Chiamata Barangaroo Boat, la nave è stata dissotterrata nei pressi di un cantiere navale durante gli scavi della metropolitana di Sydney per una nuova stazione di Barangaroo, e dovrebbe risalire al 1820 circa. Il sito è stato rilevato dalla Silentworld Foundation , un’organizzazione no-profit australiana incentrato sull’archeologia marina, la storia, la cultura e il patrimonio.

Mentre la barca originale viene preparata per la visualizzazione, il team di Silentworld si è rivolto allo sviluppatore e produttore di scanner 3D lussemburghese Artec 3D per digitalizzare ogni pezzo della barca e registrare tutte le informazioni possibili. Dai dati di scansione, una replica della barca deve essere stampata in 3D e assemblata come prova prima che il team provi la cosa reale tra due o tre anni.

“Era un progetto di sviluppo che la metropolitana di Sydney stava intraprendendo in diverse località della città di Sydney”, ha affermato Renee Malliaros, Project Manager e archeologo marittimo della Silentworld Foundation. “Quindi, ovviamente, si sono imbattuti in ogni sorta di oggetti legati al mare, inclusa una piccola barca. Alla fine, è stato ritenuto più sicuro smontare l’oggetto e far rimuovere ogni pezzo, registrare sul posto, imballare, immagazzinare e trasportare in contenitori di spedizione refrigerati.

 

Una volta che la barca è stata scavata dal sito, il team ha iniziato a registrare digitalmente la nave per scoprire tutto ciò che potevano da essa e per ricrearla digitalmente mentre la barca originale era preparata per la visualizzazione.

Per fare questo, hanno portato l’esperienza di Artec 3D per scansionare in 3D ogni pezzo della barca e produrre un modello 3D digitale da cui la barca potrebbe essere stampata in scala. Il team ha utilizzato lo scanner 3D Artec Eva di punta dell’azienda per il lavoro, uno scanner 3D leggero e portatile in grado di produrre scansioni 3D accurate e strutturate di oggetti di piccole e medie dimensioni.

“Ho parlato con Renee molte, molte volte negli ultimi anni e sono stato in grado di far loro visita una volta consegnato il naufragio iniziale”, ha affermato Ben Myers, direttore della scansione 3D presso il partner certificato oro di Artec 3D, Thinglab . “Questo è un progetto particolarmente interessante ed entusiasmante; non solo per il fatto che la nave è la più antica imbarcazione coloniale australiana mai scavata, ma anche per il modo in cui è stata gestita. Usare Eva per registrare ogni pezzo per poi ricostruirlo digitalmente è affascinante”.

A causa della natura dettagliata e complessa del compito, il team ha coinvolto lo specialista belga di registrazione 3D e l’archeologo marittimo Thomas Van Damme che ha una notevole esperienza nella registrazione digitale di travi di navi in ​​questo modo. Il team è stato in grado di scansionare i pezzi della barca in modo molto più rapido e accurato di quanto avrebbe potuto fare con altri metodi, come i disegni 2D o il tracciamento dei contatti 3D.

Thomas van Damme dimostra la tecnica di scansione per le tavole di legno lunghe e sottili della Barangaroo Boat. Foto via Irini Malliaros / Fondazione Silentworld / Metropolitana di Sydney.
“Con la digitalizzazione del contatto 3D, stai solo tracciando le caratteristiche che l’archeologo ritiene importanti, ma ti mancano alcune caratteristiche”, ha affermato Van Damme. “Quello che Artec Eva ti offre è una riproduzione 3D oggettiva del legno stesso che ha sia la geometria che il colore.”

La capacità di registrare digitalmente ogni pezzo della barca – di cui ce n’erano quasi 300 – era fondamentale per il successo del progetto, poiché i pezzi dovevano essere scansionati non appena aperti per evitare di essere rovinati.

“Scansionando con Artec Eva, alcuni dei pezzi erano così piccoli che gli giravo intorno una volta, girali, girali di nuovo, e basta”, ha detto Malliaros. “In realtà avevo le vertigini perché camminavo così velocemente. La cattura è stata così buona e veloce, l’ho impostata sulla fusione in tempo reale, quindi è stato come dipingerla mentre procedevo”.

Una volta che i dati di scansione sono stati raccolti, sono stati importati nel software di modellazione 3D Rhino dove il team ha potuto evidenziare le principali caratteristiche dei pezzi. Sono inoltre in corso analisi scientifiche del tessuto della barca e dei sedimenti circostanti.

“È molto importante evidenziare i modelli – segni degli strumenti, modelli di tenuta dei chiodi, direzione della grana, segni di compressione, ecc. – perché saranno tutti dati davvero cruciali per il futuro”, ha continuato Malliaros. 

Attraverso Rhino, il team è stato in grado di convertire i dati di scansione in disegni 2D di ciascuno dei 300 pezzi nell’arco di un mese, un processo molto più rapido rispetto al precedente metodo di tracciamento dell’organizzazione, che avrebbe richiesto circa un anno. 

Da questo, versioni in scala di ogni pezzo saranno stampate in 3D e assemblate come prova pratica per la ricostruzione reale della barca, che dovrebbe essere tentata tra due o tre anni.

“Prima di iniziare il lavoro sui pezzi effettivi della barca, ci sarà una prova pratica solo per vedere come tutti i pezzi si incastrano e anche che tipo di sistema di supporto sarà necessario”, ha aggiunto Malliaros. “Ci sarà una versione puzzle ridotta della barca, e una volta che sarà stata assemblata – fantastico! Ora fallo per davvero”.

Dalla Barangaroo Boat, Malliaros ha scansionato altri tre relitti, portando a quattro il numero totale di barche scoperte e scansionate in 3D dalla Fondazione Silentworld.

“Non vediamo l’ora di sviluppare il nostro rapporto per assistere la Fondazione nell’esplorazione di come possono eventualmente utilizzare più della gamma Artec”, ha affermato Myers. “Siamo estremamente onorati di aver aiutato in piccolo modo ad assistere la Silentworld Foundation nella registrazione e nell’utilizzo dei dati 3D.”

Le scansioni vengono elaborate in un modello 3D pulito del legno utilizzando Artec Studio. I modelli 3D possono quindi essere utilizzati dagli archeologi per registrare informazioni dettagliate su ciascun pezzo di Rhino, ispezionando da vicino il legno fisico e quindi annotando il modello 3D. Immagine dalla metropolitana di Sydney.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi