Ganit Goldstein lancia WeAreABle la collezione di abbigliamento stampato in 3D con una presentazione virtuale

La stilista Ganit Goldstein ha collaborato con Stratasys per creare pezzi unici combinando metodi artigianali di ricamo con la stampa 3D diretta su tessuto. Il risultato è stata una distintiva collezione stampata in 3D di ispirazione giapponese chiamata “WeAreABle” che l’artista ha lanciato a ottobre attraverso uno spazio espositivo di moda in realtà virtuale sul suo sito web. Incorporando la tecnologia PolyJet multimateriale e la scansione 3D per produrre tessuti 3D, Goldstein sta sperimentando sviluppi nella nuova produzione tessile. Il progetto fa parte di un programma Horizon 2020 Re-FREAM dell’Unione Europea (UE) concessione che ha avuto dieci designer che collaborano con scienziati per ripensare il processo di produzione dell’industria della moda.

Durante il periodo trascorso presso l’ Università delle arti di Tokyo , Goldstein ha trovato ispirazione nel ricamo artigianale asiatico e nella pittura tessile. I suoi modelli di kimono seguono la tessitura ikat giapponese , una tecnica popolare tradizionale prodotta dalla metà del XVIII secolo in cui motivi unici sembrano spruzzati sul tessuto. Tornata nel suo studio londinese, la designer ha scelto di integrare la tecnica di lavorazione con la tecnologia di scansione 3D per poi stamparla in 3D sul tessuto. Mantenere l’identità della tecnica dandole un approccio unico che potrebbe aprire la strada al futuro della stampa 3D nei tessuti.

Kimono stampati in 3D multicolore ispirati alla tradizionale tessitura IKAT, stampati direttamente su tessuto in collaborazione con Stratasys. Immagine per gentile concessione di Ganit Goldstein

Per il progetto “WeAreABle”, Goldstein si è basata su scansioni 3D del corpo e codici parametrici 3D combinati con la stampa 3D multicolore direttamente sul tessuto per un modo completamente nuovo di produrre indumenti. Sulla base delle misurazioni di uno scanner corporeo a 360 gradi, è stata in grado di adattare l’indumento alla forma e alle misure specifiche di una persona. I due outfit risultanti combinano forma, colore e flessibilità in pezzi su misura con materiali unici e motivi parametrici.

Ganit Goldstein ha utilizzato scansioni 3D del corpo e codici parametrici 3D per creare la stampa 3D multicolore direttamente sul tessuto per un modo completamente nuovo di produrre indumenti. Immagine per gentile concessione di Ganit Goldstein

Come molti designer che si rivolgono alla tecnologia di stampa 3D per creazioni su misura, Goldstein si sta allontanando dalle mode veloci prodotte in serie e verso una piattaforma di produzione su richiesta, che potrebbe eventualmente diventare una collezione per i clienti che cercano pezzi artistici ma indossabili che sono unici nel loro genere . La tecnologia di stampa diretta su tessuto di Stratasys le ha permesso di digitalizzare completamente i flussi di lavoro di progettazione, fino alla produzione.

Ciò dimostra che è possibile che la produzione localizzata e la personalizzazione di massa assumano un ruolo guida nella moda. La nuova tecnica potrebbe alla fine aiutare a ridurre le scorte e gli sprechi, una tendenza molto rilevante, soprattutto perché l’industria si sposta verso marchi più sostenibili che creano moda senza lasciare un’impronta negativa.

Stratasys ha già lavorato a stretto contatto con una serie di marchi di moda per la casa per ottimizzare la sua nuova tecnologia PolyJet per soddisfare le esigenze della moderna fabbricazione di abbigliamento e rendere commercialmente fattibile il fashion design personalizzato. Le partnership con designer d’avanguardia threeASFOUR e Travis Fitch alla settimana della moda di New York hanno portato a possibilità commerciali di stampa 3D direttamente sui vestiti. Il produttore pioniere della stampa 3D ha anche collaborato con Goldstein nel 2019 a una collezione di moda di scarpe e gioielli stampati in 3D.

RICHIESTA DI PREVENTIVO
Stai cercando di acquistare una stampante 3D o uno scanner 3D? Siamo qui per aiutare. Ottieni consulenza gratuita e preventivi da fornitori di fiducia nella tua zona.
RICHIEDI PREVENTIVO
Alimentato da Aniwaa

Kimono stampato in 3D multicolore ispirato alla tradizionale tessitura IKAT, stampato direttamente su tessuto in collaborazione con Stratasys. Immagine per gentile concessione di Ganit Goldstein

Per questo progetto, Goldstein ha considerato il corpo umano come una piattaforma per l’innovazione e si è concentrato sullo sviluppo di tessuti intelligenti. In particolare fissarsi sui limiti della tecnologia e della tradizione ridisegnando i confini tra fatto a mano e fatto a macchina combinando i due. Mentre il ricamo giapponese è l’anima del progetto, la stampa 3D multicolore diretta su tessuto ne è il fulcro. Il kimono segue un algoritmo composto dalla scansione 3D del corpo e traslato sulla superficie di stampa durante il processo di stampa.

Utilizzando la stampa 3D, il designer e gli ingegneri di Stratasys sono stati in grado di stampare i dati dalle scansioni e creare un tessuto che “ricorda” le proprietà 3D di un corpo specifico, ha descritto Goldstein. Il risultato è costituito da abiti su misura per le curve esatte e la forma del corpo unica del modello.

Kimono stampati in 3D multicolore ispirati alla tradizionale tessitura IKAT, stampati direttamente su tessuto in collaborazione con Stratasys. Immagine per gentile concessione di Ganit Goldstein

Alla fine, ogni capo realizzato da manipolazioni CAD 3D a 2D e un flusso di lavoro di progettazione 3D è un pezzo di tessuto preciso. I design mai visti prima mostrano un uso unico di colori, trame e sfumature dominanti che possono essere apprezzati da diverse angolazioni, con un caratteristico punto focale nella parte posteriore. Lo stile Kimono si basa su motivi floreali che ricoprono interamente il tessuto per una versione moderna dell’abito tradizionale secolare del Giappone.

La collezione ispirata al Kimono stampata in 3D di Ganit Goldstein in mostra a Milano. Immagine per gentile concessione di Stratasys / Ganit Goldstein

Dal lancio, le creazioni stampate in 3D sono già state presentate nella prestigiosa mostra “Linea Pelle” a Milano dal team di Stratasys, insieme a molti altri abiti e tessuti delle collezioni Stratasys Art, Fashion & Design, che porta uno sguardo più da vicino al nuovo tecnologia per tessuti stampati grazie alla tecnologia PolyJet. I pezzi saranno inoltre presentati nell’ambito della mostra permanente dei mesi successivi in ​​D-house, sempre a Milano.

Sebbene il lancio della nuova collezione fosse previsto per la mostra annuale al vertice “Wear It” di Berlino, a causa delle restrizioni relative a COVID-19 e delle normative di distacco sociale, Goldstein ha dovuto reinventare il modo in cui ha presentato il suo lavoro. Lavorando con il principale gigante della tecnologia Intel , ha creato una piattaforma di realtà virtuale per uno spazio espositivo realistico a 360 gradi per mostrare le sue preziose creazioni. Consentire al pubblico di visualizzare la raccolta 3D in uno spazio di realtà virtuale completo e colmare il divario tra la nostra nuova realtà di distanziamento sociale.

Be the first to comment on "Ganit Goldstein lancia WeAreABle la collezione di abbigliamento stampato in 3D con una presentazione virtuale"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi