Boeing e i suoi partner stabiliscono una rete di stampa 3D distribuita completamente controllata
 
Basandosi su una piattaforma digitale di Assembrix , Boeing , EOS , BEAMIT e 3T Additive Manufacturing hanno creato una rete di stampa 3D distribuita completamente controllata in tutti i continenti. La rete è stata in grado di produrre direttamente in remoto e in sicurezza parti su stampanti 3D EOS, preannunciando un possibile futuro in cui la produzione additiva distribuita (AM) potrebbe diventare parte dei flussi di lavoro di produzione standard.

“Stiamo fornendo ai nostri clienti una fabbrica di produzione additiva virtuale, in cui le stampanti 3D che utilizzano una varietà di tecnologie e in diverse località geografiche sono controllate in remoto e in sicurezza”, ha affermato Lior Polak, CEO di Assembrix.
La chiave per facilitare il processo è stato il Virtual Manufacturing System (VMS) di Assembrix, che virtualizza la stampa 3D industriale, supervisionando l’intero thread AM dal modello 3D iniziale al fisico verificato. Utilizzando VMS, è possibile assegnare in modo sicuro lavori a singole macchine, con protezione IP e una traccia delle transazioni verificabile. I clienti possono quindi monitorare i lavori in tempo reale e i dati dalle macchine possono essere monitorati per garantire che funzionino entro i parametri corretti. Ciò include il raffreddamento, la velocità di stampa, la temperatura e l’umidità all’interno dell’alloggiamento della macchina.

 I dettagli esatti della parte che è stata stampata, compreso quando, dove, come, non sono stati divulgati, forse data la natura sensibile delle industrie aerospaziale e militare. Assembrix ha iniziato la sua relazione con Boeing nel 2018 con l’obiettivo di trasmettere in modo rapido e sicuro i dati di produzione alle stampanti 3D nelle sue strutture in tutto il mondo. Poiché la controllata 3T di BEAMIT ha sede nel Regno Unito, potremmo immaginare che Boeing Israel produca le sue parti presso 3T nel Berkshire su macchine EOS.

 “Essere in grado di connettere in modo sicuro il cliente direttamente alla macchina AM, ovunque nel mondo, è stata una visione di vecchia data all’interno della comunità. L’integrazione digitale end-to-end di una supply chain trasforma il modello di business della produzione tradizionale in una rete scalabile e flessibile di magazzini virtuali per la fornitura on demand, con sicurezza e qualità integrate nel sistema. La capacità di digitalizzare l’intera catena del valore con il nostro partner strategico Sandvik, significa che BEAMIT Group è ora in grado di offrire la prossima generazione di servizi di produzione avanzati”, ha affermato Dan Johns, CEO 3T Additive Manufacturing e CTO BEAMIT Group.
La sicurezza per la rete è stata stabilita attraverso una combinazione di blockchain e una stretta integrazione del software Assembrix e EOS. Come uno dei membri iniziali della rete di sviluppatori EOS, l’azienda è stata in grado di utilizzare le API EOSPRINT e EOSCONNECT per creare la sua rete di produzione distribuita controllata.

La soluzione di Assembrix (PRNewsfoto/Assembrix)
Markus Glasser, Senior Vice President EMEA di EOS, ha potuto parlare di alcuni dei vantaggi della produzione distribuita, affermando: “La stampa 3D industriale consente una produzione basata sulla domanda, semplifica i processi e rende la catena di approvvigionamento più solida e sostenibile. Combinando la tecnologia con le strutture di produzione digitale si ottiene la massima trasparenza grazie a reportistica in tempo reale, flessibilità e prestazioni. Ci sono molti vantaggi in questo approccio, tra cui una maggiore trasparenza delle catene di approvvigionamento, l’adattamento dei prodotti ai gusti individuali o regionali e persino una ridotta impronta di carbonio del prodotto”.
Esistono numerose reti e servizi di stampa 3D con più sedi di produzione, ma la produzione distribuita è ancora una specie di luccichio negli occhi di un sognatore. Ad esempio, il Manufacturing Partner Network di GE Additive  e la piattaforma Distributed Manufacturing di SAP hanno lo scopo di consentire ai clienti di far produrre le parti tramite partner nelle reti. Tuttavia, le notizie relative a entrambi non sono state molto significative, sollevando la domanda su quanto sia estesa la rete.

I fornitori di servizi come Sculpteo, Materialise, Shapeways, Protolabs, Xometry, FATHOM, Fast Radius e Stratasys Direct Manufacturing possono fornire parti in modo più realistico più vicino ai propri clienti tramite l’uso di più sedi di produzione e partner, ma sarebbe difficile etichettare questa produzione distribuita reti ancora abbastanza.

L’obiettivo finale è essere in grado di produrre parti più vicine al luogo di utilizzo, riducendo così una miriade di fermate lungo la catena di approvvigionamento, nonché i costi associati e le emissioni di gas serra. Siamo ancora lontani dal realizzare questo obiettivo e, nel caso di questa storia, Boeing e i suoi partner potrebbero lavorare per fornire componenti su richiesta, ma è solo un piccolo passo nella giusta direzione. Concentrandosi esplicitamente sull’obiettivo della produzione distribuita, Assembrix può essere un attore importante nella creazione dell’infrastruttura software adeguata.

Assembrix’s solution (PRNewsfoto/Assembrix)

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi