARINA AUSTRALIANA

Il produttore australiano di stampanti 3D in metallo Aurora Labs ha stretto una partnership con l’appaltatore della difesa australiano BAE Systems Maritime Australia per testare la sua tecnologia di stampa 3D in metallo per la produzione di componenti marittimi in acciaio inossidabile.

L’azienda è stata identificata come un possibile fornitore di tecnologia di fusione a letto di polvere (PBF) per l’Hunter Class Frigate Program (HCFP) di BAE Systems. Pertanto, l’azienda sperimenterà la stampa 3D di componenti per le fregate della Marina australiana e ne valuterà il potenziale commerciale. 

“Siamo molto lieti che ci venga offerta la possibilità di eseguire la stampa di prova per il programma Hunter Class Frigate”, ha affermato Peter Snowsill, CEO di Aurora Labs. “La convalida tecnica di questo tipo è fondamentale per la nostra strategia di commercializzazione e ci consente di sviluppare e posizionare la nostra tecnologia per soddisfare le specifiche del cliente”.

La tecnologia di stampa 3D in metallo di Aurora Labs combina i processi di sinterizzazione laser diretta del metallo (DMLS) e di fusione laser diretta del metallo (DMLM).

All’inizio del 2018, Aurora Labs ha annunciato l’intenzione di introdurre una stampante 3D in metallo di grande formato in grado di produrre parti fino a una dimensione di 1,5 x 1,5 x 2,5 metri a una velocità 100 volte più veloce rispetto ai sistemi esistenti. Poco dopo, la società ha cercato di promuovere lo sviluppo della sua tecnologia di grande formato (LFT) raccogliendo 8 milioni di dollari australiani e nello stesso anno ha rivelato il primo test di successo della sua LFT per la stampa 3D di componenti complessi ad alta velocità. 

Nel 2019, Aurora Labs ha raccolto 5 milioni di dollari australiani in finanziamenti per sviluppare la sua LFT Rapid Manufacturing Technology (RMT), che inizialmente ha dimostrato di produrre parti a 55 volte lo standard di mercato . La tecnologia è stata integrata nella stampante 3D RMP1 dell’azienda, che ha iniziato i beta test dal vivo a maggio 2019 e da allora ha aumentato la velocità di stampa 3D in metallo del 2000% .

La partnership di Aurora con BAE Systems è un passo importante negli sforzi dell’azienda per commercializzare la sua nuova tecnologia di stampa 3D in metallo. 

BAE Systems è incaricata della progettazione e costruzione di nove fregate – un tipo specifico di nave da guerra – per l’HCFP della Marina australiana, che secondo quanto riferito è il più grande progetto di nave di superficie nella storia della forza di difesa australiana. Le fregate sosterranno le operazioni di guerra antisommergibile e di difesa aerea della Marina in tutto il mondo.

Secondo quanto riferito, BAE ha sviluppato tecnologia di produzione additiva per due decenni, avendo stretto partnership con produttori di stampanti 3D come Renishaw e Stratasys per sfruttare i vantaggi della tecnologia per le applicazioni di difesa. Ora, il gruppo di ricerca e tecnologia di BAE Systems Maritime Australia sta cercando di studiare il potenziale della stampa 3D in metallo su larga scala per l’adozione futura e ha identificato Aurora Labs come potenziale fornitore di tecnologia PBF per HCFP.

I due partner hanno concordato la stampa di prova investigativa iniziale come parte degli sforzi dell’HCFP per identificare e valutare i processi di stampa 3D disponibili a livello locale e i loro vantaggi. Il componente selezionato per il test è attualmente prodotto tramite tecniche di produzione convenzionali e Aurora Labs ha il compito di rivedere il design della parte e come potrebbe essere ottimizzato utilizzando la stampa 3D PBF. 

Con l’obiettivo di dimostrare la fattibilità tecnica e commerciale della sua tecnologia di stampa 3D durante il progetto HCFP, Aurora Labs produrrà componenti in acciaio inossidabile stampati in 3D progettati per la costruzione di nove future fregate per la Marina australiana.

La stampa 3D si sta dimostrando un prezioso mezzo di fornitura e manutenzione di parti su richiesta a distanza per le forze armate di tutto il mondo. Il settore della difesa australiano non è diverso, con la sua Marina che in precedenza aveva tenuto seminari settimanali per formare i suoi ingegneri nella stampa CAD e 3D nel tentativo di migliorare la sua catena di fornitura delle parti.

La Marina ha anche precedentemente selezionato il produttore australiano di stampanti 3D in metallo SPEE3D , insieme all’Advanced Manufacturing Alliance (AMA) e alla Charles Darwin University , per un progetto per semplificare la manutenzione delle sue navi di pattuglia . La tecnologia di stampa 3D spray a freddo in metallo di SPEE3D è stata testata per la sua capacità di aumentare significativamente la fornitura di parti alla Marina rispetto ai componenti disponibili dalla sua normale catena di approvvigionamento. 

Nel settembre dello scorso anno, la start-up AML3D con sede ad Adelaide ha collaborato con il costruttore navale globale Austal per aggiornare gli attuali dispositivi di sollevamento a bordo delle navi militari della Marina Militare mediante la produzione additiva. Le aziende cercheranno di stampare in 3D dispositivi di sollevamento più leggeri, ergonomici e dotati di capacità di carico migliorate. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi