Il nuovo progetto utilizza i rifiuti di plastica per la produzione sostenibile di case arredate
Il ricercatore dell’UOW ha ricevuto finanziamenti dalla National Science Foundation, CSIRO per il concetto collaborativo


Quando si tratta di rifiuti di plastica, le statistiche sono sia preoccupanti che terrificanti. Secondo il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, ogni anno vengono prodotti circa 400 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. Circa solo il 9% della plastica mai prodotta, stimata in sette miliardi di tonnellate, è stata riciclata.

Il dottor Aziz Ahmed, docente di ingegneria strutturale presso la School of Civil, Mining, Environmental and Architectural Engineering dell’Università di Wollongong (UOW), fa parte di un team interdisciplinare internazionale focalizzato sulla ricerca di una soluzione al flagello della plastica e integrando ulteriormente il materiale nell’economia circolare, per essere riutilizzato per altri scopi a valore aggiunto.

Con il supporto della National Science Foundation negli Stati Uniti e del CSIRO in Australia, il dott. Ahmed, responsabile del progetto UOW, sta lavorando in un team guidato dall’impresa sociale re:3D con sede in Texas . Il team interdisciplinare comprende anche ricercatori dell’Austin Habitat for Humanity , dell’Università del Texas ad Austin e della Western Sydney University .

Il progetto, intitolato Designing for Circular Economics: Creating Impact from Local Plastic Waste Using Off-Grid Containerized 3D Printers and Practice Based Learning, è stato finanziato nell’ambito del Convergence Accelerator Program Track I: Sustainable Materials for Global Challenges della National Science Foundation .

Come parte del progetto, il team UOW si concentrerà sull’aspetto net zero nella progettazione di un sistema di produzione basato sulla stampa 3D scalabile e accessibile, net-zero-footprint, che sia comodo da lavorare, che possa essere spostato facilmente tra i cantieri e consente agli utenti laici di progettare e produrre prodotti da rifiuti di plastica in loco. Il risultato? Case arredate sostenibili, funzionali ed esteticamente gradevoli, con un notevole impatto socio-economico.

Il design, che sarà informato dai requisiti di Habitat for Humanity, potrà essere distribuito in tutto il mondo e completamente open source.

Il dottor Ahmed ha affermato che il progetto globale è stato veramente multidisciplinare e collaborativo.

“Sfrutta l’esperienza di re:3D nella stampa 3D direttamente dai rifiuti di plastica, il desiderio di Habitat for Humanity di aumentare la domanda di articoli per la casa stampati in 3D personalizzati realizzati con rifiuti di plastica, l’esperienza dell’Università del Texas ad Austin in progettazione ingegneristica, sostenibilità e ciclo di vita Analisi, competenza di UOW nell’ambiente costruito e esperienza della Western Sydney University nella scienza dei materiali della stampa 3D con materiali riciclabili.

 

Il dottor Ahmed si è detto entusiasta di lavorare a una ricerca così lungimirante e innovativa.

“Immagina un mondo che supporti la produzione sostenibile di case arredate utilizzando rifiuti di plastica locali, non solo deviando i rifiuti dalle discariche, ma anche creando posti di lavoro e formando talenti sottorappresentati. E se questa opportunità potesse essere scalata a livello globale sia nelle aree rurali che in quelle urbane in un pacchetto modulare?”, Ha affermato il dott. Ahmed.

“Sono molto entusiasta dell’opportunità di lavorare a un progetto così visionario, e ancora di più perché è sotto l’egida del programma di accelerazione della convergenza della National Science Foundation, che mira ad accelerare la ricerca sulla convergenza nell’applicazione e nella commercializzazione”.

Il professor David Currow, vicerettore aggiunto dell’UOW (ricerca e futuro sostenibile), si è congratulato con il dottor Ahmed per il finanziamento della sovvenzione e ha detto che non vede l’ora di vedere come si svilupperà la ricerca.

“Come tutti sappiamo, il problema di come affrontare l’immensa quantità di rifiuti di plastica su questo pianeta è sia urgente che opprimente. Questa nuova ricerca potrebbe svolgere un ruolo significativo nell’aiutare l’ambiente creando al contempo un impatto sociale significativo e positivo. Congratulazioni al dottor Ahmed e al team dell’UOW per il loro successo in questo prestigioso round di finanziamenti internazionali”.

Un team internazionale sta studiando la stampa 3D con rifiuti di plastica (nella foto: Dr.Aziz in piedi dietro una macchina) (Immagine © University of Wollongong Australia).

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi