Concesso un nuovo brevetto per la stampa 3d volumetrica alla Southern Methodist University (SMU) di Dallas

Nuovo brevetto per la stampa 3D volumetrica concesso

Gli sviluppi nella stampa 3D volumetrica continuano con un nuovo brevetto recentemente concesso dall’USPTO.

La stampa 3D volumetrica è un processo completamente nuovo che promette di consentire la stampa 3D quasi istantanea in resina. Il processo prevede un approccio di scansione TC inversa che solidifica simultaneamente l’oggetto in forma 3D completa, piuttosto che il noioso approccio strato per strato di tutti gli altri processi di stampa 3D odierni.

Il brevetto US10843810 è stato concesso alla Southern Methodist University (SMU) di Dallas poche settimane fa ed è stato depositato il 9 dicembre 2019, più di un anno fa.

Il brevetto sembra piuttosto ampio e potrebbe coprire una vasta gamma di stili di stampa 3D volumetrica. L’abstract del brevetto spiega abbastanza bene il processo:

“La presente invenzione include un sistema, un apparato e un metodo per generare un’immagine tridimensionale e / o stampare strutture tridimensionali, il sistema comprendendo: un mezzo comprendente un monomero fotoinduribile e una molecola di interruttore molecolare ottico che ha uno stato non fluorescente e uno stato fluorescente, in cui il monomero forma un polimero all’esposizione alla luce emessa. Vengono insegnate anche nuove molecole fotoswitch fluorescenti “.

Come puoi vedere nel diagramma sopra, il concetto prevede l’uso di un proiettore DLP per proiettare fette nella vasca di resina, insieme a un laser per attivare i voxel. Facendo girare la vasca si può costruire rapidamente un oggetto completamente 3D attraverso la solidificazione della resina fotopolimerica.

Questa tecnologia verrà introdotta sul mercato dalla startup californiana Topshelf Enterprises (T3DP), guidata da Daniel Clark, che sembra essere uno dei proprietari dei brevetti. Evidentemente T3DP è autorizzato a commercializzare la tecnologia sviluppata presso SMU.

Questa squadra apparentemente possiede diversi altri brevetti correlati in quest’area, incluso uno per “Holovect”, un dispositivo in grado di visualizzare un’immagine 3D nello spazio. Ecco un video in azione:

Come puoi immaginare, la capacità di farlo è abbastanza simile a quella utilizzata per la stampa 3D volumetrica in cui l’energia deve essere erogata a specifiche posizioni dei voxel nello spazio 3D. Il sistema Holovect utilizza la scansione TC inversa, come la maggior parte degli approcci volumetrici.

Mi risulta che ci siano altri brevetti relativi al volume da questo gruppo, e apparentemente altri stanno per essere concessi dall’USPTO.

T3DP non sembra avere un sito Web adeguato che posso trovare, ma altre prove online suggeriscono che il loro obiettivo è sviluppare un sistema in grado di stampare celle solari altamente avanzate ed efficienti. Tuttavia, sembra molto chiaro che il brevetto US10843810 coprirebbe un’ampia gamma di approcci volumetrici.

Effetti xolo
Questo brevetto potrebbe influenzare il progresso di xolo, una startup tedesca che utilizza quello che sembra essere un processo simile. La scorsa settimana hanno annunciato la prima stampante 3D volumetrica disponibile in commercio .

Se esiste effettivamente una sovrapposizione nelle tecnologie, è possibile che xolo debba pagare le tariffe di licenza a T3DP / SMU. D’altra parte, è anche possibile che xolo abbia un design sufficientemente diverso in termini di meccanica, lunghezze d’onda, chimica o altri aspetti. In tal caso xolo sarebbe libero di continuare.

Per quanto ne so, T3DP non ha un dispositivo volumetrico disponibile per la vendita a questo punto, e xolo appare davanti a T3DP, almeno in termini di sviluppo di un dispositivo commerciale. Tuttavia, con i loro brevetti e le loro conoscenze, è probabile che T3DP ne svilupperà uno.

Detto questo, potrebbe essere il loro futuro dispositivo potrebbe essere dedicato alla produzione di celle solari, anche se il processo è adatto per altre forme di stampa 3D. Potremmo non vedere una stampante 3D volumetrica di T3DP che compete nello spazio generale del mercato della stampa 3D.

Sembra che siamo a un punto abbastanza precoce del ciclo di vita volumetrico e ci sono molte palle nell’aria. Mi chiedo dove atterreranno.

Be the first to comment on "Concesso un nuovo brevetto per la stampa 3d volumetrica alla Southern Methodist University (SMU) di Dallas"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi