ECL annuncia i data center off-grid stampati in 3D e alimentati a idrogeno 

 
La startup data center-as-a-service EdgeCloudLink (ECL) prevede di offrire data center modulari off-grid alimentati a idrogeno, costruiti in unità da 1 MW, utilizzando la costruzione della stampa 3D.

La nuova impresa sta costruendo il suo primo data center presso la sede centrale di Mountain View, in California, utilizzando una stampante 3D per l’edilizia e una società di servizi di costruzione locale. Sarà alimentato da idrogeno fornito da una fonte locale, utilizzerà un design proprietario di raffreddamento a liquido e non avrà bisogno di generatori diesel, promette ECL.
Yuval Bachar– ECL
Il progetto pilota dovrebbe essere disponibile nel secondo trimestre del 2023 e il design ridurrà sia i servizi cloud che di colocation, secondo il fondatore e CEO di ECL Yuval Bachar, che in precedenza ha ricoperto posizioni di data center senior presso LinkedIn, Facebook, Cisco e Microsoft, tra gli altri.

Zero emissioni
“Quello che stiamo cercando di creare è un data center integrato nella comunità a zero emissioni e zero consumo di acqua”, ha detto Bachar a DCD . “Ciò significa un data center che non ha un impatto sulla comunità, ma contribuisce alla comunità che ci circonda”.

Adattando la citazione di John F Kennedy sul programma lunare, afferma: “Abbiamo scelto di realizzare un data center completamente sostenibile nel 2023, non perché sia ​​facile, ma perché è difficile”. La società ha un finanziamento di 7 milioni di dollari da Molex e Hyperwise.

Bachar afferma che il modello di ECL consentirà di costruire rapidamente la capacità del data center, entro sei mesi, e l’ingombro ridotto consentirà di superare rapidamente le restrizioni di zonizzazione e sicurezza. Ogni unità da 1 MW sarà costruita su richiesta, utilizzando una stampante 3D da costruzione che lavora con materiali da costruzione ecocompatibili. Sarà alimentato da celle a combustibile a idrogeno, fornite da un serbatoio in loco riempito da un fornitore locale di idrogeno.

“Porteremo tutti a vedere il primo sito da 1 MW che stiamo realizzando a Mountain View, in California”, ha affermato Bachar. “Il motivo per cui abbiamo scelto Mountain View è perché è considerata una città relativamente difficile con cui lavorare. La nostra ipotesi era che se potessimo effettivamente gestire Mountain View in California, probabilmente potremmo gestirlo ovunque sulla faccia della Terra”.

Bachar afferma che oggi la costruzione dei data center costa tra i 12 ei 15 milioni di dollari per MW e ECL può arrivare a metà prezzo. Ciò significa che è più economico degli spazi di colocation di oggi. Inoltre, riduce le offerte bare metal dei fornitori di servizi cloud con strutture hyperscale efficienti, poiché queste hanno un markup elevato che attualmente porta alla disillusione nei confronti del cloud.
– ECL
Ogni data center avrà il proprio serbatoio di idrogeno e celle a combustibile per generare elettricità per la sua alimentazione primaria, insieme a batterie per il backup. Se del caso, può anche avere una connessione alla rete locale per una maggiore affidabilità.

Il data center avrà una capacità aggiuntiva di celle a combustibile, con le unità modulari in modo che qualsiasi guasto abbia un impatto limitato: “Abbiamo sovraprogettato completamente il sistema. Tutto è 2N, o 2(N+1), che consente sei nove di affidabilità, l’equivalente di livello IV.”

Per i data center più grandi, ECL creerebbe più data center sul sito, collegati a una sala riunioni centrale per i servizi di rete. Ogni modulo avrà la propria fonte di alimentazione a idrogeno indipendente: “La bellezza di questo è che è modulare e i blocchi sono indipendenti, quindi possiamo Lego in qualsiasi modo vogliamo. Lo chiamiamo colocation privata perché ogni blocco è indipendente.”

 
– ECL
I clienti potranno ordinare un data center con opzioni che includono l’esecuzione da soli, l’esecuzione da parte di ECL per loro o l’operatività come joint venture.

Edifici stampati in 3D
Le stampanti 3D da costruzione sono sorprendentemente adatte per i data center, se sono piccole, il che si adatta al design modulare di ECL, ha affermato: “Possiamo stampare blocchi uno alla volta, utilizzando cemento sostenibile, senza sprechi”. Quando non ci sono costruzioni in un sito, ECL prevede di offrire la stampante edile alla comunità locale per realizzare alloggi o edifici comunitari: “Non c’è motivo per noi di sederci sulla stampante”.

ECL sta utilizzando dei partner per costruire il suo sito di Mountain View: “Stanno costruendo case e le nostre esigenze sono molto più semplici di una casa. Un data center è solo un rettangolo. Non abbiamo bisogno di cose sofisticate. Non abbiamo finestre.”

I partner locali stanno aiutando a guidare gli edifici attraverso le normative sismiche e urbanistiche della California. Il guscio è costituito da due pareti sottili riempite di materiale isolante: “È una struttura molto, molto robusta e molto molto isolata, il che significa che gli elementi all’esterno hanno un impatto molto minore all’interno”.

Dopo l’edificio iniziale, ECL possiederà le proprie stampanti 3D e formerà il personale per utilizzarle: “Non abbiamo bisogno di avere una società di costruzioni. La stampante è gestita da tre persone. Questo è tutto ciò che serve per stampare effettivamente un edificio: tre persone.”

Idrogeno per l’energia
L’idrogeno è attualmente visto come un’opzione esotica che trova la sua strada nel backup, con Microsoft che utilizza sperimentalmente celle a combustibile per costruire l’ equivalente di un generatore da 3 MW nel 2022. Bachar pensa che l’idrogeno sia pronto per qualcosa di più, soprattutto ora che l’ Inflation Reduction Act dell’amministrazione Biden ha ha dato la priorità alla costruzione di un’economia dell’idrogeno: “C’è un intero sforzo negli Stati Uniti in questo momento per costruire reti di hub di generazione di idrogeno che saranno in grado di consegnare su camion con non più di due ore di guida”.

In Europa, la disponibilità è irregolare, ma crede che si svilupperà: “Crediamo davvero che il problema della disponibilità di idrogeno non sarà un grosso problema”.

Ovunque ci sia elettricità extra economica a causa della sovrapproduzione di fonti rinnovabili, i data center ECL saranno in grado di generare idrogeno e contribuire all’economia locale, afferma Bachar.
Il piano di ECL per strutture più grandi– ECL
I prezzi dell’idrogeno dovrebbero aggirarsi intorno ai 4 dollari al chilogrammo, dice: “Se è disponibile a 3 dollari al chilogrammo, ciò equivale a 20 centesimi per chilowattora”, dice, che è più economico di quanto molti data center possano acquistare l’elettricità ora. Anche se il prezzo sale a 6 dollari, le strutture saranno economiche, grazie al loro efficiente raffreddamento.

Ogni modulo del data center conterrà un mix di rack con una potenza compresa tra 5kW e 75kW ciascuno, abilitato dal raffreddamento fornito dove necessario attraverso un sistema di raffreddamento dello sportello posteriore a base di liquido: “Non c’è isolamento del corridoio caldo – corridoio freddo nel nostro ambiente. È tutto temperatura omogenea.”

ECL si è fermato prima del raffreddamento ad immersione perché Bachar crede che non sia pronto, non sia approvato per processori IA esotici e al momento è per lo più pubblicizzato: “La maggior parte dei tecnici nei data center non lo accetterà. Se dici a un tecnico del data center di estrarre un server dalla vasca e consegnarlo gocciolante nell’area di manutenzione, sarà molto difficile”.

Invece, una combinazione di raffreddamento ad aria, raffreddamento della porta posteriore e raffreddamento diretto al chip è sufficiente per raggiungere un PUE (efficacia nell’uso dell’energia) di 1,05, afferma: “Non siamo arrivati ​​al punto in cui non è possibile raffreddare i server in un modo tradizionale, che è una combinazione di raffreddamento ad aria e diretto su chip con un’efficienza molto elevata.”

ECL afferma che aprirà la prima struttura nel secondo trimestre del 2023 e si sposterà rapidamente in altre aree. I membri del consiglio di ECL includono Lily Yeung, vicepresidente di Molex Ventures, Nathan Shuchami, managing partner di Hyperwise Ventures, e Dean Nelson, fondatore e presidente di Infrastructure Masons e CEO di Cato Digital.
 
 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi