Il primo progetto residenziale stampato in 3D del Canada avrà quattro minuscole case autonome. La costruzione è in corso a Leamington, Ontario. Un modello CAD della casa stampato in 3D ha preso vita in una grotta di realtà virtuale.
Habitat for Humanity Windsor-Essex (HHWE) si sta preparando a costruire il primo progetto residenziale stampato in 3D del Canada che avrà quattro minuscole case autonome ciascuna di 500 piedi quadrati in una struttura.

La costruzione rivoluzionaria è stata realizzata a Leamington, Ontario, in collaborazione con l’Università di Windsor e Invest WindsorEssex (IWE), che ha creato modelli di realtà virtuale per assistere nel processo di pianificazione.

IWE ritiene che la tecnologia emergente della stampa 3D potrebbe essere una soluzione rivoluzionaria alla crisi abitativa aumentando l’efficienza, promuovendo la densità e riducendo i costi associati alla costruzione.

“Lo scopo di questo progetto è quello di migliorare la nostra comprensione delle tecnologie edilizie emergenti che, nel tempo, potrebbero aumentare l’efficienza della fornitura di soluzioni abitative a prezzi accessibili in modo rapido e più conveniente”, spiega Fiona Coughlin, CEO di HHWE. “Habitat WE trarrà vantaggio dall’apprendimento qui e tali apprendimenti potrebbero avere un impatto di vasta portata per Habitat e per il settore edile in generale”.

Le unità costituiranno un quadrilatero e saranno accessibili, pronte per la rete zero e conformi alle normative urbanistiche e edilizie locali.

Sono in costruzione come parte di uno sviluppo più ampio di proprietà del Bridge Youth Resource Centre. Al termine, saranno trasferiti al centro e affittati a chi ha bisogno di un alloggio.

Il team IWE, guidato dal tecnico del gemello digitale Bryan Holmes, ha preso un modello CAD (Computer Assisted Design) del progetto e, utilizzando hardware e software all’avanguardia, ha dato vita alla casa in una grotta di realtà virtuale (VR).

Il processo ha identificato l’aspetto finale del progetto e ha consentito ai costruttori di condurre un audit virtuale sulle singole case per assicurarsi che fossero completamente accessibili prima della costruzione.

Holmes afferma che i disegni CAD sono stati caricati in Unity, una piattaforma utilizzata principalmente per sviluppare videogiochi e simulazioni per computer, console e dispositivi mobili. Da lì, è stata creata una versione virtuale del progetto per determinare se ci fossero problemi di accessibilità con il design.

“Ci hanno consegnato alcuni disegni CAD e da quello abbiamo rapidamente costruito l’edificio”, afferma. “Il modello è stato costruito digitalmente e sono state aggiunte trame alle pareti e all’interno per vedere come sarebbero state”.

Il passaggio successivo consiste nel caricare i disegni su una grande stampante 3D in cantiere.

“La loro stampante funziona proprio come le stampanti 3D”, afferma Holmes. “Una quantità di materiale, in questo caso ghiaia frantumata con un po’ di legante, viene caricata nella stampante e la stampante va avanti e indietro sul sito di costruzione semplicemente stendendo strati sottili di questo tipo di miscela di cemento che si asciuga molto rapidamente. Strato dopo strato, l’intera casa è costruita da zero. È proprio come una normale stampante 3D che compreresti per la tua casa”.

Il gantry sulla stampante, tuttavia, è molto più grande del tipico modello domestico.

Ci sarà un po’ di lavoro iniziale fatto prima che la stampante vada a funzionare. Occorre costruire una piattaforma di cemento.

“La stampante che usano in questo momento appoggia solo il muro esterno”, afferma Holmes.

“Costruiscono prima il letto di cemento perché devi appoggiare tutto su qualcosa e una volta che il letto di cemento è stato versato, mettono giù i pali, quindi la stampante gira tutto e costruisce le pareti esterne”.

La costruzione dell’edificio avverrà nei prossimi mesi, con l’obiettivo di completare le unità in estate.

Holmes afferma che la stampa 3D è la via del futuro poiché un edificio può essere personalizzato e creato per soddisfare determinate esigenze.

“La comunità intorno alla stampa 3D è enorme e produce meno sprechi. Puoi comprare una bobina di materiale, o in questo caso un’intera tramoggia piena, e quel materiale universale lo fa. Quindi i tuoi costi di spedizione sono diminuiti, i costi dei materiali sono diminuiti. La stampa 3D non andrà sicuramente via. È una valida alternativa”.

Con la stampa 3D, Holmes afferma che i cantieri sono più puliti e c’è meno materiale in loco.

“Con questo processo di estrusione della ghiaia, non devi spedire enormi carichi di legname ovunque. Puoi mettere molta più ghiaia in un camion di quanta ne potresti fare con il legno.

“Puoi anche riciclare più materiale. Nel caso di ghiaia frantumata, se non funziona in una casa, se c’è un errore di stampa o qualcosa va storto, possono tagliare quella sezione e semplicemente riaffilarla, aggiungere altro legante e ributtarla dentro Quindi, non ci sono sprechi.

Stephen Mackenzie, presidente e CEO di IWE, afferma che l’attuale crisi abitativa è un problema complesso che richiede soluzioni creative e innovative e sfruttare la potenza della VR Cave per simulare la progettazione e la costruzione di case stampate in 3D offre un Windsor-Essex unico. risolto un problema nazionale.

“L’utilizzo della realtà virtuale e delle capacità di simulazione consentirà di accelerare i progetti e le approvazioni ingegneristiche e i futuri proprietari potranno sperimentare la loro nuova casa prima che vengano costruiti”.

La costruzione è parzialmente finanziata attraverso il Canada Mortgage and Housing Corporation’s Innovation Fund.

Piattaforma VR progettata da IWE

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi