I ricercatori cinesi stanno sviluppando filtri stampabili in 3D per catturare le microplastiche dalle  
I ricercatori di Hong Kong, della City University di Hong Kong (CityU), hanno sviluppato un filtro stampato in 3D che possono utilizzare per catturare le microplastiche rilasciate nelle asciugatrici. Con questo vogliono attirare l’attenzione sul grande problema dell’inquinamento ambientale causato dalle microplastiche nei tessuti.  
Gli scienziati della City University di Hong Kong (CityU) di Hong Kong hanno sviluppato un filtro stampato in 3D per catturare le microplastiche rilasciate dalle asciugatrici. Vogliono sensibilizzare l’industria tessile sull’inquinamento da plastica. Le lavatrici e le asciugatrici sono tra le macchine di uso quotidiano che possono essere molto dannose per l’ambiente, poiché rilasciano microplastiche durante il lavaggio e l’asciugatura e le aggiungono al ciclo dell’acqua terrestre tramite l’acqua sporca. I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati in un articolo intitolato ” Microfibre rilasciate nell’aria da un’asciugatrice domestica ” sulla rivista Environmental Science & Technology Letters.

Inquinamento ambientale causato dalle microplastiche durante il lavaggio e l’asciugatura della biancheria
I ricercatori di Hong Kong vogliono ridurre questo impatto ambientale con il loro filtro stampato in 3D. Il filtro può limitare la quantità di microfibre di plastica emesse da questi dispositivi. Il governo federale ha spiegato in una pubblicazione (PDF, 502 Kb; apre in una nuova finestra) che circa 3.000 fibre finiscono nelle acque reflue ad ogni lavaggio. Il 35% della quantità di microplastica che finisce in mare proviene da lavatrici o asciugatrici. Secondo i ricercatori di Hong Kong, ogni anno vengono prodotte e rilasciate nell’aria esterna tra i 90 ei 120 milioni di microfibre.

Con il loro filtro stampato in 3D, i ricercatori vogliono ridurre l’impatto ambientale delle microplastiche (nella foto: rappresentazione grafica di come le microplastiche negli indumenti inquinano il nostro ambiente) (Image © Environ. Sci. Technol. Lett. 2022).
Filtri stampati in 3D con una soluzione semplice
I piccoli filtri stampabili in 3D sono dotati di un sistema di filtraggio progettato per asciugatrici. Le microparticelle trattenute vengono poste in un sacchetto ermetico, che può quindi essere smaltito con i rifiuti domestici appropriati, come spiega il professor Kenneth Leung del team di ricerca. Nel seguente articolo abbiamo descritto l’ impatto della stampa 3D sull’economia circolare .

Lo sviluppo mira a richiamare l’attenzione sul gigantesco problema dell’inquinamento da plastica degli indumenti che l’industria della moda deve affrontare. Nel marzo 2020, uno studio ha dimostrato che lavando a 40°C quattro diversi tipi di indumenti in poliestere rilasciavano tra le 700 e le 4.000 fibre per grammo di tessuto. I ricercatori hanno scoperto che indossare questi indumenti per soli 20 minuti rilasciava fino a 400 fibre per grammo di tessuto di microplastica.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi