L’ American Petroleum Institute (API) ha svelato un nuovo standard progettato per guidare l’ulteriore adozione della produzione additiva nel settore petrolifero e del gas. 

Con il lancio di “Standard (Std) 20S”, l’API ha effettivamente introdotto un criterio a tre livelli, che stabilisce i requisiti tecnici, di qualità e di qualificazione per le parti di rig pronte per l’uso finale per la stampa 3D. In pratica, il gruppo si aspetta che Std 20S consenta alle aziende petrolifere e del gas di implementare la tecnologia in modo più coerente, in modo da ridurre la propria impronta di carbonio e “rafforzare la resilienza della catena di approvvigionamento”. 

“Questo nuovo standard amplia i requisiti di sicurezza ed efficienza migliori della categoria API e supporta operazioni all’avanguardia, aiutando i produttori a implementare nuove tecnologie di stampa 3D per soddisfare la crescente domanda globale di gas naturale e prodotti petroliferi”, ha affermato Alexa Burr, VP of Segment di API Standard e servizi per i servizi industriali globali.

Fondata più di 100 anni fa, l’API ha quasi 600 membri provenienti da tutto il settore del gas naturale e del petrolio, quindi afferma di produrre, elaborare e distribuire la maggior parte dell’energia negli Stati Uniti. Lo status di preminenza dell’organizzazione le ha fornito il peso necessario per definire gli standard per il settore e ora ha un catalogo di oltre 700 di questi, oltre alle migliori pratiche.

Sfruttando la sua esperienza maturata nel settore petrolifero e del gas, l’API fornisce indicazioni su tutto, dalla punta di perforazione e qualificazione dei materiali, per garantire gli standard di sicurezza del sito. Al fine di vigilare concretamente su queste ultime, l’organizzazione ha introdotto i Programmi ‘Monogram’ e ‘Certificazione individuale’, attraverso i quali effettua controlli sulla conformità delle aziende a determinati standard e riconosce coloro che lavorano a stretto contatto con i codici di settore.

Secondo l’API, molti dei suoi standard sono stati incorporati nella legge federale degli Stati Uniti e sono “ampiamente citati dalla comunità di regolamentazione internazionale”. Di conseguenza, il gruppo ha sempre più cercato di diventare globale con l’ambizione di migliorare “la sicurezza e la redditività dell’industria petrolifera e del gas statunitense” e di affrontare le più ampie sfide ambientali del settore. 

 

Lanciato nell’ottobre 2021, API Standard 20S copre la produzione, la marcatura e il monitoraggio di “Componenti metallici prodotti in modo additivo per l’uso nelle industrie del petrolio e del gas naturale”. In particolare, il documento introduce le misure che le aziende petrolifere e del gas devono seguire, se vogliono produrre parti stampate in 3D a getto di polvere (PBF) adatte allo scopo, deposizione di energia diretta (DED) o getto di legante. 

Lo standard 20S è essenzialmente costruito attorno a tre livelli di specifiche di produzione additiva (AMSL), che definiscono i crescenti requisiti tecnici, di qualità e di qualificazione che devono essere soddisfatti per ottenere API “AMSL gradi 1-3”. Tuttavia, per ottenere questa certificazione, le aziende petrolifere e del gas dovranno anche soddisfare standard più ampi, su questioni come formazione, ispezione, attrezzature, test sui materiali e controllo di qualità.

Una volta implementata, l’API prevede che i suoi AMSL accelereranno l’adozione della stampa 3D nel settore e porteranno al lancio di parti ottimizzate che “guidano l’efficienza, la sicurezza e i progressi tecnologici in tutti i segmenti del settore”.

L’organizzazione vede anche lo Standard 20S come un modo per aiutare le aziende petrolifere e del gas a ridurre la loro dipendenza dalla catena di approvvigionamento, facendo progressi verso gli obiettivi delineati nel suo Climate Action Framework . In un rapporto pubblicato all’inizio di quest’anno, l’API si è impegnata a lavorare per un “futuro a basse emissioni di carbonio” attraverso “l’accelerazione della tecnologia e dell’innovazione”, quindi ora si è rivolta ad AM per perseguire questi obiettivi.

“Impiegare l’innovazione è uno dei tanti approcci che la nostra industria sta adottando per ridurre le emissioni di carbonio, come indicato nel Climate Action Framework dell’API”, ha aggiunto Burr. “La capacità di implementare una tecnologia innovativa e avvicinare la produzione critica al punto di utilizzo, riduce lo stress nella catena di approvvigionamento, riducendo le emissioni di Scope 3 e massimizzando la capacità di produzione”.

Dopo l’introduzione dello Standard 20S, l’API afferma che ora sta lavorando su una serie simile di linee guida per le parti stampate in 3D polimeriche, aggiungendo che il suo ultimo annuncio “è solo l’inizio del lavoro che verrà svolto in questo spazio”. 

Chi è interessato a saperne di più sull’API Std 20S può acquistare l’accesso al documento tramite il negozio online dedicato dell’organizzazione qui . 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi