In base al contratto, GKN Aerospace fornirà le turbine dello stadio principale e superiore e gli ugelli Vulcain per i prossimi 14 lanciatori
L’accordo copre il periodo di industrializzazione della tecnologia rivoluzionaria di saldatura laser e delle strutture prodotte in modo additivo (AM) per la fase successiva dei lanciatori
Il processo AM porta a notevoli risparmi, con riduzione di componenti, costi e tempi di produzione
GKN Aerospace ha realizzato più di 1.000 camere di combustione e ugelli, oltre a più di 250 turbine per il razzo Ariane in quasi cinque decenni
GKN Aerospace ha firmato un contratto con ArianeGroup per la fornitura della fase successiva delle turbine Ariane 6 e degli ugelli Vulcain. Il contratto include la produzione e la fornitura di unità per i prossimi 14 lanciatori Ariane 6, da produrre da qui al 2025.

GKN Aerospace, presso il suo sito di Trollhättan in Svezia, è attualmente focalizzata sull’industrializzazione e sull’integrazione di nuove tecnologie innovative nei suoi prodotti Ariane 6. Ciò include la parete del canale dell’ugello, che includerà tecnologie completamente nuove in un’applicazione di volo. Il design è stato continuamente migliorato nel tempo e, durante il processo batch di transizione, sarà ulteriormente perfezionato nel centro di eccellenza all’avanguardia di GKN Aerospace. Questo è essenziale per prepararsi all’aumento della produzione nella prossima fase di sfruttamento del lanciatore.

L’unità aziendale spaziale di GKN Aerospace, a Trollhättan, è stata attiva nel programma Ariane sin dal suo inizio nel 1974, avendo contribuito al programma in ogni fase, dalla ricerca e sviluppo iniziale fino alla produzione in serie. Ad oggi, GKN Aerospace ha realizzato oltre 1.000 camere di combustione e ugelli, nonché oltre 250 turbine per il razzo Ariane.

” La firma di questo contratto è un importante passo avanti, non solo per GKN Aerospace e le attività di lancio in Svezia, ma per l’intero programma Ariane 6 “, ha affermato Martin Velander, direttore del programma GKN Aerospace Launcher Engines. “ Rafforza il fatto che la partecipazione svedese è la chiave per il futuro del lanciatore e per il futuro dell’esplorazione spaziale europea. “

Stephane Nogatchewsky, Head of Procurement di ArianeGroup, ha dichiarato: “ Dopo la firma dei contratti di sfruttamento con Sabca, Airbus Spain, Europropulsion, Avio e MTAerospace, questo contratto con GKN Aerospace è un nuovo e fondamentale passo verso un forte team europeo di Ariane 6. “

“ Mentre il volo inaugurale di Ariane 6 si sta avvicinando e la crescita industriale si sta intensificando, questa collaborazione è una pietra miliare positiva e fondamentale per il futuro delle operazioni di Ariane 6. Inoltre, l’unificazione degli attori europei è fondamentale per garantire ulteriore robustezza e competitività industriale A6 e preservare l’accesso autonomo europeo allo spazio .

Il programma Ariane 6 è l’unico asset europeo che consente un accesso indipendente allo spazio per missioni strategiche. Fornisce inoltre la flessibilità necessaria per lanciare carichi pesanti e leggeri su un’ampia gamma di orbite per applicazioni come l’osservazione della Terra, le telecomunicazioni, la meteorologia, la scienza e la navigazione.

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi