DEFEND3D INTRODUCE UNA NUOVA TECNOLOGIA BREVETTATA PER COMBATTERE IL CRIMINE INFORMATICO E IL FURTO DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE
HAYLEY EVERETT 02 SETTEMBRE 2021 – 15:04 0  0
 
Il servizio di trasmissione protetta della stampa 3D remota DEFEND3D ha introdotto una nuova tecnologia brevettata per la protezione contro il crimine informatico e il furto di proprietà intellettuale durante la stampa 3D remota.

Basata su un protocollo One-Click-Print, la tecnologia consente una fornitura digitale sicura di parti di riproduzione a posizioni remote senza la necessità di trasferire file. Invece, alla macchina viene inviato un flusso continuo di istruzioni di produzione, protetto da sei livelli di sicurezza, inclusa la crittografia. 

Piuttosto che inviare file 3D, DEFEND3D essenzialmente consente di trasmettere in live streaming una risorsa digitale alla stampante 3D in tempo reale, fornendo solo le informazioni vitali a cui accedere prima di eliminarla istantaneamente. 

La nuova tecnologia è stata testata dal Comando Strategico del Regno Unito, una divisione del Ministero della Difesa del Regno Unito (MOD), con DEFEND3D che fornisce una piattaforma sicura per la produzione digitale che collega un hub di progettazione centrale con più sedi dispiegate.

“Riteniamo che questa sia una capacità rivoluzionaria, che ci consente di superare la nostra attuale reticenza di inviare parti sensibili all’estero e ci consente di inviare più parti ovunque desideriamo nel mondo”, ha affermato un tenente colonnello senza nome del MOD. . “Avendo familiarità con le tecnologie di stampa 3D all’avanguardia, credo che questo sia l’unico sistema del genere in offerta”.

Il sistema nRugged FiT di nScrypt sul retro di un camion. Foto tramite nScrypt.
Rischi per la sicurezza informatica nella stampa 3D

L’archiviazione e il trasferimento di grandi flussi di dati sensibili sono diventati un luogo comune nel mondo digitalizzato della produzione additiva. La crescente industrializzazione della tecnologia ha visto le stampanti 3D e gli impianti di produzione diventare sempre più connessi all’IoT e, sebbene ciò sia conveniente, genera anche la minaccia di violazioni della sicurezza informatica.

I principali rischi per la sicurezza informatica nella stampa 3D riguardano il furto di proprietà intellettuale e il sabotaggio dei processi. Ad esempio, i sistemi di condivisione di file basati su cloud possono essere violati, i server di posta elettronica possono essere violati e le parti solide stampate in 3D potrebbero essere potenzialmente retroingegnerizzate utilizzando la tecnologia di scansione 3D. 

Per dimostrare quanto possa essere catastrofico il sabotaggio dei processi, i ricercatori della Ben-Gurion University of the Negev , University of South Alabama e Singapore University of Technology and Design hanno precedentemente hackerato una stampante 3D utilizzata per fabbricare componenti di droni . Il team è stato in grado di apportare modifiche non rilevabili alle eliche stampate in 3D del drone che hanno superato la garanzia di qualità e che hanno compromesso l’integrità della parte.

Tali preoccupazioni sono state recentemente evidenziate dal punto di vista della difesa, dopo che la prima politica ufficiale di produzione di additivi del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DoD) è stata esaminata da un rapporto pubblicato dall’ispettore generale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti . Il revisore ha affermato che le stampanti 3D del DoD potrebbero essere vulnerabili al sabotaggio da parte di aggressori ostili , a causa del loro accesso alla più ampia rete di informazioni del DoD.

 

Il nuovo DEFEND3D è progettato per trasmettere in modo sicuro la stampa 3D remota, la lavorazione CNC, il taglio laser, la biostampa e altri dati di produzione digitale con la sua capacità di stampa con un clic, ottenuta attraverso il suo protocollo di sicurezza brevettato, l’interfaccia di comunicazione dell’inventario virtuale (VICI). 

Eliminando la necessità di trasferimenti di file, il VICI consente il rifornimento digitale sicuro di parti di riproduzione a posizioni remote attraverso l’emissione di un flusso di istruzioni di riproduzione protette da sei livelli di sicurezza. Attraverso l’interfaccia, tutti i lavori di produzione vengono registrati per fornire un audit trail lungo l’intera catena di approvvigionamento digitale. È possibile impostare variabili come le impostazioni della macchina e i tipi di materiale per garantire il rispetto degli standard di produzione e qualità. 

In sostanza, VICI di DEFEND3D garantisce la crittografia end-to-end per consentire alle organizzazioni di archiviare i propri progetti localmente sul proprio server domestico, consentendo loro di utilizzare il proprio inventario virtuale per produrre parti in località remote. La società sta orientando la tecnologia verso aziende e organizzazioni militari, aerospaziali, di difesa o energetiche che desiderano proteggere i propri IP e prevenire attacchi informatici, pur essendo in grado di fornire parti stampate in 3D da qualsiasi parte del mondo.

 
Test con il MOD

Con l’aumento dell’adozione della stampa 3D nel settore della difesa, la minaccia delle vulnerabilità della sicurezza informatica all’IP e al sabotaggio dei processi è reale. Poiché molte risorse digitali militari sono troppo sensibili per essere condivise esternamente, è sorta la necessità di un protocollo di sicurezza che non richieda ai proprietari di inviare file di stampa digitale a produttori esterni. Secondo quanto riferito, il protocollo VICI di DEFEND3D raggiunge questo obiettivo e potrebbe aprire la strada alla collaborazione tra difesa e industria senza compromettere il trasferimento di dati sensibili.

VICI è stato testato dal Comando strategico britannico del MOD attraverso lo sviluppo di una piattaforma di produzione digitale sicura che collega un hub di progettazione centrale in una struttura sicura, con più sedi distribuite che non dispongono di specialisti di ingegneria. 

La tecnologia è stata integrata con Microsoft Azure Cloud per consentire la condivisione sicura delle informazioni tra servizi e domini, dal quartier generale del MOD ai soldati a terra nelle posizioni dispiegate. La tecnologia di DEFEND3D è stata supportata anche da Azure Remote Rendering per fornire funzionalità di monitoraggio e gestione remota della stampante 3D basate sull’intelligenza artificiale (AI).

Durante i test, i prodotti stampati in 3D consegnati all’estremità distribuibile della rete DEFEND3D sono stati confrontati con quelli stampati nella posizione di base per garantire il mantenimento della qualità delle parti. I test di benchmark hanno rivelato che il tempo e la qualità di stampa non sono stati influenzati dall’utilizzo del servizio di trasmissione DEFEND3D, anche rispetto alla stampa da una scheda SD.

Una stampante Ultimaker 2+ 3D è stata utilizzata per produrre i campioni di prova stampati in 3D, con un pezzo di prova di trazione standard utilizzato per continuità e semplicità stampato in tre diversi spessori, 3 mm, 5 mm e 8 mm. 

VICI è stato progettato con un basso carico di formazione, il che significa che l’operatore della stampante 3D non deve essere un esperto di stampa 3D per essere in grado di stampare i file richiesti.

“La formazione per un utente non qualificato ha avuto successo”, ha affermato il capo della meccatronica presso il MOD. “In 30 minuti sono stati in grado di selezionare un file dal catalogo, caricarlo nella coda di stampa e quindi seguire le istruzioni per iniziare la stampa. Ciò dimostra che il software VICI Print è intuitivo e semplice da utilizzare, riducendo al minimo il carico di formazione.

 
DEFEND3D vs blockchain

DEFEND3D ritiene inoltre che la sua nuova tecnologia potrebbe superare le preoccupazioni della tecnologia blockchain , che è un altro metodo emergente per proteggere il filo digitale dei processi di stampa 3D, fornito da artisti del calibro di SIMBA Chain . 

Una blockchain è un registro digitale decentralizzato sicuro che memorizza dati e registra informazioni, note come “blocchi”, su più computer. La più grande rete di stampanti 3D degli Stati Uniti che utilizza una piattaforma tecnologica blockchain è attualmente in fase di creazione come parte del progetto DIAMOnD incentrato sulla produzione distribuita di Automation Alley . 

Secondo la società, le blockchain possono rivelarsi inefficienti nel trasportare i dati dei file 3D a causa della “prova di lavoro”, una misura per combattere la manipolazione dei file, che rallenta la creazione di nuovi blocchi mentre la necessaria prova di lavoro viene calcolato e prima che possano essere aggiunti alla catena.

Al contrario, la tecnologia di DEFEND3D trasmette i dati di stampa 3D direttamente alla stampante 3D in tempo reale e fornisce solo le informazioni necessarie in quel momento. Inoltre, utilizzando la blockchain all’interno dei loro processi di stampa 3D, gli OEM in genere devono condividere le proprie risorse IP o digitali e l’intero file 3D arriva ancora alla stampante, lasciandolo potenzialmente aperto all’intercettazione. 

Per mitigare ciò, il protocollo di sicurezza di DEFEND3D impedisce il trasferimento di file pur fornendo autenticazione come algoritmi di hashing per garantire l’integrità dei dati trasferiti. La tecnologia dispone anche di più meccanismi per rilevare qualsiasi attività di “sniffing” o un attacco imminente e interromperà il lavoro di stampa se vengono rilevati tali attacchi.

Ulteriori informazioni sulla tecnologia di DEFEND3D per combattere i rischi di sicurezza informatica e il furto di proprietà intellettuale sono disponibili nel whitepaper pubblicato di recente dal titolo: “Proprietà intellettuale e sicurezza informatica nella produzione additiva nel settore della difesa” .

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi