Cellink acquisisce una rivoluzionaria azienda di microscopia per 110 milioni di dollari
 
La società di bioprinting Cellink ha annunciato un accordo da 110 milioni di dollari per acquisire il produttore di microscopi Discover Echo . Si prevede che la mossa genererà circa 20 milioni di dollari di entrate nel 2021 ed è in linea con la potente strategia di bioconvergenza di Cellink per rafforzare la sua offerta di prodotti attraverso prodotti all’avanguardia e innovativi, avvicinando il gruppo all’offerta di flussi di lavoro completi ai suoi clienti nel settore biofarmaceutico, accademico , e ospedali. Echo continuerà ad essere una società autonoma, parte dell’area di business delle bioscienze di Cellink, e si prevede che mostrerà un potenziale di crescita nel settore dei bioprocessi in cui Cellink è un noto fornitore.

Echo è la quinta acquisizione di Cellink quest’anno, dopo l’acquisizione della società di robotica finlandese Ginolis a febbraio per 83 milioni di dollari; l’innovatore della tecnologia in vitro MatTek a marzo per $ 68 milioni e a maggio l’ acquisto del produttore di stampanti 3D ad alta precisione Nanoscribe per $ 60 milioni e il fornitore di servizi di ricerca a contratto Visikol per $ 7,5 milioni. L’azienda svedese con sede a Boston ha costantemente aumentato il proprio portafoglio di attività dal 2018, aggiungendo nuove tecnologie alla sua crescente gamma di prodotti utilizzati dai ricercatori di colture cellulari di tutto il mondo per applicazioni nell’ingegneria dei tessuti, nello sviluppo di linee cellulari, nella multi-omica e nella diagnostica.

Cellink ha affermato che tutti i suoi clienti potrebbero trarre vantaggio dai prodotti Echo, aprendo un potenziale di vendita incrociata e raggruppamento di prodotti, che potrebbe aiutare a far crescere più linee di prodotti e aumentare l’uso dei materiali di consumo offerti. Il CEO e co-fondatore dell’azienda Erik Gatenholm vede nella rivoluzionaria tecnologia di microscopia e nella linea di prodotti dirompenti di Echo un complemento ai prodotti di bioconvergenza esistenti di Cellink e un modo per catturare forti sinergie di vendita incrociata.

Cellink aveva già permeato il campo della microscopia nel 2019 introducendo la sua tecnologia Cellcyte X, dotata di una fotocamera da cinque megapixel, alla pari con la maggior parte delle fotocamere per microscopi. Il lancio della piattaforma ha permesso ai ricercatori di monitorare meglio le strutture biostampate e la proliferazione delle cellule stampate in 3D nei rispettivi ambienti. Oggi, Gatenholm ritiene che il mondo della microscopia stia attraversando una “trasformazione massiccia”. In effetti, si prevede che il mercato della microscopia raggiungerà $ 8,2 miliardi nel 2024 da $ 6,3 miliardi nel 2019, trainato da un’elevata domanda di dispositivi di ingrandimento avanzati dal settore sanitario e dall’industria dei semiconduttori in rapida crescita.

Con i primi e unici microscopi ibridi di Discover Echo, Cellink anticipa che continuerà a rivoluzionare un’industria secolare. I produttori di microscopi legacy offrono una strumentazione complessa, composta da più accessori hardware e moduli software che solo gli esperti di microscopia ben addestrati possono utilizzare. Inoltre, la maggior parte dei laboratori di scienze biologiche possiede due microscopi: in posizione verticale per la visualizzazione di vetrini e invertito per la visualizzazione di campioni vivi in ​​piastre Petri e piastre a pozzetti. Invece, la società di San Diego, California, fondata nel 2013 dall’esperto di microscopia Eugene Cho, si è concentrata sullo sviluppo, la produzione e la vendita di microscopi brevettati e ibridi che si trasformano facilmente tra configurazioni verticali e invertite, unendo le capacità di più strumenti in uno solo.


Con clienti come NASA , Stanford University , Roche e Pfizer , il produttore di microscopi startup ha fatto molta strada dallo sviluppo del suo microscopio Revolve di punta, che integrava la funzionalità di un microscopio verticale e invertito con tablet e tecnologie basate su cloud. All’epoca, Cho descrisse la sua azienda come “una sfida allo status quo della microscopia e l’introduzione dell’usabilità avanzata del 21° secolo” ai ricercatori di tutto il mondo. La sua visione è stata ben accolta anche tra gli investitori. Solo tre anni dopo essere stata fondata, ha chiuso un round di finanziamento di $ 2 milioni guidato da Tech Coast Angels in meno di due mesi e si dice che sia il più grande round di finanziamento della rete Angel per l’anno.

Incentrato sulla creazione di prodotti intuitivi e di facile utilizzo, Cho ha affermato di volere che gli scienziati si concentrassero sulla biologia sotto le lenti piuttosto che sui tecnicismi del funzionamento di un microscopio. Con questo obiettivo in mente, Echo ha svolto un ottimo lavoro nel ridefinire l’esperienza utente del settore integrando display touch-screen ad altissima risoluzione e un’app software che migliora il flusso di lavoro di acquisizione, condivisione e analisi delle immagini.

Da Revolve, Echo ha continuato a sviluppare altre due piattaforme con la stessa tecnologia di base. Il suo sistema Rebel compatto è stato progettato come un microscopio da lavoro per la coltura dei tessuti, mentre il microscopio più completo dei tre, chiamato Revolution, offre immagini completamente automatizzate e ad alte prestazioni.

Nel complesso, Echo ha sviluppato un microscopio per ogni esigenza e budget, considerando che non tutti i laboratori di ricerca in tutto il mondo hanno il budget per acquistare i sistemi più avanzati ma hanno un disperato bisogno di tecnologia all’avanguardia per far progredire il loro lavoro. Finora, il mercato più prolifico del prodotto è stato il Nord America, ma Echo ha anche acquisito una forte presenza in Europa, dove ha aperto una filiale e in Asia.

Scopri i tre microscopi di Echo sfruttano la sua esclusiva tecnologia ibrida che si trasforma facilmente tra configurazioni verticali e invertite. Immagine per gentile concessione di Discover Echo/Cellink.
Ora che Echo fa parte di Cellink, passerà da un’attività dirompente della microscopia a contribuire alla missione di Cellink di far progredire l’assistenza sanitaria attraverso la bioconvergenza e ridefinire il futuro della medicina. In futuro, l’azienda prevede di rafforzare il proprio portafoglio prodotti per ottenere sinergie ancora più forti con le piattaforme Cellink esistenti.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi