Branch Technology raccoglie 11 milioni di dollari per far crescere la “flotta più grande” di stampanti 3D per l’edilizia

Branch Technology ha annunciato di aver chiuso un round di finanziamento da 11 milioni di dollari per la sua tecnologia di costruzione additiva. Con il suo round della serie A 2018, questo porta il finanziamento totale della startup a $ 22 milioni, consentendo all’azienda di espandere il suo team e sviluppare ulteriormente il suo approccio unico alla stampa 3D per l’edilizia.

Quando abbiamo appreso per la prima volta della società , Branch Technology aveva sviluppato un metodo chiamato Cellular Fabrication (C-Fab) per la stampa 3D di strutture reticolari polimeriche che potevano quindi essere spruzzate con isolamento e cemento per creare componenti prefabbricati estremamente leggeri, ma strutturalmente impressionanti. Il processo si basa su bracci robotici industriali dotati di estrusori di polimeri e collegati a binari massicci, risultando in uno dei più grandi sistemi di stampa 3D a forma libera mai realizzati. Secondo l’azienda, gli elementi stampati in 3D con C-Fab utilizzano 20 volte meno materiale rispetto alla tradizionale stampa a strati, pur consentendo notevoli rapporti resistenza / peso.

Dal suo lancio nel 2015, Branch Technology ha portato a termine una serie di progetti che dimostrano alcune delle possibilità di C-Fab, tra cui il giardino pensile ” Nature Clouds ” esposto al Chicago Field Museum of Natural History e la bandella One City in Nashville. Sebbene questi lavori non abbiano ancora incorporato elementi strutturali, sono in grado di mostrare i tipi di pezzi a forma libera che possono essere creati utilizzando la tecnologia di stampa 3D. La società ora afferma di vantare la “più grande flotta di stampanti 3D per l’edilizia”.

Branch offre ora quattro prodotti specifici, che includono la matrice polimerica a forma libera: una struttura polimerica nuda stampata in 3D, pensata principalmente per scopi estetici. Il prodotto Filled + Milled Composite prende la suddetta matrice e aggiunge altri materiali ma manca di un rivestimento esterno finito. Questo può essere trovato nel prodotto Finished Facade Panel, che si basa sul composito riempito + fresato con un esterno in GFRC o stucco sintetico, risultando in un muro completato. Infine, Connections + Hardware può essere utilizzato per montare queste pareti per creare pannelli di grandi dimensioni.

Con il round di finanziamento guidato da EquipmentShare , con il sostegno di Brick & Mortar Ventures , Chattanooga Renaissance Fund e altri investitori precedenti, Branch Technology sarà in grado di svilupparsi ulteriormente. L’azienda prevede di espandere ulteriormente il proprio team, incorporando esperti in scienze dell’edilizia, software e ingegneria. Inoltre, mira a far crescere la sua flotta di stampanti 3D e le sue capacità generali.

Mitch Lewandowski, Chief Commercial Officer di Branch Technology, ha dichiarato: “Questo finanziamento supporta diverse relazioni aziendali che verranno lanciate ufficialmente nel 2021 e accelera nuove capacità congiunte che serviranno il più ampio mercato delle costruzioni”.

EquipmentShare è una società di tecnologia edile con sede nel Missouri che ha sviluppato una piattaforma per il monitoraggio in tempo reale e basato su cloud delle attrezzature da costruzione. Con i suoi strumenti di tracciamento, le aziende possono quantificare l’utilizzo della macchina, monitorare le ore e i turni dei dipendenti ed eseguire altre attività di gestione delle macchine edili in un sito. L’azienda è stata fondata nel 2015 e si è già diffusa in 27 stati e in due paesi.

L’interesse di EquipmentShare per Branch Technology potrebbe derivare da una sinergia nella digitalizzazione del settore delle costruzioni. A causa della natura una tantum della maggior parte degli edifici, è stato difficile applicare alla costruzione gli stessi strumenti di controllo della qualità e di gestione del tempo che si trovano nel settore manifatturiero.

Per questo motivo, nuove tecnologie come il Building Information Modeling (BIM) vengono sempre più implementate per cercare di rendere la costruzione il più prevedibile e gestibile possibile. La prefabbricazione farà molto per garantire il controllo di qualità dei singoli componenti, ma c’è ancora molto da fare. La stampa 3D ha il potenziale per digitalizzare la costruzione di alcuni elementi edilizi e sembra che EquipmentShare stia tentando di gestire la logistica dei macchinari in loco. Man mano che Branch Technology avanza, insieme al segmento delle costruzioni additive nel suo insieme, potremmo iniziare a vedere i contorni di un settore edile digitale prendere effettivamente forma.

Be the first to comment on "Branch Technology raccoglie 11 milioni di dollari per far crescere la “flotta più grande” di stampanti 3D per l’edilizia"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi