Fraunhofer IPA confronta i processi di stampa 3D Selective Laser Sintering (SLS) e Selective Absorption Fusion (SAF)
 
I ricercatori tedeschi del Fraunhofer IPA stanno studiando la stampa 3D con i processi SLS e SAF. Entrambi i processi di stampa 3D sono molto simili e mostrano le loro differenze solo nei dettagli.  


I ricercatori del Center for Additive Production del Fraunhofer IPA riferiscono in un comunicato stampa che è arrivato alla rivista 3D-borderless il loro studio in cui confrontano tra loro due processi di stampa 3D. Mirano a valutare il potenziale tecnico ed economico del processo di fusione ad assorbimento selettivo con quello della sinterizzazione laser selettiva.

SAF-SLS
Entrambe le procedure sono molto simili. La sinterizzazione laser selettiva utilizza polvere di plastica come la poliammide 12 ( PA12 ) che viene applicata su una superficie, che viene solidificata selettivamente a strati con un raggio laser. Selective Absorption Fusion (SAF) utilizza polveri simili. Tuttavia, la solidificazione è ottenuta dal fatto che dopo l’applicazione della polvere, le testine di stampa a getto d’inchiostro SAF applicano selettivamente l’inchiostro che assorbe la radiazione infrarossa su ogni strato. Se un radiatore a infrarossi lo attraversa, la polvere si scioglie.

Un importante vantaggio della tecnologia SAF è l’elevato risparmio di tempo. Un raggio laser non deve essere deviato in molti percorsi individuali per strato. È sufficiente un solo passaggio delle testine di stampa e della lampada a infrarossi. Il tempo di costruzione per strato non dipende dai componenti che devono essere stampati.

 
Tuttavia, i due metodi non sono stati ancora sistematicamente confrontati. Un gruppo di ricerca guidato da Patrick Springer del Center for Additive Production (ZAP) presso il Fraunhofer Institute for Manufacturing Engineering and Automation IPA sta ora conducendo questi confronti. Il fornitore di servizi di stampa 3D Götz Maschinenbau GmbH & Co. KG lo supporta come partner industriale. Soprattutto, il team vuole confrontare i gradi di libertà e le limitazioni.

A tale scopo, vengono stampati e valutati per entrambi i metodi lavori di costruzione di test standardizzati per scenari di test predefiniti. Usano il PA12 come materiale, un materiale standard per la stampa 3D con polveri di plastica. Essendo una delle prime strutture di ricerca in Europa, utilizzano un sistema di stampa 3D Stratasys H350 , in grado di elaborare polveri termoplastiche di diversi fornitori.

copyright: © Fraunhofer ILT, Aachen, Germany

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi