FOUNDRY LAB ESCE DALLA MODALITÀ STEALTH CON UNA TECNOLOGIA DI FUSIONE DIGITALE DEI METALLI “RIVOLUZIONARIA”

 
Foundry Lab, start-up di fusione di metalli con sede in Nuova Zelanda, è emersa dalla modalità stealth dopo aver raccolto $ 8 milioni in un round di finanziamento della serie A. 

Sostenuta dalla società di capitali di rischio Blackbird Ventures e da artisti del calibro di Peter Beck, CEO di Rocket Lab , l’azienda ha sviluppato una tecnologia di fusione digitale a microonde che rende possibile la consegna in giornata delle fusioni metalliche.

Secondo Foundry Lab, la sua tecnologia Digital Metal Casting (DMC) consente applicazioni nelle industrie di produzione di massa che la stampa 3D in metallo non può ancora raggiungere. Con DMC, la società afferma di poter combinare le libertà della stampa 3D in metallo con la velocità di produzione delle parti e l’economia della fusione dei metalli.

“La stampa 3D è ottima per le parti simili, ma il mondo gira su parti reali e la stampa in metallo non può mai produrre una vera fusione”, ha affermato David Moodie, CEO e fondatore di Foundry Lab. “Siamo in grado di lavorare a velocità che la stampa 3D può solo sognare.”

 I processi di colata esistenti, come la microfusione, gli stampi in sabbia stampati in 3D e la pressofusione, richiedono in genere da una a sei settimane di tempo di produzione. Foundry Lab sta cercando di superare i limiti di velocità, facilità e costo delle attuali tecniche di fusione dei metalli con la sua tecnologia DMC.

Laddove la stampa 3D in metallo può essere lenta e costosa con materiali limitati e costosi, la lavorazione CNC “avrà sempre dei limiti” alle forme che può produrre e si tradurrà in alti livelli di rifiuti. La fusione del metallo, nel frattempo, è un approccio ideale per la produzione di massa, tuttavia i costi di installazione elevati significano che la tecnologia non può essere utilizzata per niente meno di migliaia di parti. 

In alternativa, l’esternalizzazione dei getti a una fonderia può portare a ritardi di diverse settimane nel ciclo di sviluppo e molti non accettano tirature di produzione brevi in ​​quanto non sono convenienti.

Per affrontare gli svantaggi di ogni tecnologia di colata, Foundry Lab ha sviluppato la sua tecnologia DMC a microonde. DMC consente agli utenti di generare automaticamente parti da file CAD a più componenti in un solo giorno e, secondo quanto riferito, combina la geometria e le libertà di progettazione della stampa 3D con la velocità di produzione delle parti e l’economia della fusione dei metalli. 

Sebbene Foundry Lab non abbia rilasciato molti dettagli su come funziona DMC, è progettato per essere inserito nel flusso di lavoro di sviluppo esistente di un’azienda senza requisiti di progettazione speciali. L’azienda descrive The DMC – Office System come un’offerta combinata di hardware e software che consente un equivalente di fusione del metallo a mani libere senza versare metallo fuso. 

Il sistema è attualmente compatibile con alluminio, magnesio, zinco, acciaio inossidabile e le loro leghe di fusione e produce parti completamente dense che mostrano proprietà fisiche “funzionalmente equivalenti” a quelle prodotte tramite tecniche di fusione dei metalli convenzionali. Secondo Foundry Lab, la post-elaborazione delle parti prodotte da DMC è paragonabile alla pressofusione. 

Una leva del freno in metallo fabbricata con la tecnologia DMC di Foundry Lab. Foto tramite Foundry Lab.
Uscire dalla modalità invisibile

Foundry Lab sta uscendo dalla modalità invisibile dopo aver dimostrato le capacità della sua tecnologia DMC di fabbricare componenti di colata ad alta resistenza da file CAD in un solo giorno.

Foundry Lab afferma che il suo sistema DMC consente agli utenti di creare parti metalliche in qualsiasi lega di fusione per test funzionali prima della produzione di massa. Per dimostrarlo, l’azienda ha prodotto ganasce freno in alluminio pressofuso da file CAD per terminare la parte in meno di otto ore. 

In futuro, la società afferma che le parti identiche alla produzione fabbricate sul sistema DMC avranno applicazioni nelle industrie di produzione di massa che le tecnologie di stampa 3D in metallo non possono ancora servire. 

Dopo aver appena completato il round di finanziamento di serie A da 8 milioni di dollari, Foundry Lab è supportato da diversi investitori di alto profilo. Ad unirsi a Blackbird e Beck sono società di investimento globali come GD1 , Founders Fund , Promus Ventures , WNT Ventures , Icehouse e K1W1. Anche il CEO di Motional, azienda autonoma di veicoli, Karl Iagnemma e l’ex CEO di Autodesk Carl Bass, hanno dato il loro sostegno all’azienda. 

“Foundry Lab ha la possibilità di influenzare le industrie e ridefinire il modo in cui i prodotti vengono sviluppati e siamo entusiasti di aiutarli a scalare a livello globale”, ha affermato Samantha Wong di Blackbird Ventures. 

Foundry Lab vede il sostegno di esperti del settore come Beck, Iagnemma e Bass come parte integrante delle aspirazioni di crescita globale dell’azienda. Il finanziamento della serie A consentirà all’azienda di ampliare il proprio team mentre cerca di assumere nuovi talenti nei ruoli di ingegneria della radiofrequenza e delle microonde, della meccatronica e della meccanica, della simulazione e dell’ingegneria del software. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi