I collettori di fluidi ceramici stampati in 3D migliorano il bioprinting nello spazio


Techshot e Lithoz studiano i vantaggi dei collettori per fluidi stampati in ceramica 3D

A oltre 400 chilometri dalla Terra, si stanno compiendo progressi nel campo della bioprinting. A novembre, il 3D BioFabrication Facility (BFF) è stato consegnato alla Stazione Spaziale Internazionale, dove viene utilizzato per testare il modo in cui i bioink e le cellule umane stampate reagiscono in un ambiente di microgravità. A quanto pare, l’output della bioprinter non è l’unica cosa da valutare: anche le prestazioni dei componenti ceramici stampati in 3D per applicazioni di bioprinting sono in fase di test.

La consulenza ingegneristica aerospaziale Techshot, che ha lanciato nello spazio il BFF di nScrypt lo scorso luglio , ha richiesto l’aiuto della società di stampa 3D di ceramiche Lithoz America per produrre una serie di collettori di fluidi ceramici stampati in 3D. Questi componenti, che sono stati lanciati nello spazio insieme al sistema BFF, sono stati testati come parte del sistema di condizionamento dei tessuti di Techshot.

Secondo i risultati recenti, le parti in ceramica stampate stanno avendo un effetto positivo sui campioni bioprinted, con la resa di dicembre di costrutti biologici notevolmente superiore a quella di luglio.

Lithoz America e Techshot hanno collaborato allo sviluppo dei collettori di fluidi ceramici, progettati per l’uso all’interno dei bioreattori, per determinare se sarebbero superiori ai collettori di polimeri, che sono stati testati a bordo della ISS durante l’estate. I bioreattori sono un passaggio fondamentale nel processo di bioprinting, in quanto forniscono sostanze nutritive ai materiali viventi stampati nello spazio.

I collettori, che sono stati stampati utilizzando una stampante 3D CeraFab basata su LCM, vengono ora valutati in base alla loro biocompatibilità, precisione, durata e dinamica del flusso del fluido. Finora, i risultati sono promettenti. Ad esempio, i materiali ceramici sono più biocompatibili dei polimeri stampabili.

“È stato un vero piacere lavorare con Lithoz”, ha dichiarato il dott. Carlos Chang, scienziato senior di Techshot. “La loro esperienza nella lavorazione della ceramica ha davvero reso possibili queste parti.”

Shawn Allan, Vicepresidente di Lithoz, ha aggiunto: “Il successo della produzione di additivi ceramici dipende dalla collaborazione con design, materiali e stampa. Il design per i principi di produzione di additivi ceramici è stato utilizzato insieme al controllo dei parametri di stampa per ottenere il complesso design di gestione dei fluidi di Techshot con la sicurezza necessaria per utilizzare i componenti su ISS. “

Mentre la ricerca nello spazio continua, i partner si concentreranno sull’ottimizzazione dell’integrazione dei collettori di fluidi ceramici e sul raggiungimento di periodi di coltura più lunghi per i bio-materiali. I tessuti umani condizionati stampati nello spazio dovrebbero ritornare sulla Terra all’inizio di quest’anno. Possono essere condotte ulteriori valutazioni.

Be the first to comment on "I collettori di fluidi ceramici stampati in 3D migliorano il bioprinting nello spazio"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi