Cacao Eco Village, un luogo immaginato dagli scarti di cacao stampati in 3D

Lo studio di architettura Valentino Gareri Atelier ha immaginato un nuovo concetto di villaggio sostenibile e intelligente: chiamato Cacao Eco Village , è un concentrato di tecnologie , uno spazio per gli innovatori di domani, un luogo di co-creazione rispettoso del pianeta. Fa affidamento sulle risorse locali e naturali, in particolare le fave di cacao con le quali stamperà alcune delle infrastrutture in 3D. Questo progetto architettonico, la cui costruzione inizia quest’anno in Ecuador, si basa su 5 pilastri: modularità, connettività, funzionalità, durata e diffusione della tecnologia.  

È a Pedernales che questo primo paese dovrebbe vedere la luce, in mezzo a spiagge panoramiche, in un ambiente idilliaco. Lo studio sta realizzando queste infrastrutture per il produttore di cioccolato MUZE Cacao e l’associazione Avanti e si ispira in gran parte al concetto di economia circolare. Valentino Gareri, fondatore dell’omonimo studio di architettura, spiega: “Abbiamo spinto i principi fondamentali dell’economia circolare a tal punto da ispirare la filosofia progettuale dell’intero progetto. Gli scarti di cacao, derivanti dal processo di produzione del cioccolato, saranno riutilizzati per la stampa 3D di alcune parti del villaggio. I rifiuti non si trasformano solo in risorsa, ma anche in architettura. In un futuro non molto lontano potremo progettare edifici realizzati interamente con materiali naturali e riciclarli al termine del loro ciclo di vita per crearne di nuovi o restituirli alla natura ”.

Il villaggio si troverà in Ecuador (photo credits: Valentino Gareri Atelier)
È quindi dagli scarti di cacao che verranno realizzati alcuni degli edifici, in particolare stampati in 3D. I gusci del frutto vengono infatti trasformati in bioplastica, materiale che viene poi estruso dalla stampante. Non è specificato esattamente cosa verrà stampato in 3D ma è comunque un metodo di produzione che fa parte del pilastro della sostenibilità. L’azienda non si ferma alla produzione additiva ; ha infatti immaginato un sistema di raccolta dell’acqua piovana nei tetti, un metodo di ventilazione e utilizza materiali locali come legno e bambù.
Cacao Eco Village riunirà un impianto di lavorazione del cacao, un centro di formazione e ricerca, una fabbrica di cioccolato ma anche un luogo di convivenza e di lavoro. È completamente modulare e può essere adattato a diversi siti a seconda dello studio di architettura. L’obiettivo è quello di poterlo riprodurre altrove e offrire così una vera rete di villaggi sostenibili e connessi. L’azienda conclude: “  Cacao Eco Village sarà la “Silicon Valley” degli innovatori dell’economia circolare; uno spazio per le invenzioni e un banco di prova per AgTech, FinTech, FoodTech, startup e imprese; produttori, produttori e ricercatori. Una destinazione e uno spazio di convivenza per i responsabili del cambiamento per connettersi, co-creare, essere ispirati e stimolare l’impatto sociale. » 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi