Per la fabbrica di batterie ELEO, la stampa 3D è la cosa più normale al mondo. È una parte inseparabile del processo produttivo.

Scale-up ELEO utilizza esplicitamente la stampa 3D per accelerare il suo processo di sviluppo. Lo spin-off TU Eindhoven sviluppa sistemi di batterie, tra l’altro, per grandi escavatori nel settore edile, ma anche per piccoli veicoli logistici nei magazzini.

Da quando è nata come team di studenti STORM, nel 2014, l’azienda ha utilizzato stampanti 3D, afferma Jules Frints, sviluppatore di prodotti presso ELEO. Allora, il team ha ricevuto una stampante sponsorizzata daLay3rs, dove lavorava all’epoca il suo collega e amico Stephan van der Burgh. I due sono ora gli specialisti del 3D all’interno dell’azienda.

“All’inizio ci chiedevamo se avremmo davvero fatto così tanto”, ammette Frints. “Ma siamo diventati così entusiasti che a un certo punto ne abbiamo comprato uno noi stessi. E quello è stato sostituito da una versione migliore. Ora ne abbiamo due”.

Fase di sviluppo
Nel 2016, il team studentesco ha guidato una motocicletta elettrica fatta in casa in giro per il mondo in ottanta giorni. La motocicletta è stata una vetrina per mostrare al mondo che è possibile guidare in elettrico ovunque, ha affermato il co-fondatore Bas Verkaikin un’intervista.

L’azienda si è evoluta e ora ELEO sviluppa sistemi di batterie modulari che i clienti possono utilizzare nei propri veicoli. Un pacchetto è composto da diversi moduli e un controller. Frints: “Possiamo svilupparlo completamente secondo le specifiche del cliente. A seconda dei requisiti del cliente per voltaggi, capacità e volume, un pacchetto è composto da uno o più moduli”. ELEO si trova presso l’Automotive Campus di Helmond.

La stampa 3D non è fine a se stessa per ELEO, continua Frints. “Nella fase di sviluppo, è molto utile poter prototipare rapidamente le parti.” In una fase successiva, queste parti vengono realizzate con stampaggio ad iniezione. Questa tecnica ha un tempo di consegna molto più lungo rispetto alla stampa 3D. “Hai bisogno di uno stampo per questo, che è piuttosto costoso da realizzare. Preferisci ottenere quello stampo giusto la prima volta. Ma anche in questo caso, possono essere necessari alcuni mesi prima che i prodotti vengano realizzati”.


Gli sviluppatori di batterie ELEO possono raggiungere ambizioni di crescita grazie al nuovo investitore
L’innovativo produttore di batterie ELEO con sede a Helmond, nei Paesi Bassi, sarà in grado di realizzare le sue ambizioni di crescita per i prossimi anni grazie a un … Continua
Tessuto nel processo di produzione
Inoltre, non dipendi da terze parti e puoi creare rapidamente qualcosa da testare, afferma Frints. “È bello avere un prodotto tra le mani in una fase iniziale. Non deve essere buono tutto in una volta. Puoi fabbricare rapidamente qualcosa in una forma libera e quindi iniziare a perfezionarlo”. 

Naturalmente, questo primo prototipo non avrà la stessa precisione o rigidità del materiale finale. Né è necessario in alcuni test, dice Frints. Ad esempio, per vedere quanto sia sensibile un progetto alle radiazioni elettromagnetiche. “Per questo, non importa se utilizzo una parte stampata in 3D o stampata a iniezione di plastica. Per la sicurezza antincendio, i test di vibrazione e shock, la precisione e il materiale sono di nuovo importanti”.


Giulio Frints
La stampante 3D è completamente intrecciata nel processo produttivo dell’azienda, per la prototipazione e l’attrezzaggio. “Per noi è molto normale trasformare rapidamente un’idea in una stampa 3D. Proprio questa settimana è successo. Abbiamo dovuto assemblare diversi componenti e stampare rapidamente uno stampo per loro. Solo per mettere a posto i componenti”.

Complesso
A volte una parte stampata in 3D rimane nella linea di produzione. “Questo non coinvolge mai grandi numeri. Ma a volte stampiamo una parte per un cliente, ad esempio per tenere insieme i cavi, che poi rimangono lì”.

ELEO non stampa tutte le parti da solo. “Dipende dalla funzione e dalla precisione richiesta se esternalizziamo una stampa”, afferma. L’azienda dispone di una stampante FDM e di una stampante SLA. Se sono necessarie altre stampanti, Frints esternalizza quel lavoro. 

“Ad esempio, una stampante Multi Jet Fusion stampa con un tipo di nylon. Questo ci permette di realizzare prodotti più belli e precisi di quelli che possiamo fare con le nostre stampanti. Dipende anche dalla geometria di una parte. Se la forma è troppo complessa, abbiamo un’azienda che stampa anche quella per noi”. Quando le parti sono piccole e resistenti, o grandi e ruvide, ELEO può stamparle senza l’aiuto dell’esterno.

Frints sta ora lavorando ai prototipi della nuova generazione di batterie, che l’azienda lancerà entro la fine dell’anno. A tale scopo, la versione di prova stampata di un cosiddetto cell spacer è stata sostituita da una variante realizzata con uno stampo a iniezione di acciaio. “Da questo possono scaturire alcune centinaia di migliaia di prodotti”, si aspetta. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi