Blast Studio 3D stampa la colonna dal micelio per creare “un’architettura che potrebbe nutrire le persone”
 
Lo studio londinese Blast Studio ha sviluppato un metodo per la stampa 3D con micelio vivo e lo ha utilizzato per formare una colonna che potrebbe essere raccolta per i funghi prima di fungere da elemento strutturale.

 
La colonna dell’albero, alta due metri, ha una struttura ondulata e ondulata che ricorda un tronco d’albero.

La sua forma è stata progettata algoritmicamente per migliorare la capacità strutturale della colonna e fornire condizioni di crescita ottimali per il micelio, l’apparato radicale dei funghi.

The Tree Column (sopra) è in mostra al Design Museum di Londra (immagine in alto)
La colonna è stata costruita mescolando il micelio con una materia prima di tazze di caffè di scarto raccolte da tutta Londra e alimentandolo in un estrusore a freddo su misura, simile a quello utilizzato per la stampa 3D con l’argilla .

Una volta stampato in forma, il micelio consuma i bicchieri di carta poltiglia e cresce fino a occupare l’intera colonna, producendo funghi che possono essere raccolti e mangiati.

La struttura della radice di micelio viene quindi essiccata per creare un elemento architettonico portante con proprietà isolanti naturali e ignifughe.

La colonna è stampata in 3D da strati di micelio
Blast Studio sta lavorando per aumentare la tecnologia per stampare un padiglione e in futuro spera di costruire interi edifici. La co-fondatrice Paola Garnousset ha affermato che ciò potrebbe effettivamente consentire alle città di far crescere l’architettura dai propri rifiuti fornendo cibo ai propri abitanti.

“La nostra visione è quella di avviare un nuovo tipo di architettura vivente che potrebbe autoripararsi ed essere raccolto per nutrire le persone”, ha detto a Dezeen.

“L’idea sarebbe quella di stampare in 3D una struttura vivente in situ, che verrebbe inoculata con diverse varietà di funghi, alcuni con un’elevata resistenza strutturale e alcuni deliziosi”.

I funghi possono crescere sulla superficie della struttura
Il processo di produzione di The Tree Column inizia con la triturazione delle tazze di caffè in carta e la loro bollitura in acqua per produrre una polpa di carta sterilizzata. Questo viene quindi miscelato con il micelio e con i pigmenti naturali desiderati per aggiungere colore.

La pasta di biomassa risultante viene spinta attraverso un estrusore e stampata in 3D, strato dopo strato, per formare 10 moduli separati, che vengono impilati in una colonna alta 2,1 metri e fusi insieme utilizzando più micelio.

Le sue numerose pieghe e fessure sono state progettate in modo generativo per creare una struttura che potesse sostenersi durante il processo di produzione additiva, oltre a supportare il processo di crescita del micelio creando “sacche di microclima” riparate che intrappolano l’umidità lungo la lunghezza della colonna.

La colonna è alta più di due metri
“Affinché il micelio cresca bene, ha bisogno di un ambiente umido lontano dal flusso d’aria, come nel sottobosco dove cresce naturalmente”, ha spiegato Garnousset.

“Ci siamo ispirati alle forme dei cactus che possono crescere con successo nel deserto catturando l’umidità dal vento e creando ombra nelle loro pieghe”.

Per le prime tre o quattro settimane, fino a quando il micelio non è cresciuto fino a comprendere l’intera colonna, deve essere tenuto all’interno di un ambiente umido e contenuto simile a una serra.

Leggi:
Il micelio è “parte della soluzione” per gli edifici carbon-negativi
Successivamente, viene essiccato a 80 gradi Celsius, uccidendo efficacemente l’organismo per fermare la sua crescita e solidificare il materiale, che secondo Blast Studio ha una capacità strutturale simile al pannello di fibra a media densità (MDF).

“La colonna è molto leggera e buona sia in compressione che in flessione grazie all’elasticità del materiale”, ha affermato Garnousset. “In piccole costruzioni come case e piccoli edifici, il cemento potrebbe essere sostituito dal micelio”.

Blast Studio ha anche creato una versione blu della colonna
Se una colonna dell’albero è danneggiata o non è più necessaria, può essere riciclata e ristampata per formare un nuovo elemento architettonico.

Ma Blast Studio sta anche cercando di creare una versione autoriparante del pilastro asciugando il micelio quanto basta per fermare la propagazione senza uccidere l’organismo, il che gli consentirebbe di ricrescere su eventuali crepe una volta esposto all’acqua.

Questo si ottiene mescolando la polpa di carta e il micelio con il pigmento indaco naturale
A Tree Column è attualmente in mostra come parte della mostra Waste Age al Design Museum di Londra e sarà utilizzata come primo elemento costitutivo del Tree Pavilion, che lo studio spera di costruire entro la fine dell’anno per dimostrare che la sua tecnologia potrebbe essere applicato a una scala architettonica più ampia.

Un certo numero di altri architetti e designer, tra cui Dirk Hebel e lo studio di New York The Living , hanno anche creato padiglioni sperimentali utilizzando il micelio invece dei tradizionali materiali strutturali ad alta intensità di emissioni come cemento e acciaio.

La colonna fa parte della mostra Waste Age al Design Museum
Ciò comporta generalmente la crescita del micelio in uno stampo per formare mattoni. Ma la tecnologia di stampa 3D di Blast Studio è in grado di creare forme complesse senza la necessità di casseforme, ottimizzate per migliorare le prestazioni dell’elemento costruttivo riducendone il peso e l’utilizzo di materiale.

Anche se questo tipo di applicazioni è ancora in fase di sviluppo, diverse aziende stanno già lavorando per creare pannelli isolanti e acustici certificati dal micelio , che possono funzionare meglio dei loro equivalenti in plastica mentre sequestrano il carbonio durante il loro processo di crescita.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi