Dimension Inx raccoglie 3,2 milioni di dollari per lo sviluppo di impianti di tessuto stampato 3D approvati dalla FDA

Dimension Inx, startup di biofabbricazione con sede a Chicago, ha raccolto 3,175 milioni di dollari per chiudere il round di finanziamento del seed in serie guidato dalla società di venture capital scientifica in fase iniziale KdT Ventures , sottoscrivendo in eccesso il suo round seed. La società prevede di utilizzare i finanziamenti per accelerare lo sviluppo commerciale e l’approvazione da parte della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti dei suoi primi impianti terapeutici stampati in 3D che riparano e rigenerano i tessuti.

Fondata nel 2017 come spinout dalla Northwestern University , Dimension Inx ha sviluppato un processo di biofabbricazione, con una piattaforma di progettazione e produzione di materiali brevettata, che crea impianti stampati in 3D per la riparazione e la rigenerazione dei tessuti umani . La piattaforma tecnologica supera le sfide esistenti nei biomateriali e nella produzione additiva, consentendo importanti caratteristiche compositive e microstrutturali negli impianti chirurgici che promuovono la guarigione, non altrimenti commercialmente fattibili. Utilizzata principalmente nella chirurgia ricostruttiva, l’avvio prevede che la sua tecnologia proprietaria introduca sul mercato nuovi materiali stampabili 3D e dispositivi medici per aiutare la riparazione dei tessuti e la rigenerazione ossea nelle applicazioni ortopediche. In modo daTraducendo la loro ricerca dal banco al letto , Dimension Inx ha collaborato con rinomate università e ospedali, come la Emory University , il Children’s Hospital di Philadelphia , la Carnegie Mellon University , la Nanyang Technological University di Singapore e molto altro ancora.

Con il nuovo seed funding, Dimension Inx sarà in grado di realizzare i suoi primi impianti terapeutici per la ricostruzione facciale nei pazienti a seguito di traumi, così come quelli con malformazioni dentali dovute a difetti congeniti o invecchiamento. La società prevede di completare gli studi preclinici per la presentazione premarket 510 (k) della FDA la prossima estate, che dimostreranno che il dispositivo è sicuro ed efficace per il marketing. Altri partecipanti all’investimento, che è stato completato il 10 novembre 2020, includono la società di venture capital Better Ventures e il fondo di investimento Revolution Ventures Rise of the Rest Seed Fund , che mette in luce gli hub di startup emergenti. Questo è il secondo round di finanziamento per Dimension Inx, il primo chiuso nel 2019 e riuscito a raccogliere $ 35,0000 dalla società di investimento Digital Industrialist .

“Dimension Inx è lo specialista dei materiali del bioprinting 3D”, ha affermato Phil Grayeski, Principal di KdT Ventures. “Il loro approccio alla commercializzazione e all’approvazione normativa è elegante e pragmatico, con ogni nuovo prodotto che dimostra le capacità dei loro materiali e informa lo sviluppo e la convalida della loro piattaforma attraverso applicazioni più ampie e complesse nella medicina rigenerativa. Crediamo che il mondo del bioprinting sarà costruito sugli scaffold che Dimension Inx sta creando e siamo entusiasti di supportare questa azienda “.

L’annuncio arriva in un momento eccezionale, poiché l’azienda sta diventando un leader emergente nel campo della biofabbricazione grazie al suo portafoglio in crescita innovativo e robusto di oltre una dozzina di brevetti rilasciati e in attesa di registrazione. Quando la tecnologia originale di Dimension Inx è uscita dal laboratorio di Ramille Shah presso la Northwestern University, la professoressa associata di scienze dei materiali e co-fondatrice di Dimension Inx stava tentando di facilitare la traduzione e la commercializzazione delle tecnologie dei materiali stampabili 3D sviluppate nel suo laboratorio. Shah è un rinomato leader nello sviluppo di materiali per la stampa 3D che ha lavorato su tutto, dalla stampa di organi ovarici e tessuto muscolo-scheletrico a nuovi metodi per la stampa di metalli e polvere marziana e lunare.

In qualità di Chief Scientific Officer (CSO) presso Dimension Inx, Shah ha guidato la strategia scientifica complessiva della startup guidando gli sforzi verso l’approvazione della FDA dei prodotti di base iniziali. Finora, l’azienda afferma che il suo sistema di progettazione e produzione di biomateriali di verniciatura 3D offre la versatilità, la producibilità e l’accessibilità necessarie per l’adozione diffusa di prodotti medici rigenerativi di ingegneria tessutale, che potrebbero cambiare radicalmente il modo di trattare le malattie umane e la debilitazione.

La tecnologia proprietaria di pittura 3D consente un elevato carico di ingredienti bioattivi, una rapida stampa e asciugatura a temperatura ambiente e l’eliminazione di tecniche di lavorazione come la reticolazione e la sinterizzazione. Questo metodo per la produzione e la stampa 3D di inchiostri 3D ad alto contenuto di particelle è ideale per gli impianti chirurgici che promuovono la guarigione e la rigenerazione dei tessuti e per accelerare la produzione per supportare il ridimensionamento commerciale di nuovi prodotti medici.

Osso iperelastico dipinto in 3D di Dimension Inx in mostra al Cooper Hewitt Smithsonian Design Museum di New York City e al Cube Design Museum nei Paesi Bassi come parte della Triennale di Design Nature-Cooper Hewitt. Immagine per gentile concessione di Dimension Inx

Garantire gli ultimi finanziamenti per le sementi porta Dimension Inx un passo avanti verso la trasformazione della sua tecnologia di biofabbricazione in una nuova classe di trattamenti clinici che potrebbero migliorare notevolmente lo standard di cura e affrontare la carenza di tessuti e organi donatori, convalidando anni di ricerca. Come parte della sua missione di fornire prodotti medici rigenerativi ai pazienti che ne hanno bisogno, l’azienda continua ad andare avanti verso le fasi cliniche, collaborando con medici, chirurghi e aziende di prodotti medici lungimiranti per fornire nuove soluzioni mediche ai pazienti.

Commentando l’accordo, il co-fondatore e CEO di Dimension Inx, Caralynn Nowinski Collens, ha dichiarato: “Siamo incredibilmente fortunati a collaborare con investitori che supportano la nostra grande visione e apprezzano il nostro approccio pragmatico al mercato, comprendendo anche la profonda scienza necessaria per arrivarci . Non vediamo l’ora di far progredire la scienza e di espandere le nostre partnership strategiche per affrontare una serie molto più ampia di applicazioni chirurgiche “.

Be the first to comment on "Dimension Inx raccoglie 3,2 milioni di dollari per lo sviluppo di impianti di tessuto stampato 3D approvati dalla FDA"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi