L’esercito indiano costruisce bunker stampati in 3D per le truppe nel Ladakh orientale; Può resistere al fuoco del carro armato
 
Nel deserto è stato costruito anche un rifugio stampato in 3D per ufficiali e sottufficiali.
 
L’esercito indiano ha annunciato oggi di aver costruito bunker stampati in 3D o difese permanenti lungo la linea di controllo effettivo nel Ladakh orientale. Questi sono i primi del loro genere in India e si dice che resistano al fuoco dei carri armati da distanza ravvicinata.

I servizi di ingegneria militare (MES) e le start-up, comprese quelle di IIT-Gandhinagar e IIT-Madras, hanno sviluppato strutture stampate in 3D di varie dimensioni e capacità, la più piccola delle quali può ospitare due persone. Secondo fonti della difesa, anche nel settore occidentale o del deserto si sono svolte con successo prove contro un fuoco di T-90 da 100 metri.

Il MES prevede di distribuire rifugi permanenti stampati in 3D, come bunker e case, a partire dalla prossima estate in turni vicino a posizioni avanzate lungo la linea di controllo effettivo e il confine internazionale, da Ladakh, Sikkim e Arunachal Pradesh alle regioni desertiche.Il MES è nato con l’intenzione di avere una struttura per due persone che pesasse 80 kg, ma è stata ridotta a 40 kg per una migliore mobilità verso altezze più elevate. Questa riduzione di peso riduce indubbiamente la sua capacità di resistere ai danni, ma ad altitudini più elevate ci sono poche possibilità di una battaglia tra carri armati e il combattimento può essere limitato alle armi portatili e tali strutture sono più che sufficienti per resistere anche a raffiche pesanti di munizioni di alto calibro. .

Il vantaggio dell’utilizzo della tecnologia di stampa 3D è che una struttura stampata in 3D può essere costruita come un unico blocco o le parti prefabbricate possono essere assemblate per completare la struttura. Anche il tempo di costruzione è notevolmente ridotto e, cosa interessante, la stampante 3D può essere posizionata nelle vicinanze del deposito di rifornimenti più vicino o più sicuro, fornendo sostituzioni del bunker come e quando sono necessarie sul campo di battaglia, in modo simile a come fanno altri oggetti come munizioni, farmaci, e le razioni vengono rifornite.

“I bunker stampati in 3D sono in grado di resistere alle esplosioni, possono essere eretti entro 36-48 ore e trasferiti da un luogo all’altro. Difese permanenti stampate in 3D sono state costruite per la prima volta dal Corpo degli ingegneri dell’esercito indiano nel settore del deserto. Queste difese sono state testate contro una gamma di armi, dalle armi leggere al cannone principale del carro armato T90”.

 
Il MES sta anche tentando di costruire un edificio a tre piani con un budget annuale di 30.000 crore. Questo sarà un punto di svolta, in caso di successo, e sarà utile per stabilire rapidamente postazioni e basi avanzate in località avanzate come Ladakh orientale, Sikkim e Arunachal Pradesh. Aiuterà anche a ricostruire edifici danneggiati, bunker e altre strutture.

L’esercito indiano, in particolare il MES, sembra aver deciso di mettere alla prova la tecnologia di stampa 3D per il maggior numero possibile di strutture militari. Poiché la tecnologia è verde, pulita e rinnovabile e consente una costruzione più rapida e, in alcuni casi, una maggiore resistenza, a lungo termine sarà meno costosa. E questo è coerente con progetti precedenti come la torre di controllo del traffico aereo a Pune, case stampate in 3D per Jawans in Gujarat, Sentinella e altri.

 

 case in cemento stampate in 3D per Jawans dell’esercito indiano / Fonte immagine: Hindustan Times

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi