Come stampare in 3d un badge apriporta distanziatore per aprire una porta o passare una carta badge senza contaminarsi con il coronavirus il Distancer stampato in 3D da 3D LifePrints UK.

Stampa 3D per COVID-19: ID badge / apriporta da 3D LifePrints UK

Numerose piccole aziende stanno tentando di sostenere le carenze di approvvigionamento che gli ospedali devono affrontare a causa dell’epidemia di COVID-19 e di fornire nuovi dispositivi in ​​grado di ridurre il potenziale rischio di contaminazione per i professionisti medici.

Una di queste piccole aziende che dà una mano alla carenza di approvvigionamento è 3D LifePrints UK , uno specialista additivo nella produzione di dispositivi medici che produce articoli come impianti per la chirurgia craniofacciale, guide chirurgiche e modelli pre-chirurgici per fondi del Servizio sanitario nazionale, società di dispositivi medici, ricerca istituzioni e altri nel Regno Unito, in Europa e nel mondo.

Un numero di istituzioni mediche ha chiesto a 3D LifePrints di indagare e fornire prototipi di dispositivi di protezione individuale (DPI) come connettori per maschere facciali, supporti per dispositivi ICU che vengono spostati in altri luoghi e un semplice dispositivo stampabile 3D chiamato ” Distanziatore .” Quest’ultimo elemento consente agli operatori sanitari di aprire una porta o scorrere una carta d’identità senza la necessità di toccare superfici potenzialmente contaminate.

“Un medico attraversa una porta fino a 150 volte al giorno in un ospedale. La frase che sentiamo continuamente è “le porte sono come lava”. La ritenzione superficiale di COVID-19 è piuttosto elevata in acciaio inossidabile e plastica “, ha affermato il fondatore e CTO Paul Fotheringham.

Fotheringham ha spiegato che, oltre al protocollo regolare per il quale i dipendenti dell’ospedale usano i loro documenti di identità, è necessario presentare una corretta identificazione nelle strutture sanitarie per prevenire il furto delle forniture da parte del personale ospedaliero.

Per garantire il mantenimento di un protocollo adeguato e prevenire la diffusione del virus, 3D LifePrints UK e l’Alder Hey NHS Foundation Trust hanno progettato un dispositivo stampato in 3D che può appendere un portachiavi o un cordino e consentire l’inserimento di diapositive della carta d’identità elettronica dell’utente . Il Distancer è dotato di una maniglia in modo che l’utente non debba toccare la scheda effettiva, un gancio che consente agli utenti di aprire una porta e un’estremità piatta per spingere le porte chiuse.

L’azienda stampa in 3D gli articoli da materiali che non si deteriorano durante il processo di pulizia, che è essenziale per gli articoli esposti a COVID-19: nylon PA 12, ABS o PLA antimicrobico che include un additivo nano-rame incorporato. È disponibile in due versioni, imballate in modo piatto con cerniere viventi e assemblaggio con un clic, che potrebbero essere prodotte in serie con stampaggio ad iniezione o una versione stampata in 3D.

Distancer stampato in 3D da 3D LifePrints UK. Il file è disponibile per il download sul sito Web dell’azienda. Immagine gentilmente concessa da 3D LifePrints UK.

3D LifePrints sta attualmente producendo e consegnando 4.000 Distanziatori agli ospedali NHS, mentre progetta e valuta altri articoli. L’azienda sta inoltre collaborando con l’NHS per sviluppare un connettore speciale che può unire una maschera subacquea standardizzata a un filtro per anestesia che si traduce in un dispositivo di tipo respiratore per medici (non pazienti). Ciò è in contrasto con il dispositivo di tipo CPAP sviluppato in Italia utilizzando maschere di Decathlon. Il dispositivo è attualmente in fase di valutazione con l’NHS, ma è promettente per il fatto che la maschera da sub è adatta alla forma e sigillata contro il viso con la gomma in un modo necessario per la sicurezza dei medici.

Fotheringham ha sottolineato che 3D LifePrints non ha semplicemente iniziato a produrre materiali per le strutture mediche del Regno Unito di punto in bianco, ma sta agendo su richieste specifiche dal NHS e dagli ospedali britannici e sta lavorando con partner medici per garantire la sicurezza dei dispositivi, mentre è il lavoro della sua azienda nel progettare, iterare e produrre le parti secondo le esigenze e le specifiche dei professionisti medici.

In genere, questi dispositivi richiederebbero test clinici significativi e l’approvazione da parte degli organismi normativi competenti, ma a causa della natura di emergenza dell’attuale crisi della salute pubblica, i dispositivi che non hanno ancora ricevuto la certificazione vengono sottoposti a un rapido processo di approvazione.

Altre considerazioni prese in considerazione sono le tecnologie e i materiali di produzione specifici utilizzati per produrre le parti. Stampanti per estrusione di materiale più comuni e meno costose, ad esempio, sono note per rendere gli articoli più porosi e con finitura superficiale più ruvida rispetto a quelli realizzati con sinterizzazione laser selettiva e altre tecnologie di fusione a letto di polvere polimerica. Ciò riduce la possibilità che i batteri si sviluppino nelle fessure nascoste e facilita la pulizia delle parti.

Per quanto riguarda i materiali, la società si sta concentrando sulla capacità della plastica di resistere all’uso di disinfettanti chimici per ridurre al minimo la degradazione della parte nel tempo. In questo caso, il PLA (il polimero più comune utilizzato nelle macchine desktop e realizzato con amido di mais), non è l’ideale. Tuttavia, il polipropilene, dal quale 3D LifePrints intende stampare ad iniezione il suo Distancer, è più resistente e può sostenere ripetute pulizie.

Fotheringham ha esortato gli appassionati e gli esperti della stampa 3D a usare cautela e corretta gestione del tempo quando si offrono volontari per combattere la crisi dell’approvvigionamento di COVID-19. Ha suggerito che questi dispositivi dovrebbero essere realizzati in collaborazione con professionisti medici per garantire che venga seguito il protocollo adeguato. Un modo sarebbe quello di utilizzare canali ufficiali come la FDA negli Stati Uniti, a cui abbiamo contattato per saperne di più sulla sicurezza dei dispositivi medici stampati in 3D realizzati in risposta alla crisi della salute pubblica. Tratteremo questo argomento in modo più approfondito in un articolo di follow-up.

Be the first to comment on "Come stampare in 3d un badge apriporta distanziatore per aprire una porta o passare una carta badge senza contaminarsi con il coronavirus il Distancer stampato in 3D da 3D LifePrints UK."

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi