GE Additive Binder Jet nel 2021

Il lancio della tecnologia GE Additive Binder Jet è previsto per il 2021

“ La motivazione di questa tecnologia deriva dall’obiettivo di rendere realtà la produzione di progetti additivi che cambiano il gioco. “

Sulla scia del programma beta H2 di GE Additive , che include artisti del calibro di Cummins , Wabtec e Sandvik , la società si appresta a lanciare una tecnologia a getto di legante che fa avanzare il processo e consente la “produzione di additivi ad alto volume ea basso costo”.

L’azienda sta sviluppando una tecnologia che spera possa sfidare le tradizionali tecnologie di produzione come la fusione, la lavorazione meccanica e lo stampaggio a iniezione di metalli, costruendo parti grandi come le dimensioni di un pallone da basket, nonché componenti più piccoli, con proprietà dei materiali che corrispondono almeno a quelle di un cast equivalente.

“Questa piattaforma viene utilizzata per lo sviluppo di applicazioni, processi e materiali”, ha dichiarato a TCT Jake Brunsberg, Product Line Leader – Binder Jet, GE Additive . “Stiamo lavorando con i primi partner per scalare la maturità della tecnologia, specificatamente orientata alla prontezza delle applicazioni verso la produzione di massa. La progressione naturale di questa seconda fase del programma [H2 beta] è la nostra soluzione per la linea di produzione. Questo dovrebbe essere lanciato nel 2021 come parte del movimento verso la produzione di additivi ad alto volume ea basso costo “.

GE afferma di aver posto un focus chiave sulla sicurezza, sull’elevata efficienza complessiva delle apparecchiature (OEE), sulla prontezza all’automazione, sulla distorsione predittiva, sulla compensazione e sulle proprietà dei materiali che soddisfano o superano le esigenze industriali. Vuole consentire il più basso costo totale di proprietà per la produzione di additivi metallici e, in tal modo, aprire opportunità in materia di efficienza del carburante, riduzione di NOx, elettrificazione, nuove celle a combustibile e riduzione delle dimensioni del pacchetto di sottosistemi in settori come le industrie dei trasporti.

Parte del suo metodo per fornire alla fine queste capacità sul mercato è stato quello di impostare il programma H2 beta, allineando la tecnologia con le aziende che hanno un pedigree industriale per garantire che la tecnologia fosse scalabile. Attraverso queste partnership, GE ritiene di aver assicurato che le sue linee di produzione soddisferanno i requisiti e le aspettative dei loro piani di produzione avanzati e renderanno la “produzione di massa additiva una realtà per i nostri partner”. Per tutto il 2021, l’azienda prevede di aggiungere altri partner esterni.

“La motivazione di questa tecnologia deriva dall’obiettivo di rendere realtà la produzione di progetti additivi rivoluzionari per industrie a basso costo e ad alto volume”, ha aggiunto Brunsberg. “Abbiamo collaborato per supportare l’innovazione di prodotto nei settori automobilistico e industriale su larga scala. La capacità di produrre efficacemente una “colata senza stampo” aprirà l’innovazione di prodotto nelle applicazioni del gruppo propulsore e del telaio che consentiranno ulteriormente l’elettrificazione, la tecnologia delle energie rinnovabili e l’efficienza delle attuali infrastrutture ICE. Collaborando strettamente in questi settori, ci assicuriamo che la tecnologia sia allineata alle aspettative e ai requisiti di produzione del mondo reale “.

Be the first to comment on "GE Additive Binder Jet nel 2021"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi