GE Additive e la Western Sydney Aerotropolis

Il governo del NSW e GE Additive hanno firmato un Memorandum of Understanding per sviluppare un centro di stampa 3D presso la Western Sydney Aerotropolis.

Il premier del NSW Gladys Berejiklian è in visita di una settimana nel Regno Unito e in Germania con il ministro del lavoro Stuart Ayres. Il nuovo accordo è stato firmato durante una visita al Customer Experience Center di GE Additive a Monaco.
Secondo Berejiklian, l’investimento sarebbe “una componente chiave di un nuovo hub dell’industria spaziale all’Aerotropolis”.
“La nostra partnership con GE Additive creerà molti posti di lavoro hi-tech nei settori aerospaziale, medico e automobilistico”, ha affermato in una nota .
L’iniziativa trasformerebbe Sydney occidentale nel “centro della stampa 3D in Australia”, secondo la dichiarazione. Segue un protocollo d’ intesa firmato a Londra con BAE Systems per entrare a far parte.
GE e l’Università di Sydney stipulano un accordo di 5 anni sulla stampa 3D in metallo
4 ore di Joris Peels Stampa 3D Istruzione Stampa 3D in metallo

GE ha annunciato un accordo quinquennale con l’ Università di Sydney per portare formazione e macchine per la stampa 3D in metallo nel campus di Darlington. Questo campus fa parte del Sydney Manufacturing Hub dell’università , che ora può formare le persone nelle competenze di produzione additiva, nonché incubare le imprese. L’hub inoltre “consentirà la progettazione e le applicazioni avanzate di leghe per supportare una vasta gamma di settori, tra cui aerospaziale, difesa, medicina e agricoltura”.

L’accordo quinquennale si basa su un precedente memorandum d’intesa con l’Università, nonché su accordi con il governo del New South Wales per contribuire a portare la stampa 3D nella regione.

Sam Maresh, leader nazionale di GE Australia, ha osservato:

“Questa è una svolta per l’industria manifatturiera avanzata australiana. Tramite il Sydney Manufacturing Hub, i produttori australiani e le piccole e medie imprese (PMI) avranno ora accesso immediato alla tecnologia additiva di livello di produzione di GE “

Il professor Simon Ringer, direttore delle principali strutture di ricerca dell’Università di Sydney, ha riferito in che modo l’accordo si collega alla pandemia in corso.

“Prima di COVID-19, un focus nazionale sulla resilienza della produzione era generalmente considerato un bel pensiero. Crediamo da tempo che questa debba essere una priorità nazionale fondamentale e COVID-19 ha alzato la posta in gioco. GE Additive e l’Università di Sydney, lavorando a fianco del governo e delle PMI australiane, saranno in prima linea nel fornire questa capacità. È in arrivo una rinascita manifatturiera e affinché l’Australia sia leader in questo spazio, deve esserci un investimento nelle competenze. Attraverso l’uso di una struttura intelligente, l’Università di Sydney è nella posizione migliore per svilupparli e portare avanti una nuova era di innovazione “.

L’attenzione sulle abilità e sull’addestramento delle abilità è qui. Spesso le aziende e i governi si concentrano sulle macchine, ma, in realtà, il grande ostacolo è nella formazione. Gli esperti in Design for Additive Manufacturing, gli operatori di macchine e gli specialisti nello sviluppo di applicazioni semplicemente non esistono ancora. La fusione del letto di polvere laser e la fusione del fascio di elettroni sono tecnologie difficili da comprendere ed eseguire dial-in per la produzione. La maggior parte delle aziende impiega almeno sei mesi di lavoro per arrivare a un livello in cui possono realizzare parti in modo coerente. C’è molta comprensione, formazione ed esperienza pratica per comprendere quali sono le variabili, i problemi e gli errori nella stampa 3D. Anche attività come la generazione del supporto e la pianificazione delle parti sono estremamente difficili e variano a causa di molti fattori, come la geometria della parte.

Inoltre, compiti come la manipolazione delle polveri, la qualificazione, lo sviluppo di applicazioni, la certificazione e la produzione effettiva sono anche competenze complesse che poche persone padroneggiano. Lasciando che questa sia un’area di interesse, l’Università di Sydney aiuterà davvero l’industria locale. I singoli operatori e in particolare gli ingegneri di sviluppo delle applicazioni che possono prendere parti convenzionali e trasformarle in additive funzionanti, e quindi sviluppare nuove applicazioni, sono colli di bottiglia chiave in tutto il mondo.

Be the first to comment on "GE Additive e la Western Sydney Aerotropolis"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi