Binter raccoglie 1,2 milioni di euro

BINTER RACCOGLIE 1,2 MILIONI DI EURO PER FINANZIARE IL LANCIO DI BIOSTAMPANTI SCALABILI IN NUOVI MERCATI
 

La start-up finlandese di bioprinting 3D Binter ha rivelato di aver ricevuto un investimento di 1,2 milioni di euro.

Raccolto tramite un round di finanziamento iniziale guidato dalla società di venture capital Innovestor , il capitale è destinato a essere utilizzato come mezzo per espandere le operazioni dell’azienda, consentendole di rivolgersi più facilmente ai mercati medici statunitensi ed europei con la sua biostampante 3D modulare, che si dice che potrebbe avere future applicazioni per la fabbricazione di organi. 

“La biostampa può sbloccare rapidamente le opportunità dietro la scienza e la ricerca di lunga data ma non realizzate e svolge un ruolo chiave nello spingere la frontiera della scienza medica”, ha affermato Tomi Kalpio, CEO di Binter. “Ciò si tradurrà in una migliore qualità della vita per i pazienti attraverso l’espansione di un trattamento più personalizzato e il continuo sviluppo di “pezzi di ricambio” biostampati che possono salvare vite umane”.

“SIAMO ENTUSIASTI DI AVERE IL SOSTEGNO DI INNOVESTOR, CHE PUÒ AIUTARCI AD ACCELERARE LO SVILUPPO DELLE NOSTRE CAPACITÀ OPERATIVE E LA SCALABILITÀ IN NUOVE AREE GEOGRAFICHE”.
 

Con sede nella città finlandese di Turku, e derivata dall’ufficio di stampa 3D 3DTech Ltd , Binter sviluppa sistemi, moduli e inchiostri di bioprinting per clienti medici, di ricerca e cosmetici. L’offerta dell’azienda ruota attorno al suo nome appropriato “Brinter 1”, che è in grado di depositare strati di idrogel carichi di cellule in modelli oncologici e microtessuti cancerosi e cartilaginei. 

In pratica, i clienti di Binter sono in grado di utilizzare il software dell’azienda per trasformare i dati di scansione MRI, raggi X o TC in modelli CAD, prima di stamparli in tessuti molli vitali da utilizzare nelle valutazioni dei farmaci, in un modo che potrebbe aiutare ad accelerare la traduzione di nuovi farmaci nelle cliniche e porre fine all’uso della sperimentazione animale. 

Con un prezzo di 24.900 euro, le macchine di Binter sono tutt’altro che economiche, ma sono anche modulari in modo univoco in quanto gli utenti possono acquisire e aggiungere diverse testine di stampa per accedere a una varietà di modalità su un’unica piattaforma. Lo strumento Pneuma dell’azienda, ad esempio, consente l’erogazione di bio-inchiostri a viscosità medio-bassa, mentre il suo strumento premium Visco Heated è dotato di funzionalità di regolazione della temperatura del materiale. 

 Secondo Briinter, molti ricercatori usano ancora metodi tradizionali di scoperta di farmaci e modelli di malattie, quando la sua biostampante 3D proprietaria potrebbe aiutare a ridimensionare l’intero processo. Di conseguenza, utilizzando i finanziamenti appena raccolti, l’azienda mira a rendere la sua tecnologia il più accessibile possibile e a rendere la bioprinting alla portata di tutte le aziende cliniche, gli ospedali e le università statunitensi o europee. 

Attualmente, la clientela di Briinter comprende aziende come Nanoform , oltre a ricercatori presso VTT , l’ Università di Glasgow , l’ Università Johannes Gutenberg di Magonza , l’ Università di Oulu e l’ Università di Helsinki . In un progetto particolarmente promettente presso l’ Università della Finlandia orientale , la tecnologia dell’azienda viene attualmente utilizzata per stampare in 3D materia neurale per future applicazioni di modellazione delle malattie cerebrali. 

“Sono estremamente entusiasta di continuare il nostro progetto di stampa cerebrale 3D con Binter”, ha spiegato Jari Koistinaho, professore di medicina rigenerativa presso l’Università della Finlandia orientale. “La biostampa 3D ci fornirà presto mini-cervelli umani e protesi cerebrali perfezionati, approfondendo così la nostra comprensione della mente umana e la nostra capacità di combattere gravi disturbi cerebrali”.

Da parte sua, Innovestor ha anche identificato progressi “accelerati tecnologici, materiali e metodologici” all’interno dell’industria della biostampa e ora prevede che la tecnologia di Binter integrerà questa tendenza, rendendo la ricerca e sviluppo scientifica fino a dieci volte più veloce e contribuendo a inaugurare l’era della trapianti di cuore/rene bioprintati. 

“Siamo molto entusiasti di far parte del viaggio di Binter”, ha concluso Wilhelm Lindholm, CEO di Innovestor. “Brinter è un’aggiunta entusiasmante al nostro portafoglio in quanto i vantaggi competitivi dell’azienda in termini di capacità di stampa multi-materiale, modularità e scalabilità combinati con la propria applicazione software di facile utilizzo sono stati molto convincenti”.

“AZIENDE COME BINTER STANNO APRENDO LA STRADA ALLA BIOPRINTING 3D, RIVOLUZIONANDO IL FUTURO DELLA MEDICINA AL PUNTO IN CUI È POSSIBILE REALIZZARE UN CUORE O UN RENE PERSONALIZZATO PER UN PAZIENTE SOTTOPOSTO A TRAPIANTO”.

 

Be the first to comment on "Binter raccoglie 1,2 milioni di euro"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi