ESRIC presenta le prime cinque start-up selezionate come parte del “Programma di sostegno alle start-up”

ESCH-SUR-ALZETTE, Lussemburgo (ESRIC PR) — A seguito del primo invito a presentare candidature, il Centro europeo per l’innovazione delle risorse spaziali (ESRIC) ha selezionato le cinque start-up per partecipare allo “Start-up Support Programme” (SSP) e iniziare la loro pre-incubazione nell’aprile 2022.

Con sede a Esch-sur-Alzette in Lussemburgo, ESRIC è il principale centro di ricerca e innovazione in Europa nel campo delle risorse spaziali. Lanciato in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea (ESA), l’Agenzia spaziale del Lussemburgo (LSA), l’Istituto lussemburghese di scienza e tecnologia (LIST) e Technoport (il principale incubatore tecnologico del Lussemburgo), lo Start-up Support Program (SSP) di ESRIC mira supportare le start-up in fase iniziale nel settore delle risorse spaziali, sviluppare i loro modelli di business, attrarre i primi clienti e assicurarsi i primi investimenti. Destinato ad applicazioni terrestri e/o spaziali, lo Start-up Support Program è gestito congiuntamente con l’ESA.

La fase di preincubazione, della durata di tre mesi, consente a cinque start-up selezionate di validare concetti tecnici e allinearli alle opportunità di mercato. Beneficeranno di un supporto in natura, sia per gli aspetti tecnici che commerciali del loro progetto.

33 domande pervenute da 17 paesi del mondo

Il comitato di selezione, composto in particolare da membri di ESRIC, Technoport, LSA, LIST ed ESA, ha effettuato una selezione tra 33 candidature ricevute da 17 paesi del mondo e che coprono l’intera catena del valore delle risorse spaziali, che si tratti di esplorazione, estrazione, tecnologia robotica, gestione dei rifiuti o produzione.

Il ministro dell’Economia Franz Fayot ha dichiarato: “Nell’ambito dell’iniziativa SpaceResources.lu, il programma ESRIC a sostegno delle giovani imprese innovative consolida ulteriormente il ruolo pionieristico che il Granducato svolge in questo campo in Europa, contribuendo al contempo all’attrattiva e alla visibilità internazionale dell’ecosistema spaziale lussemburghese”.  

“Abbiamo avuto la possibilità di incontrare la prossima generazione di aziende nel settore delle risorse spaziali e siamo rimasti colpiti dal loro entusiasmo, dalle loro idee innovative e dal loro spirito imprenditoriale. Le 33 domande ricevute, in un’ampia varietà di campi, dimostrano l’interesse per il settore e il suo potenziale economico”, spiega Lari Cujko, responsabile dell’SSP presso ESRIC.

Le domande sono state valutate in base a criteri quali la pertinenza del progetto per il mercato delle risorse spaziali e/o il business, la tecnologia, gli obiettivi aziendali, la pianificazione e l’esecuzione e il team di progetto. Cinque società sono state quindi selezionate dalla giuria:

Astroport Space Technologies : Astroport utilizza la polvere lunare – o regolite – e la trasforma in mattoni e materiali per la stampa 3D delle infrastrutture lunari. La loro esperienza è nei settori della stampa 3D delle costruzioni, della preparazione del sito, dell’elaborazione e della raffinazione della regolite, della robotica e dell’architettura spaziale.
Anisoprint lavora allo sviluppo di apparecchiature che consentono la stampa 3D di strumenti, componenti, parti di riparazione ed elementi strutturali realizzati in materiali compositi in condizioni di assenza di gravità e bassa gravità. Il loro progetto sosterrà lo sviluppo, l’estrazione e l’uso delle risorse spaziali.
Adventus Interstellar si concentra sulla progettazione e realizzazione di sistemi di atterraggio rover basati sulla tensegrità, ovvero l’“equilibrio interno” di una struttura dovuto alle forze di tensione e compressione distribuite. Desidera, grazie a questa tecnologia, realizzare servizi di dislocazione spaziale a costi molto contenuti.
Four Point mira a ridurre l’impatto ambientale delle miniere a cielo aperto attraverso nuove innovazioni tecnologiche incentrate sul monitoraggio, l’analisi dei big data e macchine autonome per l’estrazione e il trasporto.
Orbit Recycling mira a rimuovere i detriti spaziali dall’orbita terrestre e trasportarli sulla Luna per il riciclaggio.
Dopo questa prima fase di tre mesi, il miglior progetto sarà selezionato per una fase di incubazione di due anni, durante la quale la start-up potrà confermare la propria proposta di valore tecnico e sviluppare ulteriormente il proprio modello di business. Ulteriore supporto tecnico e commerciale sarà fornito durante la fase di incubazione e alla start-up saranno stanziati finanziamenti sotto forma di contributo a fondo perduto fino a 200.000 euro.

Per questa start-up sarà possibile una terza fase di residenza della durata massima di 36 mesi, al fine di monitorare gli sviluppi tecnici e continuare a crescere vendite e clienti.

“Il programma SSP fa parte della prospettiva di consolidamento di un ecosistema di attori tecnici e commerciali”, afferma Mathias Link, direttore ad interim di ESRIC. “È uno dei quattro pilastri di ESRIC e contribuirà a promuovere modelli di collaborazione efficaci con le start-up e lo sviluppo di tecnologie dedicate all’uso delle risorse spaziali. Questa iniziativa è fondamentale per lo sviluppo del settore e sono lieto dell’interesse che ha suscitato questo primo bando”.

Si prevede che verranno lanciati due bandi all’anno, da parte di start-up di tutto il mondo, per la prima fase del programma. Il primo bando è stato quindi chiuso il 23 gennaio e un secondo bando sarà lanciato nel giugno 2022. Sarà annunciato pubblicamente durante l’ evento Space Resources Week che si svolgerà dal 3 al 5 maggio 2022 in Lussemburgo.

Informazioni di base:

ESRIC, alimentato dall’Agenzia spaziale del Lussemburgo (LSA) e dall’Istituto di scienza e tecnologia del Lussemburgo (LIST) con l’Agenzia spaziale europea (ESA) come partner strategico, è stato istituito a Lussemburgo nell’agosto 2020. Oltre allo sviluppo della ricerca attività lungo la catena del valore delle risorse spaziali, il centro sostiene iniziative commerciali di attori affermati e start-up, consente il trasferimento tecnologico tra industrie spaziali e non spaziali e incoraggia partenariati pubblico-privato e nuove iniziative nel campo delle risorse spaziali.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi