i medici separano le teste di gemelli siamesi di un anno
“Questa è un’operazione molto rara, eseguita finora nel mondo solo circa 20 volte e per la prima volta in Israele, in bambini di un anno”.
 
Un team di medici ha eseguito per la prima volta un’operazione rara in Israele, separando i gemelli attaccati alla testa, una condizione rara chiamata gemelli craniopagus.
 
La procedura di 12 ore si è svolta giovedì scorso al Soroka-University Medical Center di Beersheba su due gemelle di un anno nate in ospedale lo scorso agosto. Le loro teste erano attaccate dietro.
 
“Questa è un’operazione molto rara, eseguita finora nel mondo solo circa 20 volte e per la prima volta in Israele in bambini di un anno, uno dei più giovani in cui è stata eseguita questa procedura”, ha affermato il dott. Mickey Gideon , direttore della neurochirurgia pediatrica a Soroka. “I prossimi giorni saranno fondamentali per il processo di guarigione dei gemelli”.
 
 
 
Decine di membri del personale sono stati coinvolti nella procedura e hanno lavorato con i genitori sin dalla nascita delle loro figlie. I medici hanno sfruttato attrezzature e tecnologie avanzate, alcune delle quali hanno dovuto essere portate in ospedale appositamente per la procedura. Ciò includeva la modellazione 3D, la realtà virtuale e dispositivi di monitoraggio speciali.

Nello specifico, hanno utilizzato STRATASYS, modelli 3D4OP 3D basati su immagini di risonanza magnetica, TC e scansioni angiografiche che simulavano la complessità della connessione dei vasi sanguigni, delle meningi, delle ossa del cranio e della pelle dei gemelli.
 
Utilizzando il modello VR chiamato Surgical Theatre, il team è stato in grado di effettuare simulazioni della procedura e pianificarla nel modo più esatto. Decine di simulazioni di tutte le fasi dell’operazione sono state eseguite in ciascuno dei modelli prima del giorno dell’intervento.
 
Un’analisi del modo migliore per separare le ragazze è stata fatta in più fasi. Il team di trattamento ha introdotto estensori della pelle e dei tessuti diversi mesi fa per produrre la pelle in eccesso che è stata utilizzata per chiudere il cuoio capelluto delle due ragazze dopo la separazione.

I gemelli sono stati sottoposti a test approfonditi e sono stati sotto continuo monitoraggio medico negli ultimi mesi, inclusa la loro funzione cardiaca e respiratoria.
 
 
Secondo l’ospedale, un team dedicato di 50 professionisti era pronto per l’operazione. Ciò includeva neurochirurgia, chirurgia plastica, anestesia pediatrica, terapia intensiva pediatrica e specialisti di imaging cerebrale.
 
Durante l’ intervento stesso, dopo che la separazione dei vasi sanguigni ha avuto successo, le ossa sono state separate. I medici si sono quindi divisi in due squadre per lavorare in parallelo in due sale operatorie separate, eseguendo una ricostruzione del cranio di ciascuna delle ragazze e chiudendo la pelle.
 
Un’analisi del modo migliore per separare le ragazze è stata fatta in più fasi. Il team di trattamento ha introdotto estensori della pelle e dei tessuti diversi mesi fa per produrre pelle in eccesso che sarebbe stata utilizzata per chiudere il cuoio capelluto dopo la separazione.
 
Negli ultimi mesi, i gemelli sono stati sottoposti a test approfonditi e sono stati sotto continuo monitoraggio medico, compresa la loro funzione cardiaca e respiratoria.

Secondo una ricerca pubblicata l’anno scorso dalla UC Davis Health dell’Università della California, i gemelli craniopagi si verificano in circa uno su 2,5 milioni di nascite.
 
“Sono molto orgoglioso dei nostri team, di tutti gli specialisti che si sono impegnati in questo evento impegnativo e complesso”, ha affermato il direttore dell’ospedale Dr. Shlomo Kodesh. “Desidero una guarigione completa per i gemelli e la loro famiglia”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi