GLI SCIENZIATI SVILUPPANO UN CEROTTO PER VACCINO CON MICROAGHI STAMPATO IN 3D CHE SUPERA I JAB
 
Le liste dei finalisti dei premi per l’industria della stampa 3D 2021 sono aperte per il voto,  dite la vostra ora .

Gli scienziati della Stanford University e dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill (UNC) hanno prodotto un cerotto per vaccino stampato in 3D che secondo loro fornisce una protezione maggiore rispetto a un tipico vaccino.

Applicato direttamente sulla pelle, il cerotto con microaghi secondo quanto riferito ha fornito una risposta immunitaria 10 volte maggiore di un vaccino somministrato nel muscolo del braccio tramite un ago. Il cerotto con microaghi ha anche altri vantaggi, tra cui la consegna facile e indolore e la possibilità di essere autosomministrato. 

“Nello sviluppo di questa tecnologia, speriamo di gettare le basi per uno sviluppo globale ancora più rapido di vaccini, a dosi più basse, in modo senza dolore e ansia”, ha affermato Joseph DeSimone, autore principale dello studio e co-fondatore. di stampante 3D OEM Carbon . “Una delle lezioni più importanti che abbiamo imparato durante la pandemia è che l’innovazione nella scienza e nella tecnologia può creare o distruggere una risposta globale.

“PER FORTUNA ABBIAMO OPERATORI SANITARI E BIOTECNOLOGICI CHE SPINGONO LA BUSTA PER TUTTI NOI”.

Vantaggi dei cerotti con microaghi

La vaccinazione è stata a lungo una misura essenziale di salute pubblica per aiutare a prevenire le malattie infettive e nell’ultimo anno è stata vitale nello sforzo di proteggere le popolazioni di tutto il mondo contro il Covid-19. Mentre i vaccini vengono in genere somministrati tramite un’iniezione di ago ipodermico, i cerotti con microaghi sono stati studiati e sviluppati per decenni.

La tecnologia di stampa 3D viene sempre più utilizzata per migliorare la personalizzazione e l’accuratezza dei cerotti con microaghi, che forniscono un approccio non invasivo e indolore alla vaccinazione. In grado di essere autosomministrati, i cerotti forniscono un’alternativa più attraente a coloro che hanno la fobia degli aghi, riducendo al contempo la necessità di personale qualificato per somministrare i vaccini.

I cerotti sono in genere formati da minuscoli microaghi stampati in 3D disposti su un cerotto polimerico e vengono applicati direttamente sulla pelle. Il vaccino prende quindi di mira le cellule immunitarie presenti nella pelle e genera una risposta anticorpale antigene-specifica.

I cerotti Microneedle offrono anche vantaggi logistici. I vaccini somministrati tramite un ago richiedono in genere la conservazione a freddo in frigoriferi o congelatori e di solito richiedono un viaggio in una clinica, un ospedale o un centro di vaccinazione. Al contrario, i cerotti con microaghi ricoperti di vaccino possono essere spediti in qualsiasi parte del mondo senza un trattamento speciale e, poiché possono essere autosomministrati, significherebbero meno viaggi in ospedali o cliniche per i pazienti. 

Gli scienziati ritengono che tali benefici potrebbero potenzialmente incoraggiare tassi di vaccinazione più elevati in futuro.


Stampa 3D della toppa con microaghi

La maggior parte dei vaccini a microaghi viene creata attraverso tecniche di stampaggio, tuttavia tali metodi possono mancare di versatilità e portare a una riduzione dell’affilatura dell’ago durante la replicazione. Ci sono state anche sfide nell’adattare i microaghi a diversi tipi di vaccino, secondo Shaomin Tian, ​​autore principale dello studio e ricercatore presso il Dipartimento di microbiologia e immunologia della UNC School of Medicine. 

“Questi problemi, insieme alle sfide di produzione, hanno probabilmente ostacolato il campo dei microaghi per la somministrazione del vaccino”, ha affermato. “Il nostro approccio ci consente di stampare direttamente in 3D i microaghi, il che ci offre molta libertà di progettazione per realizzare i migliori microaghi dal punto di vista delle prestazioni e dei costi”.

I cerotti a microaghi sviluppati dagli scienziati di Stanford e dell’UNC sono stati stampati in 3D utilizzando un prototipo di stampante 3D di Carbon, basata sulla tecnologia Continuous Liquid Interface Production (CLIP) dell’azienda . 

I risultati dello studio hanno mostrato che il cerotto vaccinale ha generato una significativa risposta delle cellule T e degli anticorpi antigene-specifici che, secondo quanto riferito, era 50 volte maggiore di una tipica iniezione sottocutanea. La risposta immunitaria risultante è stata osservata essere 10 volte maggiore di quella di un vaccino somministrato direttamente nel muscolo del braccio.

Secondo gli scienziati, l’accresciuta risposta immunitaria potrebbe aprire la strada al risparmio di dose, in cui un cerotto vaccinale con microaghi verrebbe utilizzato per somministrare una dose più piccola di un particolare vaccino, attivando comunque una risposta immunitaria simile a quella di un vaccino somministrato con un ago e una siringa. voluto. Potenzialmente, questo potrebbe aiutare in qualche modo a gestire meglio la domanda e l’offerta di vaccini e a garantire che più persone abbiano accesso a vaccini vitali.

In futuro, i team di Stanford e UNC continueranno a formulare vaccini come i vaccini Pfizer e Moderna Covid-19 in cerotti con microaghi stampati in 3D per test futuri.

Maggiori informazioni sullo studio possono essere trovate nel documento intitolato: “La vaccinazione transdermica tramite microaghi stampati in 3D induce una potente immunità umorale e cellulare”, pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America (PNAS). Lo studio è stato co-autore di C. Caudill, J. Perry, K. lliadis, A. Tessema, B. Lee, B. Mecham, S. Tian e J. DeSimone.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi