Dei para zanne stampati in 3d in metallo per i trichechi dell’ Aquarium du Québec .

A protective crown printed in 3D for a young walrus weighing over 400 kg. (CNW Group/École de technologie supérieure)

I RICERCATORI CANADESI STAMPANO IN 3D TAPPI DI ZANNA IN METALLO PER PROTEGGERE LA SALUTE DENTALE DEI TRICHECHI IN VIA DI ESTINZIONE

I ricercatori dell’École de Technologie Supérieure (ÉTS) canadese e dell’Université de Montréal hanno “ corone ” protettive stampate in 3D per le zanne di un tricheco in via di estinzione al riparo nel vicino Aquarium du Québec .

Quattro dei mammiferi marini sono in fase di conservazione nell’acquario, ma il loro nuovo habitat di cemento non è adatto alle loro esigenze dentali, poiché si tirano fuori dall’acqua usando le zanne. Utilizzando un approccio di scansione e stampa 3D, il team è stato in grado di fabbricare con precisione cappucci di metallo che potessero adattarsi esattamente alle zanne del tricheco e impedire loro di diventare vulnerabili agli ascessi dentali.

“Questa pratica [camminare sui denti] non pone alcun problema in un ambiente naturale fatto di ghiaccio e terra”, ha spiegato la dottoressa Claire Grosset, professoressa di medicina zoologica all’Université de Montréal. “Ma le cose sono diverse in un habitat composto da cemento, metallo e altri materiali selezionati per resistere a questi animali, il cui peso può raggiungere più di una tonnellata.”

Le corone stampate in 3D dei ricercatori sono state adattate con successo a un tricheco, per evitare che le loro zanne vengano danneggiate.

Molti Atlantico trichechi, conosciuto negli ambienti scientifici come rosmarus Odobenus, utilizzati per vivere in regione settentrionale artica del Canada, ma sono stati sotto la minaccia di estinzione per anni. Dopo essere stato cacciato per il suo avorio, carne e grasso tra il XVII e il XIX secolo, il tricheco dell’Atlantico è ora completamente estinto nelle aree un tempo popolose di Terranova e Nuova Scozia.

Le trivellazioni di petrolio e gas stanno diventando una minaccia anche per i mammiferi artici, riducendo la quantità di ghiaccio marino disponibile e causando fuggi fuggi tra gli animali sensibili allo stress e al suono. Per garantire che le specie in via di estinzione siano in grado di riprodursi e attirare l’attenzione sulla loro situazione, l’Aquarium de Québec le ha accolte.

Il nome latino della specie Odobenus rosmarus si traduce approssimativamente in “cammina sui suoi denti”, che è una descrizione appropriata di come si sollevano dall’acqua nel loro habitat naturale. Sfortunatamente, ora che vivono nell’acquario, le superfici di cemento e metallo attorno al recinto del tricheco potrebbero essere dannose per le loro zanne, mettendole a rischio di ascessi dentali.

I trichechi nel Canada settentrionale (nella foto) stanno diventando una specie sempre più a rischio di estinzione.

Uno dei trichechi femmine di quattro anni di 400 kg dell’acquario (che purtroppo non è stato presentato per nome), è risultato particolarmente a rischio di rompersi o fratturarsi le zanne. Per evitare ulteriori danni ai suoi bianchi perlati, gli esperti veterinari hanno consigliato di proteggerli con cappucci di metallo su misura.

Il dispiegamento di una corona potrebbe essere considerato simile a un essere umano che ottiene un’otturazione, in quanto aiuta a evitare la necessità di rimuovere qualsiasi “dente”, che è una procedura molto più invasiva. Inoltre, l’utilizzo di un trattamento che non richiede anestesia è estremamente vantaggioso, poiché alcuni sedativi possono essere mortali per questa particolare specie di tricheco.

Sebbene in passato siano stati sviluppati altri tappi di zanna, sono stati creati utilizzando processi di produzione convenzionali e il team ha iniziato valutando quale metallo avrebbe prodotto il dispositivo ottimale. Alla fine i ricercatori hanno optato per il cromo cobalto, in quanto avrebbe impedito lo sfregamento ripetitivo, pur essendo resistente all’ossidazione in acqua salata.

Invece di applicare anestetici per adattarsi alle corone stampate in 3D, il team ha addestrato il tricheco a rimanere perfettamente immobile.
Durante il processo di stampa 3D, sono stati prodotti tre diversi tappi, che offrivano giochi compresi tra 0,25 mm e 0,45 mm alla zanna. Le diverse opzioni di dimensioni hanno permesso al veterinario della procedura di scegliere il dispositivo ottimale, che non indebolirebbe il legame dell’adesivo o impedire che si adattasse saldamente all’avorio.

Dati i potenziali effetti dell’anestesia sul tricheco, il team ha deciso di addestrare il mammifero a stare perfettamente fermo, evitando del tutto la necessità di sedativi. Per diversi mesi, il tricheco è stato addestrato tre o quattro volte al giorno a rimanere immobile per periodi sempre più lunghi e ricompensato con un premio per il suo successo.

Alla fine, l’animale marino è riuscito a rimanere stabile per cinque minuti di fila, il che ha permesso all’esperto veterinario di adattare con successo uno dei dispositivi stampati in 3D. Secondo i ricercatori, è stata una combinazione del processo di produzione unico della corona e del legame tra il mammifero e il suo addestratore, a rendere possibile l’intera procedura.

Innovazioni additive ecocompatibili

La stampa 3D si è dimostrata un mezzo efficace per la conservazione della fauna selvatica in un’ampia varietà di modi negli ultimi anni.

Scienziati dell’Università del Kent e l’organizzazione di conservazione Paso Pacifico , hanno sviluppato uova di tartaruga marina stampate in 3D per prevenire il furto e il commercio di quelle vere in Costa Rica. I dispositivi additivi, che sono stati soprannominati “InvestEggators”, presentavano localizzatori GPS, consentendo loro di essere utilizzati per scoprire rotte commerciali illegali fino a 137 km di distanza.

Gli ingegneri del Georgia Institute of Technology , nel frattempo, hanno ideato un metodo innovativo per monitorare l’ambiente presso l’ Atlanta Botanical Garden : uno Slothbot stampato in 3D . Il mammifero robotico sta attualmente bighellonando tra gli alberi sopra la foresta di 40 acri, assicurando che la temperatura, il clima e i livelli di anidride carbonica rimangano costanti.

Altrove, un team di architetti dell’Università di Hong Kong (HKU) ha stampato in 3D 128 tessere esagonali di argilla e le ha lasciate cadere nell’oceano, nel tentativo di preservare un parco marino locale lì. Si spera che le strutture fabbricate, che sono state seminate con specie popolari della baia, forniranno una nuova casa su cui atterrare il corallo sloggiato.

Be the first to comment on "Dei para zanne stampati in 3d in metallo per i trichechi dell’ Aquarium du Québec ."

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi