Le forze armate statunitensi vorrebbero fare sempre più affidamento sulla stampa 3D. La produzione additiva non solo semplifica la produzione di pezzi di ricambio difficili da trovare per le vecchie macchine, ma offre anche altri vantaggi. Il Corpo dei Marines degli Stati Uniti sta quindi pianificando un archivio di produzione avanzata per raccogliere dati sulla produzione additiva da tutti i servizi militari in un unico luogo e renderli disponibili a tutti.
 
La stampa 3D è molto popolare in ambito militare . I dipendenti dell’assistenza possono utilizzarlo per produrre pezzi di ricambio per macchine o mezzi di trasporto più vecchi, tra le altre cose. Tuttavia, il potenziale della produzione additiva per la difesa è molto maggiore. In estate, le forze armate statunitensi hanno annunciato di avere piani per progetti di stampa 3D multimilionari nel 2022 . Nel suo ultimo annuncio, il Corpo dei Marines deve ora salvare i piani per i progetti di stampa 3D e i dati tecnici per oltre 400 parti in un cosiddetto “Repository di produzione avanzata” digitale. Si prevede di riorganizzare le informazioni in un data vault in modo che gli utenti possano trovare i file di cui hanno bisogno in qualsiasi momento.

 
Kristin Holzworth, Senior Scientist, Advanced Manufacturing Operations Cell (SYSCOM) di Systems Command, ha dichiarato:

“Abbiamo un problema con i dati. Sebbene siano disponibili molti dati per la stampa 3D, non è chiaro cosa abbiamo e cosa no. Può essere difficile ottenere l’accesso della flotta a ciò che abbiamo”.
Dettagli sulla stampa 3D ai Marines
Il Digital Manufacturing Data Vault è un repository di produzione avanzato a livello aziendale che integra i dati di produzione additiva di tutti i servizi militari e dell’Agenzia per la logistica della difesa con dati tecnici gestiti dal programma.

Holzworth aggiunge:

“Fornirà l’accesso a tutta la flotta e l’accesso all’intera attività e alle operazioni del Corpo dei Marines in più ambienti, tra cui la base, la stazione, il deposito e il corpo di spedizione”.
Le unità del Corpo dei Marines hanno accesso alla struttura mobile X-Fab, un rifugio autonomo, il rifugio autonomo di 6 x 6 metri con cinque stampanti 3D, uno scanner laser e taglierina e un sistema software di progettazione assistita da computer. .

Il battaglione riceverà un kit di stampa 3D portatile nel 2022, spiega Joshua Whitehead, addetto alla manutenzione dell’Amphibious Vehicle Test Branch di SYSCOM. Aggiunge che la sostituzione di parti critiche con una stampante 3D e l’accesso ai progetti aumenta la spedizione e l’efficienza per il Corpo dei Marines.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi