ICON raccoglie $ 185 milioni in un round guidato da Tiger per costruire più case con la sua tecnologia di stampa 3D, che ora si avvicina a una valutazione di  2 miliardi di dollari 
 
ICON, che crea case utilizzando la stampa 3D, ha raccolto altri 185 milioni di dollari in un round guidato da Tiger Global Management, ha appreso in esclusiva TechCrunch.

Si dice che il finanziamento sia un’estensione della serie B da 207 milioni di dollari di ICON annunciata lo scorso agosto.

Sebbene la società con sede ad Austin abbia confermato l’ultimo aumento, ha rifiutato di commentare la sua valutazione o fornire ulteriori dettagli. Tuttavia, fonti che hanno familiarità con l’accordo che desiderano rimanere anonime hanno detto a TechCrunch che la valutazione di ICON “si avvicina ora ai 2 miliardi di dollari” e che alcuni investitori esistenti investono di più nella società.


Un portavoce ha scritto via e-mail: “Siamo entusiasti dell’opportunità di continuare a collaborare con investitori, membri del consiglio di amministrazione e organizzazioni di livello mondiale a tutti i livelli”.

I precedenti sostenitori includono Norwest Venture Partners, 8VC, Bjarke Ingels Group (BIG), BOND, Citi Crosstimbers, Ensemble, Fifth Wall, LENx, Moderne Ventures e Oakhouse Partners, tra gli altri. Non è chiaro quale di questi investitori abbia partecipato anche a questa estensione. Con l’ultimo finanziamento, ICON ha ora raccolto un totale di $ 451 milioni di capitale proprio.

ICON è stata fondata alla fine del 2017 e lanciata durante SXSW a marzo 2018 con la prima casa stampata in 3D autorizzata negli Stati Uniti. Quella casa di 350 piedi quadrati ha impiegato circa 48 ore (al 25% di velocità) per essere stampata. ICON ha scelto di proposito il cemento come materiale perché, come ha affermato il co-fondatore e CEO Jason Ballard, “È uno dei materiali più resistenti sulla Terra”.

Al momento del suo ultimo aumento, la startup ha affermato di aver consegnato più di due dozzine di case e strutture stampate in 3D negli Stati Uniti e in Messico. Più della metà di queste case sono state destinate a senzatetto o in condizioni di povertà cronica. Ad esempio, nel 2020, ICON ha consegnato case stampate in 3D in Messico con il partner no profit New Story. Ha anche completato una serie di case al servizio dei senzatetto cronici ad Austin, in Texas, con Mobile Loaves & Fishes senza scopo di lucro.


La startup ha fatto irruzione nel mercato immobiliare tradizionale all’inizio del 2021 con quelle che si diceva fossero le prime case stampate in 3D in vendita negli Stati Uniti per lo sviluppatore 3Strands ad Austin, in Texas.

E poi lo scorso ottobre, ICON ha annunciato una partnership con Lennar , uno dei più grandi costruttori di case della nazione e un investitore nella startup attraverso il suo braccio di rischio, LENx. Con l’intenzione di aprire la strada quest’anno, la coppia prevede di costruire 100 case in quella che descrivono come “la più grande comunità di case stampate in 3D fino ad oggi” utilizzando la robotica, il software e i materiali avanzati di ICON. 

ICON sostiene che la sua tecnologia di stampa 3D produce “case resilienti ed efficienti dal punto di vista energetico” più velocemente dei metodi di costruzione convenzionali con meno sprechi e più libertà di progettazione. Con così tante città negli Stati Uniti che soffrono di una grave carenza di alloggi, la necessità di alloggi più convenienti, specialmente in mercati come Austin, dove il prezzo medio delle case è aumentato del 46% nell’ultimo anno, è più pronunciata che mai.

All’inizio di questa settimana, Homebound ha annunciato di aver raccolto 75 milioni di dollari in un round di finanziamento di serie C guidato da Khosla Ventures verso i propri sforzi per aiutare ad affrontare la carenza di scorte di alloggi con la sua tecnologia. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi