ICON ottiene più di 200 milioni di dollari in case di stampa 3D, accelera per le missioni della NASA su Marte e Luna 

Con la carenza di alloggi che si sta diffondendo negli Stati Uniti, ICON, il costruttore di case stampate in 3D, ha assicurato $ 207 milioni in un round di serie B guidato da Norwest Venture Partners, per un aumento totale di $ 266 milioni.

 
La società con sede ad Austin utilizzerà i fondi per quadruplicare la sua flotta di robot per la stampa domestica entro la fine dell’anno e rendere la prossima generazione migliore, più veloce, più economica e autonoma, ha affermato il cofondatore e CEO Jason Ballard.

“La domanda è stata così alta per gli alloggi con una catena di approvvigionamento profonda e vincoli di lavoro, abbiamo letteralmente centinaia di costruttori che hanno contattato per lavorare con il nostro sistema di costruzione e migliaia di richieste di nuove case”, mi ha detto Ballard. “Non abbiamo nemmeno un team di marketing e le nostre quattro stampanti sono state prenotate per i prossimi due anni”.

La startup, che è stata fondata nel 2018 e ha costruito la prima casa stampata in 3D autorizzata negli Stati Uniti, ha triplicato il suo organico a 100 da gennaio e sta assumendo il suo primo capo della scienza dei dati, dopo aver collezionato progetti impressionanti con l’esercito americano e la NASA. L’azienda costruisce anche comunità per  ospitare i senzatetto .

Spiegando perché fosse necessaria una così grande infusione di denaro, ha spiegato Ballard.

“A seconda delle dimensioni della casa, ogni stampante può produrre da 12 a 25 case all’anno. Ma anche se costruissimo un milione di case all’anno, ci impiegheremmo mille anni per arrivare agli 1,2 miliardi di case di cui il pianeta ha bisogno in questo momento. È troppo lungo per quanto mi riguarda.”

 
Per aiutare la crescita dell’azienda, Ballard ha portato diversi investitori in crescita tra cui Noah Knauf di BOND, Greg Smithies di Fifth Wall e Jeff Crowe di Norwest Venture Partners che ha preso parte al consiglio di amministrazione.

 
Partecipa anche Constance Freedman di Moderne Ventures, membro del consiglio di amministrazione di ICON e uno dei suoi primi investitori.

 

Knauf ha affermato di vedere ICON come un leader di categoria in un grande mercato indirizzabile con il potenziale per diventare una società pubblica generazionale.

“Questo round dovrebbe dare loro la capacità produttiva di stampare migliaia di case all’anno e consentire loro di costruire capitolo dopo capitolo, a partire dagli Stati Uniti con alloggi a prezzi accessibili, quindi espandendosi a livello globale e infine andando fuori dal pianeta”.

Smithies ha affermato di essere stato attratto da ICON perché la stampa 3D ha zero rifiuti e le case sono meglio isolate. L’investimento fa parte del nuovo fondo per il clima da 500 milioni di dollari della Fifth Wall.

“Morgan Stanley ha detto che dovremo spendere 50 trilioni di dollari per decarbonizzare. Alcune persone dicono che troppi soldi stanno andando nei fondi per la tecnologia del clima, ma potremmo letteralmente usare 100 volte i dollari destinati alla tecnologia di decarbonizzazione e comunque non sarebbe abbastanza”.

Crowe ha affermato che ICON risponde a due esigenze urgenti. Non solo risolve la carenza di alloggi aumentando l’offerta, ma rende anche più facile costruire case in un settore che non ha visto aumenti di produttività da decenni.

“La soluzione integrata di robotica, software e materiali avanzati di ICON consentirà di costruire case con meno risorse umane e fisiche a costi inferiori, maggiore velocità e maggiore efficienza energetica. Consideriamo la tecnologia rivoluzionaria di ICON come un fossato competitivo che renderà difficile per gli altri copiare rapidamente.

Freedman vede che il modo più veloce per scalare ICON è collaborare con i costruttori di case.

“A lungo termine non vogliono essere costruttori. Sono davvero un’azienda tecnologica che ha creato una stampante commercializzabile da concedere in licenza e vendere. Ora si tratta solo di far evolvere le stampanti da case a un piano a due piani fino a edifici potenzialmente commerciali”.

Ha spiegato che gli investitori di Moderne sono alcune delle più grandi società immobiliari al mondo con una grande base di clienti integrati per ICON.

Anche due dei più grandi costruttori di case statunitensi, DR Horton e Lennar, sono investitori ICON.



Verso la luna e oltre
Uno degli investitori chiave di ICON è il famoso architetto Bjarke Ingels di BIG-Bjarke Ingels Group noto per i suoi progetti futuribili, come quelli per Virgin Hyperloop . Conta tra le sue influenze gli scrittori di fantascienza Kim Stanley Robinson, Ian M Banks, William Gibson e Philip K Dick.

ICON e BIG stanno lavorando insieme alle missioni NASA su Marte e luna.

“Con Project Olympus, forniremo capacità di stampa 3D autonoma al Polo Sud della luna per iniziare a scintillare con il laser il primo habitat entro la fine del decennio. È incredibilmente reale”, ha detto Ingels.

 

Per i progetti Mars Dune Alpha, ICON e BIG stanno stampando in 3D un habitat simulato su Marte di 1.700 piedi quadrati presso il Johnson Space Center di Houston. Qui quattro volontari vivranno per un anno mentre la NASA raccoglie 17.000 punti dati su come tollerano l’isolamento e il confinamento, le comunicazioni in ritardo, le restrizioni sulle risorse, il sistema alimentare e la routine quotidiana che gli astronauti dovrebbero incontrare in una vera missione su Marte, progetto NASA mi ha detto la manager Michelle Parker.

Per quanto Ingels sia euforico per essere un architetto spaziale e ICON un costruttore di spazi, è ancora più entusiasta della loro collaborazione nel raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità sulla Terra.

“Il settore delle costruzioni è incredibilmente dispendioso e rappresenta il 40% dei gas serra. Ogni volta che costruisci un edificio, la quantità di rifiuti che va in discarica è quasi la stessa che entra nell’edificio. Per ogni edificio, è come se ne costruissi due e uno finisce direttamente in discarica”, ha affermato.

“Con la stampa 3D c’è la possibilità di zero sprechi perché la stampante stampa esattamente ciò che serve e non un grammo in più. Consente inoltre un design più creativo perché alla stampante non importa quanto sia complesso il design, si preoccupa solo di quanto tempo sta stampando e di quanto supporto è necessario.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi