GM 3D stampa 60.000 parti per mantenere le consegne del SUV  Tahoe in tempo

 
Cosa sta succedendo
GM si è rivolta a stampanti 3D industriali per evitare una carenza di parti cruciali.

Perchè importa
Questa è la prima volta che vediamo la produzione additiva su tale scala automobilistica.

Qual è il prossimo
Ciò indica che la stampa 3D va oltre la fase di prototipazione e verso una produzione adeguata.
L’attuale carenza di chip  potrebbe essere l’elemento chiave che annulla i tuoi desideri capitalistici più urgenti durante la pandemia, ma i problemi di fornitura di produzione non si limitano alla varietà di silicio. Di fronte all’impossibilità di produrre un componente necessario per la consegna della Chevrolet Tahoe del 2022 , gli ingegneri di General Motors si sono rivolti a una nuova soluzione: la stampa 3D.

La stampa 3D, più formalmente nota come produzione additiva, è il processo di creazione rapida di parti completamente formate da modelli digitali. GM ha effettuato un importante investimento nella tecnologia nel 2020, dedicando 15.000 piedi quadrati di spazio a una struttura soprannominata Additive Industrialization Center. Un anno dopo, GM aveva bisogno di aiuto. Gli ingegneri Chevrolet hanno apportato una modifica tardiva al design della Tahoe del 2022, rendendo necessaria la creazione di una parte aggiuntiva: un nuovo “sigillo di chiusura spoiler” flessibile colma una lacuna nella parte posteriore del grande SUV. Lo sviluppo degli strumenti per lo stampaggio a iniezione avrebbe richiesto troppo tempo, ritardando la consegna di 30.000 veicoli.

Le parti, come escono dalla stampante, sono funzionali ma non esattamente esteticamente perfette. 

Previsioni GKN 3D
Entra nella stampa 3D. Gli ingegneri GM hanno collaborato con GKN Additive Forecast 3D , esperti nella produzione additiva su scala industriale. Gli ingegneri GKN sono stati in grado di stampare rapidamente i componenti utilizzando un materiale flessibile che soddisfaceva i criteri di GM. Le parti sono state create utilizzando stampanti 3D HP Multi Jet Fusion. Questi sono molto più sofisticati del tuo  Prusa o Anycubic a casa , ma funzionano secondo lo stesso principio di base della creazione di componenti strato dopo strato. Gli ingegneri GKN hanno persino utilizzato un processo chiamato lucidatura a vapore per conferire alle parti una lucentezza perfetta. (Questo è qualcosa che puoi fare con la tua stampante 3D di casa usando alcuni tipi di filamenti, come l’ABS e l’acetone vaporizzato. Tuttavia, non lo consiglio davvero a meno che tu non abbia e sappia come utilizzare tutta l’attrezzatura di sicurezza necessaria.)

La parte finale, lucidata a vapore per una bella lucentezza e flessibile.

Previsione additiva GKN 3D
Poiché ogni Tahoe richiede due sigilli, Chevrolet ne aveva bisogno ben 60.000 e GKN Additive Forecast 3D è stato consegnato in sole cinque settimane. È meno della metà del tempo che avrebbe impiegato il percorso dello stampaggio a iniezione, che ha portato tutti quei SUV fuori dalla porta in tempo.

Questa non è la prima volta che vediamo la stampa 3D utilizzata su auto di produzione. Diamine, GM lo ha persino usato prima per creare i piccoli inserti in metallo del cambio sul CT5-V Blackwing . Tuttavia, questo è quasi certamente il più grande dispiegamento di tecnologia additiva in un’auto di produzione e un’interessante anteprima di ciò che verrà.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi