BOFA presenta una soluzione di filtrazione per la stampa 3D in metallo sicuro
 
Il nuovo dispositivo di estrazione dei fumi AM 400 di BOFA include una nuova funzione di sicurezza progettata specificamente per le operazioni di produzione additiva.

L’AM 400 si rivolge al mercato LPBF, dove ci sono una serie di problemi di sicurezza. Il problema principale riguarda l’uso di polvere metallica fine nel processo di stampa 3D. Per ottenere una buona risoluzione del pezzo, le particelle metalliche devono essere estremamente piccole e di diametro uniforme.

Tuttavia, queste piccole particelle possono essere reattive se esposte all’ossigeno. In alcuni casi possono prendere fuoco o addirittura esplodere, soprattutto se in volo. Questo è il motivo per cui le stampanti 3D LPBF hanno sempre una camera di costruzione sigillata piena di gas inerte: l’ossigeno viene spurgato per prevenire disastri.

Ma non finisce con la camera di costruzione: la polvere deve essere protetta durante l’intero ciclo di vita nell’operazione. Ciò significa che deve essere sigillato durante lo stoccaggio, durante il caricamento del materiale, durante lo scarico del materiale e così via. Tutto ciò rende un processo molto complesso e costoso per stampare oggetti metallici in 3D utilizzando LPBF. I risultati, tuttavia, sono eccezionali e di solito giustificano il clamore richiesto per realizzare quelle parti.

 
C’è un altro problema che si verifica lungo una linea simile: filtri danneggiati.

BOFA International è uno dei principali produttori mondiali di dispositivi per l’estrazione dei fumi e i loro prodotti sono spesso utilizzati nelle operazioni di stampa 3D, in particolare dove non è disponibile la ventilazione esterna. Invece, è possibile installare un estrattore di fumi autonomo per pulire le emissioni della stampante 3D prima che vengano rilasciate nell’aria ambiente.

Ciò si verifica anche nelle operazioni LPBF, in cui i dispositivi di filtraggio sono collegati alle stampanti 3D. Tuttavia, una parte di quella polvere fine passerà attraverso il flusso d’aria e finirà nel filtro.

Hai indovinato, quei filtri ora devono essere trattati allo stesso modo di qualsiasi altro punto sul percorso della polvere.

Per cambiare questi filtri, l’unità di filtraggio dovrebbe essere disattivata, spostata in un’area sicura e i filtri sostituiti da un tecnico con DPI completi. È un grande sforzo per cambiare semplicemente un filtro.

BOFA ha risolto questo problema con la nuova unità AM 400, che dispone di filtri appositamente progettati e sigillabili. Spiegano:

“Con AM 400 di BOFA, i filtri sono contenuti in un alloggiamento separato con una robusta tenuta, che consente di completare la sostituzione del filtro in modo rapido e sicuro senza isolare l’attrezzatura di produzione additiva”.
BOFA suggerisce che gli utenti avranno risparmi sul flusso di lavoro, e questo è certamente vero. Se un’unità di filtraggio viene rimossa per la sostituzione del filtro, significa che anche la stampante 3D ad essa associata è inattiva per quel periodo di tempo. Una stampante 3D non funzionante è una che non fa soldi.

L’obiettivo per la maggior parte degli operatori LPBF è massimizzare l’utilizzo dell’attrezzatura. Questo perché c’è stato un enorme investimento per metterlo sul pavimento e farlo funzionare, nonostante i costi di attrezzature, materiali, personale, struttura e altro ancora. La macchina dovrebbe funzionare al massimo dell’utilizzo per recuperare l’investimento e spegnerla per la sostituzione del filtro è un passaggio costoso.
Il nuovo AM 400 dovrebbe ridurre drasticamente il tempo necessario per il cambio del filtro e di conseguenza fare più soldi per gli operatori.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi