Chuck Hull a proposito del viaggio di 3D Systems nel bioprinting

Dopo 35 anni di creazione di tecnologie di stampa 3D innovative, la società pioniera 3D Systems (NYSE: DDD ) sta espandendo i suoi sforzi di bioprinting . A seguito di una collaborazione di successo con United Therapeutics Corporation dedicata allo sviluppo di sistemi di stampa 3D per scaffold di organi solidi, 3D Systems intende investire, sviluppare e commercializzare applicazioni mirate per la medicina rigenerativa per applicazioni di organi non solidi.

Co-fondata da Charles ” Chuck ” Hull , noto come il padre della stampa 3D, 3D Systems è cresciuta fino a diventare un’azienda globale di soluzioni AM con una solida posizione in molti settori. Ciò include l’assistenza sanitaria, dove fornisce soluzioni da oltre 35 anni. L’esperienza di 3D Systems nella stampa 3D nel settore sanitario ha contribuito a rendere l’espansione nel bioprinting un passo successivo intuitivo per l’azienda.

Il team di Hull e la filiale di United Therapeutics per la produzione e il trapianto di organi, Lung Biotechnology PBC , hanno compiuto progressi significativi verso lo sviluppo di una soluzione di piattaforma AM di prossima generazione per scaffold polmonari in grado di stampare a grandezza naturale, vascolarizzata, rapida, a livello di micron. L’obiettivo finale è affrontare la grave carenza nazionale di polmoni e altri organi trapiantabili con varie tecnologie che ritardano la necessità di tali organi o ampliano l’offerta.

Concentrandosi sui futuri sforzi di commercializzazione e espandendosi nello spazio della bioprinting, Hull ha condiviso alcune delle sue aspettative sulla nuova impresa di 3D Systems. Attualmente in qualità di Chief Technology Officer per l’azienda, l’inventore di 81 anni sta gettando le basi per aiutare i pazienti in condizioni critiche e utilizza la tecnologia 3D per farlo.

“Questo è sicuramente un grande passo per la nostra azienda. Seguiamo il bioprinting da anni ed è stato tipicamente uno spazio di applicazioni di ricerca, non ancora focalizzato su soluzioni sanitarie commerciali “, ha detto Hull a 3DPrint.com. “Detto questo, 3D Systems si è concentrata sulla creazione di un importante business sanitario e credo che tutti noi in futuro avremmo immaginato di essere direttamente coinvolti nel bioprinting. È ancora un settore un po ‘nascente, ma la decisione è stata: “quando iniziamo?” E ora che abbiamo, la domanda diventa: “quando il settore effettuerà la transizione tra il punto in cui si trova ora e la realtà più ampia di ciò che potrebbe essere?” Non vediamo il bioprinting come una parte importante di 3D Systems per un po ‘perché tutte queste applicazioni richiedono tempo per svilupparsi, maturare e passare attraverso un percorso normativo. Ancora,

Sebbene la tempistica per un vero polmone umano trapiantabile possa essere lontana anni, Hull afferma che potremmo vedere molte opportunità per una gamma di applicazioni tissutali che possono derivare dalla tecnologia molto più rapidamente, inclusi metodi di test di laboratorio che accelereranno lo sviluppo di nuove terapie farmacologiche. .

La partnership con Lung Biotechnology ha compiuto progressi rivoluzionari nella modellazione polmonare, nella stampa 3D, nella formulazione dei materiali e nella manipolazione dei materiali per produrre capacità significative in bioprinter e biomateriali per la produzione polmonare. Tuttavia, il viaggio di 3D System nel bioprinting è iniziato più di sei anni fa. Hull ricorda quando il CEO di United Therapeutics, Martine Rothblatt, ha discusso con lui della visione degli scaffold polmonari per la stampa 3D per la produzione di polmoni per impianti, che sono molto richiesti. “Non era possibile”, pensava Hull all’epoca, “è un lavoro troppo difficile per la stampa 3D”. Tuttavia, dopo aver studiato la tecnologia, Hull ha deciso che poteva essere fattibile.

“Non che la Lung Biotechnology sia pronta a lanciare la produzione di polmoni, ma siamo su quella strada. Abbiamo imparato cosa serve per sostenere la vita. 3D Systems ha sviluppato la capacità di stampa e ha contribuito a sviluppare i materiali e il software per renderlo possibile. Possiamo fornire il percorso di vascolarizzazione per la complessa rete di vie aeree e vie sanguigne. Possiamo stampare scaffold di idrogel completamente vascolarizzati in modo che le cellule abbiano l’apporto di sangue e nutrienti “, ha detto Hull. Il nuovo processo Print to Perfusion consente la stampa 3D di scaffold ad alta risoluzione, che possono essere perfusi con cellule viventi per creare tessuti.

Per portare avanti questi sforzi, 3D Systems sta espandendo la sua tecnologia Figure 4 ad alta velocità attraverso l’innovazione su misura per la bioprinting e la medicina rigenerativa. Basandosi su queste capacità, l’azienda sarà in grado di fare progressi in numerose applicazioni all’interno del corpo umano in collaborazione con i suoi partner. Ciò include il potenziale per consentire nuovi metodi di test di laboratorio per accelerare lo sviluppo di nuove terapie farmacologiche riducendo al contempo la necessità di test sugli animali.

Desideroso di collaborare con altre aziende, 3D Systems sta lavorando per fornire una soluzione completa per i ricercatori di medicina rigenerativa. Hull prevede che i tessuti diventeranno un potente segmento di dispositivi medici per una migliore assistenza sanitaria in futuro. Tuttavia, ci sono ancora ostacoli da superare: “La parte della stampa 3D è facile, la biologia cellulare è la parte difficile”.

3D Systems sta sfruttando la tecnologia di bioprinting in modo che i ricercatori possano portare avanti il ​​campo. Basandosi sui progressi compiuti dalla società fino ad oggi, 3D Systems sta infondendo risorse aggiuntive nei suoi sforzi di ricerca e sviluppo in medicina rigenerativa per accelerare i programmi di sviluppo che ampliano la portata delle potenziali applicazioni. 3D Systems aveva annunciato in precedenza collaborazioni con CollPlant Biotechnologies e Antleron che ne hanno ampliato le capacità nella medicina rigenerativa. Hull ha anche anticipato che potremmo aspettarci di sentire di più partnership durante il 2021, poiché amplia il suo portafoglio di collaborazioni.

Be the first to comment on "Chuck Hull a proposito del viaggio di 3D Systems nel bioprinting"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi