I ricercatori SUTD hanno sviluppato un metodo semplice per riciclare okara utilizzando la stampa 3D
Okara, un sottoprodotto della soia, ora può essere stampato in 3D senza alcun additivo, aumentando gli sforzi per la sostenibilità alimentare

 

I ricercatori della Singapore University of Technology and Design (SUTD) hanno sviluppato un metodo per eseguire la stampa 3D di okara , un sottoprodotto di soia generato dalla produzione di latte di soia e cagliata di fagioli, senza utilizzare addensanti alimentari. Nonostante l’elevata quantità di fibre alimentari e proteine ​​presenti, l’ okara viene solitamente scartato durante il processo di produzione degli alimenti. I ricercatori hanno utilizzato la stampa 3D per riutilizzare le polveri di okara altrimenti scartate per creare snack con una consistenza controllata.

La stampa 3D è stata una tecnologia emergente per creare cibo in varie forme progettate utilizzando i computer. Durante questo processo, gli additivi alimentari (solitamente idrocolloidi e addensanti alimentari) vengono aggiunti al cibo per consentire la stampa 3D e mantenere le strutture stampate. L’uso di additivi può, tuttavia, causare cambiamenti involontari nella consistenza e nel sapore degli alimenti originali.

Per superare questa sfida, il team di ricerca del Soft Fluidics Lab di SUTD ha identificato la dimensione delle particelle e la concentrazione specifiche di okara che ottengono le proprietà dell’inchiostro alimentare desiderate per garantire la stampabilità 3D. Le loro misurazioni suggerivano che le dimensioni delle particelle fossero una variabile essenziale per determinare le proprietà reologiche dell’inchiostro di okara. Le caratterizzazioni dell’inchiostro okara formulato sono state condotte per analizzare le loro proprietà reologiche e strutturali.

“La nostra dimostrazione mette in evidenza l’upcycling di alimenti altrimenti sprecati per ottenere proprietà materiche personalizzate tramite la stampa 3D. Riteniamo che le nostre attuali dimostrazioni aprano la strada per realizzare il pieno potenziale della tecnologia di stampa 3D verso una migliore progettazione e sostenibilità degli alimenti”, ha spiegato il professor Michinao Hashimoto, il principale ricercatore dello studio di SUTD. 

“L’uso adeguato di tale cibo nutriente sottoutilizzato promuoverebbe la sostenibilità dell’approvvigionamento alimentare e la riduzione degli sprechi alimentari. Abbiamo in programma di sviluppare più inchiostri formulati con altri rifiuti alimentari per aumentare la sostenibilità “, ha aggiunto l’autore principale e dottorato di ricerca. candidato di SUTD, il sig. Lee Cheng Pau.

Questa ricerca è stata pubblicata da ACS Food Science and Technology , una rivista leader che incoraggia studi di alta qualità e ben condotti che contribuiscono al progresso della scienza alimentare e delle sue applicazioni. Questo progetto è stato condotto in collaborazione con Masaki Takahashi (Tokyo Institute of Technology, Giappone), Satoshi Arai (Kanazawa University, Giappone) e Chi-Lik Ken Lee (Nanyang Technological University, Singapore).

Credito a SUTD

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi