Fusion3 REACTOR

Fusion3 Presenta REACTOR

Software REACTOR per il taglio della stampa 3D in azione [Fonte: Fusion3]
Fusion3 ha introdotto un nuovo e potente sistema di slicing per le loro stampanti 3D, REACTOR.

REACTOR è basato sul motore di slicing REALvision di Create it REAL ed è inteso per l’uso solo con il set di stampanti 3D di Fusion3. REALvision include una serie di algoritmi di slicing proprietari che possono aumentare significativamente la qualità delle stampe 3D.

Dovrei notare che REALvision, il cuore di REACTOR, non è sicuramente una rielaborazione di un sistema di slicing open source, come la maggior parte delle altre opzioni che vedrai dai produttori di stampanti 3D. Questo non è Cura, né SLIC3R sotto le coperte. È un sistema software completamente nuovo di Create it REAL.

In superficie, REACTOR offre la normale funzionalità del sistema di slicing, inclusa la possibilità di layout di modelli 3D per i lavori di stampa, l’applicazione di “modificatori” per modificare le impostazioni in determinate regioni del lavoro di stampa e molto altro ancora.

Tuttavia, le salse segrete sono più profonde all’interno di REACTOR. Uno di questi sono i già citati algoritmi REALvision, ma un altro sono i profili di stampa.

Profili di stampa 3D
I profili di stampa 3D hanno sicuramente preso piede, poiché le prime aziende che li hanno introdotti hanno avuto un enorme successo. L’idea è che invece di chiedere all’operatore della stampante 3D di indovinare e scorrere le varie impostazioni dei parametri di stampa per scoprire la configurazione ottimale, le impostazioni corrette possono essere fornite in anticipo.

La qualità di stampa, tuttavia, è una combinazione di attrezzature e materiali, quindi un profilo di stampa sarà sempre un insieme di parametri di stampa per una macchina specifica E un materiale specifico. E per materiale specifico, intendo un prodotto filamento specifico da un fornitore specifico, non “ABS generico” o simile.

Un buon profilo di stampa è sempre l’obiettivo, ma integrandone una libreria in un sistema di slicing, un fornitore può aumentare notevolmente l’utilità delle proprie apparecchiature. Questo perché l’operatore della stampante 3D seleziona semplicemente il profilo giusto per il lavoro e lo esegue. C’è poca necessità di iterazione e questo non solo fa risparmiare tempo all’operatore, ma fa anche risparmiare materiale che altrimenti verrebbe sprecato negli esperimenti per comporre le impostazioni.

A questo punto sta diventando chiaro che per competere adeguatamente nel mercato della stampa 3D professionale un fornitore dovrebbe avere questo tipo di funzionalità disponibile per i clienti.

L’inclusione di profili di stampa 3D in REACTOR sembra essere la caratteristica principale, poiché i vantaggi di cui sopra sarebbero immediatamente disponibili per i clienti Fusion3. Ancora meglio, il sistema sarebbe in grado di migliorare costantemente includendo nuovi profili nel sistema così come vengono identificati da Fusion3. Ciò significa che il software “terrà il passo” con i materiali avanzati appena annunciati.

Quanto è ampia la libreria dei profili di stampa di REACTOR? Ho dato un’occhiata e ho trovato quasi 140 diversi materiali di stampa 3D specifici disponibili nel catalogo di Fusion3, che rappresentano circa 40 dei principali fornitori di filamenti. Queste includevano opzioni di materiale per ABS, ASA, copoliesteri, flessibile, HIPS, nylon, PETG, PLA, PC e “altro”.

Ora, ricorda che un profilo di stampa è una combinazione di materiale (dal 140 sopra) e macchina. Questi materiali avrebbero tutti un profilo per l’attuale stampante 3D di punta Fusion3, la F410 . È probabile che se e quando Fusion3 avvierà un’altra stampante 3D, avrebbe anche i profili associati ad essa incorporati in REACTOR.

Utilizzando REACTOR
REACTOR è fornito in bundle solo con le stampanti 3D F410 di Fusion3 e non è possibile acquistarlo per l’utilizzo con altre apparecchiature. In effetti, è considerato così prezioso che Fusion3 abbia una procedura di attivazione online per gestire le licenze, che può essere eseguita anche offline per coloro che si trovano in posizioni sicure.

Simplify3D e Fusion3
Fino ad ora Fusion3 ha integrato Simplify3D con le proprie apparecchiature, così come molti produttori di stampanti 3D. Alla domanda se avrebbero interrotto Simplify3D, il CEO di Fusion3 Chip Royce ci ha detto:

“Siamo preziosi partner di Simplify3D dal 2014, con il lancio della nostra prima stampante 3D, la F306. Una serie di fattori, soprattutto il desiderio di perseguire caratteristiche uniche guidate dall’interazione tra il software e l’hardware, hanno portato a impostare questo corso. I nostri attuali clienti hanno la possibilità di continuare a utilizzare Simplify3D se lo desiderano e continueremo a offrire Simplify3D come opzione per quei clienti non ancora pronti per il passaggio “.

Questo è abbastanza interessante. Sembra che Fusion3 abbia ritenuto che REACTOR sarebbe stata un’opzione migliore di Simplify3D, e forse questo è dovuto alle funzionalità del profilo di stampa centralizzato. Mi chiedo ora se i ragazzi di Simplify3D, che devono ancora offrire una versione aggiornata per ben più di due anni, stiano considerando di aggiungere quella funzionalità al loro software.

In ogni caso, sembra che Fusion3 sia ora ben posizionato per competere nel mercato professionale con la loro potente macchina F410 e l’altrettanto potente software di slicing, REACTOR.

Be the first to comment on "Fusion3 REACTOR"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi