Hyundai guiderà la produzione di veicoli elettrici con la stampa 3D
 
Mentre le nazioni tentano di affrontare le preoccupazioni relative al cambiamento climatico con un aumento della produzione di veicoli elettrici (EV), i produttori stanno esplorando opportunità per far progredire le loro operazioni nel complesso implementando nuove tecnologie di fabbricazione. Ciò include Hyundai Motor Group, che sta collaborando con la Nanyang Technological University, Singapore (NTU Singapore) per esplorare l’uso delle tecnologie “Industria 4.0”, come l’intelligenza artificiale (AI) e la stampa 3D, nella produzione di veicoli elettrici.

Come ha sottolineato l’editore esecutivo Joris Peels nella sua serie “Startup Accelerator, Singapore”, la città-stato, guidata con un aiuto significativo da NTU Singapore, si è trasformata in un entusiasmante hub per la produzione additiva (AM). A loro volta, aziende come la sudcoreana Hyundai si sono recate nell’isola tropicale per far progredire l’uso della tecnologia per le proprie applicazioni. Nell’ottobre 2020, la casa automobilistica ha condotto una cerimonia inaugurale virtuale per lo Hyundai Motor Group Innovation Center di Singapore (HMGICS). NTU è diventato il primo partner di ricerca accademica per il programma HMGICS.

(LR) Hong Bum Jung, Senior Vice President di Hyundai Motor Group, President & Chief Innovation Officer di Hyundai Motor Group, Youngcho Chi, NTU President Professor Subra Suresh e NTU Senior Vice President (Research) Professor Lam Khin Yong erano presenti alla cerimonia della firma tenutosi a NTU il 1 settembre 2021. Immagine per gentile concessione di NTU Singapore.
Con NTU Singapore, Hyundai spera di stabilire “fabbriche all’avanguardia del futuro” a partire da quattro progetti pilota dedicati all’intelligenza artificiale e alla produzione additiva (AM) a partire da settembre. Un progetto vedrà l’apprendimento automatico sviluppato per l’elaborazione delle immagini dei veicoli, in cui un sensore di elaborazione delle immagini basato sull’intelligenza artificiale viene utilizzato per rilevare difetti e anomalie durante la produzione di veicoli elettrici a batteria. Un altro vedrà come la stampa 3D può essere integrata nella produzione di veicoli elettrici, ad esempio per la personalizzazione dei ricambi auto e il funzionamento generale della fabbrica intelligente. In futuro, Hyundai prevede che i clienti ordinino veicoli su misura per il proprio senso dello stile.

 
Dopo aver firmato l’accordo di collaborazione, il presidente di NTU, il professor Subra Suresh, ha dichiarato: “La partnership tra NTU e Hyundai Motor Group fornisce un ulteriore esempio di come la nostra stretta collaborazione con l’industria svolga un ruolo importante nello sviluppo di soluzioni pertinenti per affrontare i problemi del mondo reale. Ciò è in linea con il piano strategico NTU 2025, che mira ad affrontare alcune delle grandi sfide che l’umanità deve affrontare. Questa collaborazione con Hyundai Motor Group si baserà sui punti di forza di NTU, in aree come la produzione additiva, l’intelligenza artificiale, i veicoli autonomi ed elettrici e i big data per apportare benefici all’industria automobilistica, a Singapore e alla società globale.

Il Presidente e Chief Innovation Officer di Hyundai Motor Group, Youngcho Chi, ha dichiarato: “HMGICS mira a costruire un ecosistema per il futuro settore della mobilità basato sull’innovazione aperta. Rafforzeremo la collaborazione con NTU e svilupperemo soluzioni avanzate per rivoluzionare la futura catena del valore della mobilità in futuro”.
Con il completamento previsto per la fine del 2022, l’HMGICS si trova a soli cinque minuti di auto dal NTU Smart Campus. La partnership vedrà la realizzazione di future collaborazioni orientate alla formazione di nuovi talenti per il settore automobilistico. Ciò include concorsi di stampa 3D dedicati all’uso di nuove tecnologie nell’ingegneria automobilistica, spingendo così gli studenti a interessarsi alla produzione di veicoli elettrici e a immaginare il futuro dei trasporti. Allo stesso tempo, i concorsi dimostreranno i vantaggi della stampa 3D per la produzione di veicoli elettrici. Altri vantaggi includeranno seminari educativi congiunti tra i professori Hyundai e NTU.

Come tutte le case automobilistiche, Hyundai utilizza da tempo la stampa 3D, tuttavia, gli sforzi dell’azienda sono diventati molto più seri nell’ultimo decennio, in parte a causa di investimenti più seri da parte del governo coreano. Nel 2017, ciò ha significato il lancio di un nuovo studio di design presso il suo centro di ricerca e sviluppo a Namyang, orientato a dimezzare i cicli di progettazione del prodotto. Questa è stata seguita da un’iniziativa simile da parte del suo braccio di parti e servizi, Hyundai Mobis, nel 2018.

 
Dal 2014, quando Hyundai insieme a Volkswagen, Volvo, Renault, Jeep, Citroën e Fiat sono stati colti a imbrogliare i test sulle emissioni , il marchio ha iniziato a evidenziare la sostenibilità con una divisione di veicoli elettrici IONIQ. Con IONIQ, la società spera di vendere un milione di veicoli elettrici all’anno entro il 2025. Mentre raggiunge questo obiettivo, possiamo aspettarci che Hyundai si rivolga maggiormente a tecnologie come l’intelligenza artificiale e la stampa 3D. Forse seguendo le mosse di Volkswagen e Ford , forse vedremo parti di getto in legante metallico finire nei veicoli elettrici di produzione entro la metà del decennio.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi