I MARINES DEGLI STATI UNITI STAMPANO IN 3D UN Coerchio PER RAZZI PER LE MISSIONI DI SMINAMENTO
 
 
Il Corpo dei Marines degli Stati Uniti ha sfruttato con successo la produzione additiva per aiutare le loro missioni di sminamento, stampando in 3D un coperchio per un motore a razzo utilizzato per far esplodere un M58 Mine Clearing Line Charge (MICLIC). 

Il MICLIC è una linea di carica esplosiva proiettata da un razzo che apre un percorso attraverso campi minati e altri ostacoli sul campo di battaglia. La stampa 3D del copricapo ha permesso ai marines di superare gli svantaggi costosi e pesanti delle tecniche di produzione tradizionali e fornire un metodo più efficiente per produrre la parte.

“Il processo di stampa 3D consente ai marines di creare un oggetto fisico da un design digitale”, ha affermato CWO2 Justin Trejo, responsabile del progetto con PM Ammo presso il Marine Corps Systems Command (MCSC). “Essenzialmente abbiamo creato un prodotto stampato in 3D e lo abbiamo incorporato in un sistema altamente esplosivo. Il motore del razzo si è acceso proprio come previsto e la carica di linea è esplosa come previsto, il che è stato un momento significativo per noi.

“IN FUTURO, VORREMMO PROVARE A STAMPARE IN 3D IL COPRICAPO CON I SUOI UGELLI ATTACCATI.”

Il Corpo dei Marines degli Stati Uniti sostiene da diversi anni la maggiore adozione della stampa 3D e ha continuato a esplorare il potenziale della tecnologia per migliorare processi, parti, tempi di consegna e risparmi sui costi. 

L’organizzazione ha precedentemente sfruttato la tecnologia per aiutare la manutenzione, la riparazione e la revisione (MRO) dei suoi caccia F/A-18 Hornet ed è stata utilizzata per produrre pezzi di ricambio temporanei durante le missioni delle unità di spedizione marittime. Il Corpo dei Marines ha anche collaborato in precedenza con la società di costruzioni texana ICON per stampare in 3D una struttura di pelle per veicoli in cemento in sole 36 ore, con l’intenzione di adottare la tecnologia in modo più ampio nelle forze armate statunitensi per supportare le operazioni militari in tutto il mondo. 

PM Ammo ha iniziato a esplorare tecniche di produzione alternative per il copricapo MICLIC nel 2019, dopo aver identificato la necessità di un metodo più efficiente per la produzione della parte. Dopo un’ampia ricerca, sviluppo e prototipazione, il team ha collaborato con il Naval Surface Warfare Center Corona Divsion per produrre il componente stampato in 3D. 

Il copricapo è stato stampato in 3D in acciaio inossidabile prima di essere testato allo Yuma Proving Ground in Arizona. Durante l’evento di prova, il copricapo stampato in 3D è stato montato su un motore a razzo che è stato utilizzato per far esplodere con successo una carica di linea di sminamento. Il successo del test ha confermato l’efficacia della stampa 3D nelle applicazioni di difesa e il suo potenziale per semplificare il processo di produzione di parti critiche al fine di risparmiare tempo e denaro.

“Il precedente processo di produzione tradizionale è obsoleto, mentre la stampa 3D è una tecnica di produzione più moderna”, ha affermato Caleb Hughes, ingegnere di PM Ammo. “Credo davvero che la stampa 3D sia la prossima generazione di Marine Corps.”

Secondo Trejo, la stampa 3D ha il potenziale per aumentare l’efficienza del campo di battaglia dei Marines consentendo ai suoi combattenti di essere “più leggeri e più veloci” quando supportano varie missioni. 

“Siamo in grado di creare parti di attrezzature e altre risorse per qualsiasi missione particolare in cui siamo impegnati”, ha aggiunto. “Questo copricapo stampato in 3D rappresenta il Corpo dei Marines che va ben oltre per supportare i nostri Marines.”

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi