Modern Synthesis ha chiuso un round di finanziamento seed da 4,1 milioni di dollari. La startup di biomateriali con sede nel Regno Unito ha raccolto investimenti da AgFunder, Collaborative Fund, Acequia Capital e Petri Bio, tra numerosi altri. Il finanziamento sarà utilizzato per sviluppare la sua piattaforma proprietaria di conversione dei rifiuti agricoli che mira a rendere l’industria della moda più sostenibile. 

La sostituzione di materiali di origine animale e petrolchimica nella filiera della moda è citata come motivazione trainante di Modern Synthesis . La startup utilizza i batteri per convertire gli zuccheri presenti nei rifiuti agricoli in un materiale nanocellulosico intrecciabile. Il tessuto è completamente biodegradabile e considerato abbastanza resistente da sostituire i materiali convenzionali in tutto, dall’abbigliamento alle scarpe.


Modern Synthesis non è specificamente impegnata nel tentativo di creare un’alternativa in pelle vegana. Invece, la startup sostiene che sta cercando di sviluppare un materiale totalmente nuovo, che può essere applicato a progetti che tradizionalmente vengono completati utilizzando tessuti non sostenibili. La speranza è che stimolerà una nuova categoria di materiali, definita dalle loro credenziali ambientali. 

“Quello che stiamo cercando di fare è costruire questa nuova classe di materiali che sia più sostenibile ma ci permetta anche di progettare e creare in nuovi modi, il che è davvero entusiasmante per l’industria della moda”, Jen Keane, co-fondatrice di Modern Synthesis e Il CEO ha detto ad AgFunder News . “Alla fine, stiamo cercando di costruire un sistema di produzione circolare con questi microbi che ci consenta di sfruttare i rifiuti agricoli e utilizzare i microbi come unità di produzione e trasferirli in materiali più vitali. D’altra parte, vediamo l’opportunità di avere materiali di nuova classe che sono completamente cellulosici, in modo da poterli riciclare nuovamente in silos e flussi di riciclaggio”. 

Testare la teoria
Finora, Modern Synthesis ha stampato con successo una tomaia da esposizione utilizzando la sua tecnica di tessitura microbica. Imita lo stile di tessitura convenzionale di ordito e trama, ma impiega fino a due settimane per creare un biotessuto utilizzabile. Invece di produrre fogli di materiale, le impalcature vengono utilizzate per modellare le fibre. I microbi geneticamente modificati della startup crescono attorno agli scaffold per produrre il risultato finale, simile all’utilizzo della stampa 3D. 

I vantaggi della tessitura per modellare includono lo zero spreco di tessuto, un problema importante nel settore della moda. Si spera che la tecnica possa essere scalata in modo efficace per rimuovere pelli, tessuti e pellicole dalla filiera della moda. Un “cliente chiave di abbigliamento sportivo” è stato citato per la registrazione per la prototipazione.


Il finanziamento iniziale di 4,1 milioni di dollari sarà utilizzato per costruire un impianto di produzione pilota, a Londra. La posizione includerà un laboratorio e strutture di produzione che consentiranno il campionamento e le tirature di piccoli lotti. La scadenza proposta per essere operativi è il terzo trimestre di quest’anno.

Perché i materiali sostenibili contano
Oltre il 70 percento delle emissioni di gas serra dell’industria della moda vengono create durante i processi a monte. In particolare, la produzione di materiali vergini. Tagliando gli scarti di tessuto e costruendo una piattaforma di produzione che consenta tessuti completamente biodegradabili, il settore sarà in grado di compiere rapidi progressi verso la riduzione del proprio impatto ambientale. Di conseguenza, il settore dei biomateriali è in crescita, con previsioni di un valore di 2,2 miliardi di dollari entro il 2026 già fluttuanti. 

Prima di fondare Modern Synthesis, Keane ha intrapreso una residenza creativa presso Bolt Threads, un’altra startup di biomateriali. L’azienda di pelle di funghi ha già annunciato partnership con grandi nomi della moda tra cui Adidas, Lululemon, Stella McCartney e il proprietario di marchi di lusso Kering. L’anno scorso, McCartney ha utilizzato Mylo, le alternative alla pelle firmate dalla startup, per creare abbigliamento prêt-à-porter , a seguito di un’applicazione di successo in una borsa. 

A gennaio, la startup di pelletteria vegana MycoWorks ha dimostrato interesse per la sfera dei materiali sostenibili chiudendo un round di finanziamento di serie C da 125 milioni di dollari. L’azienda aveva già prodotto pelle a base di micelio per diversi marchi, tra cui Hermès, ma ha raccolto fondi per ampliare le proprie capacità di produzione. Il materiale distintivo, soprannominato Reishi, dovrebbe essere l’ideale per il mercato del lusso in quanto può essere realizzato secondo specifiche esatte che replicano la pelle a farfalla comunemente utilizzata dai marchi di fascia alta. 

 

Una tomaia per scarpe fabbricata tramite il processo di tessitura microbica. 
Foto via Tom Mannion/Modern Synthesis

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi