DARPA INVITA PROPOSTE DI PROGETTO PER NUOVI PRODOTTI ALIMENTARI STAMPATI IN 3D COMMESTIBILI
 
La Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) ha emesso un’opportunità di ricerca sull’innovazione per le piccole imprese (SBIR) invitando a proposte per un nuovo materiale di stampa 3D commestibile.

Soprannominato il programma SBIR di formulazioni nutrizionali innovative , il concept call mira ad attirare idee intelligenti per trasformare la biomassa (creata attraverso il programma ReSource di DARPA) in prodotti alimentari sicuri e commestibili. L’Agenzia ha affermato che le formulazioni di biomassa cellulare devono essere compatibili con almeno un tipo di tecnologia di stampa 3D e possono essere sotto forma di liquido, solido, polvere, pasta o inchiostro.

In definitiva, i materiali commestibili sono progettati per essere utilizzati in prima linea e in altre zone disastrate dove il cibo tradizionale potrebbe non essere facilmente accessibile a soldati e civili.

Non è un segreto che le forze di difesa statunitensi siano tenute a resistere a tutti i tipi di condizioni difficili, comprese condizioni meteorologiche estreme e attacchi a sorpresa da parte delle forze avversarie. Pertanto, non è raro che le linee di rifornimento vengano abbattute sul campo, lasciando i soldati a vivere di razioni fino a quando la logistica non può essere nuovamente assicurata.

Il programma ReSource di DARPA mira a combattere questo in qualche modo, poiché è focalizzato sullo sviluppo di sistemi durevoli in grado di produrre una varietà di prodotti su richiesta utilizzando materiali e rifiuti locali. Questi prodotti spaziano dall’acqua e dagli alimenti di base a materiali più funzionali come lubrificanti e adesivi, il tutto nel tentativo di supportare unità remote e iniziative di soccorso umanitario.

La biomassa creata dal programma ReSource sarà la spina dorsale del nuovo programma Innovative Nutritional Formulations, annunciato proprio la scorsa settimana. Convertendo (altrimenti) la biomassa inutile in razioni appetibili senza la necessità di un’intera fabbrica, la DARPA può aiutare a ridurre i rischi delle linee di approvvigionamento vulnerabili fornendo al contempo un approvvigionamento alimentare secondario per sottomarini, navi da guerra e altre unità di spedizione.

Le forze armate in prima linea sono a rischio di interruzioni delle linee di rifornimento, ed è qui che può tornare utile avere una fonte di cibo supplementare. Foto tramite esercito americano.
Sicuro, gustoso, nutriente e resistente

Il programma biennale Innovative Nutritional Formulations di DARPA presenterà una serie di test di preparazione per valutare tutte le formulazioni di stampa 3D a base di biomassa prima che venga scelto un vincitore. Il cibo stampato sarà, ovviamente, valutato per la sua sicurezza e gusto, anche se questi verranno effettuati tramite metodi di analisi chimica piuttosto che un vero e proprio test del gusto.

I materiali commestibili devono inoltre soddisfare tutte le esigenze nutrizionali delle forze armate ed essere conservabili a lungo termine in una serie di condizioni ambientali. Dopotutto, il cibo può essere conservato in umidità e temperatura controllate, ma può anche essere usato come ultima risorsa in un luogo remoto e arido con un caldo estremo.

I proponenti del progetto possono sviluppare la biomassa cellulare praticamente in qualsiasi forma ritengano opportuna, inclusi liquidi e polveri. Tuttavia, dovranno considerare se le formulazioni saranno compatibili o meno con le capacità logistiche delle forze armate, ad esempio eventuali requisiti di sterilizzazione o pastorizzazione.

Nel corso dei due anni, DARPA aumenterà gradualmente la difficoltà dei test di prontezza. L’Agenzia ha affermato che il programma si concluderà con una prova finale incentrata sulla “produzione di disposizioni personalizzate dalla biomassa cellulare utilizzando specifiche definite dall’esecutore mentre imita un ambiente remoto e austero”. Le proposte per il Programma SBIR di Formulazioni Nutrizionali Innovative scadranno entro il 3 febbraio 2022.

In un’iniziativa simile annunciata all’inizio di quest’anno, la DARPA ha assegnato a GE Research , l’ala di ricerca e sviluppo del conglomerato americano GE , $ 14,3 milioni per trasformare il trasporto di acqua potabile alle truppe sul campo attraverso un dispositivo stampato in 3D che lo produce letteralmente dal nulla . Il dispositivo, che potrebbe produrre abbastanza acqua al giorno per 150 soldati, sarà sviluppato insieme all’Università della California a Berkeley , all’Università di Chicago e all’Università del South Alabama .

Con obiettivi simili in mente, la Defense Logistics Agency (DLA) ha anche recentemente assegnato all’OEM ExOne della stampante 3D binder jet un contratto da 1,6 milioni di dollari per sviluppare una fabbrica di stampa 3D portatile per il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DoD). Attualmente in fase di sviluppo, il “robusto pod di stampa 3D” sarà alloggiato in un container standard di 40 piedi.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi