Uno sguardo al fondo per la stampa 3D di ARK, “PRNT”
 
ARK Investment Management LLC è l’unica società di gestione degli investimenti che offre un fondo negoziato in borsa (ETF) gestito attivamente dedicato alla stampa 3D, rendendolo un attore unico nel mondo della finanza di produzione additiva (AM). Istituito nel 2016, il Total 3D-Printing Index (PRNT) è uno dei pochi modi in cui le persone possono investire nel mercato AM nel suo insieme senza acquistare azioni in titoli di stampa 3D separati.

Un ETF è un insieme di azioni legate a uno specifico settore o merce ma che possono essere acquistate o vendute sul mercato allo stesso modo di un’azione tradizionale. Quando gli ETF sono gestiti attivamente, un team o un esperto prende decisioni sulle azioni all’interno del portafoglio del fondo in base alle prestazioni delle società dietro di esse o ai mercati economici nel loro complesso.

ARK è stata fondata nel 2014 da Cathie Wood, un noto investitore che ha suggerito l’idea di ETF gestiti attivamente basati su tecnologie dirompenti mentre lavorava come chief investment officer per la società di gestione patrimoniale AllianceBernstein. Quando la società ha ritenuto il concetto troppo rischioso, ha creato ARK, ora un fondo di circa 23 miliardi di dollari che traccia aziende tecnologiche come Tesla e Square.

Fin dall’inizio, ARK si è occupata della stampa 3D, stabilendo il Total 3D-Printing Index (PRNT) solo due anni dopo la fondazione dell’azienda. Il fondo di ARK utilizza una strategia di replica, investendo nei titoli di un indice tenuto da una società tedesca chiamata Solactive , il 13° fornitore mondiale di indici azionari (l’indice più antico è il famoso S&P 500, che segue 500 società con capitalizzazioni di mercato di oltre $ 4,6 miliardi e per un totale di quasi $ 400 miliardi di attività). Replicando l’indice Solactive 3D Printing , PRNT è gestito passivamente, con le modifiche apportate al indice e, quindi PRNT, semestralmente.

Per quanto riguarda PRNT, l’universo è composto da circa il 50% di produttori di stampanti 3D, seguiti dal 30% di aziende di software CAD e di simulazione, 13% di agenzie di servizi, 5% di scansione e misurazione e 2% di materiali. Considerando che un fondo comune potrebbe richiedere qualcosa come un minimo di $ 10.000 da investire, l’indice PRNT è un’opportunità per i consumatori più comuni di investire fondi verso un segmento tecnologico per il quale prevedono la crescita.

Altri vantaggi includono il fatto che gli ETF sono in qualche modo più trasparenti di altri fondi, in quanto le partecipazioni possono essere visualizzate pubblicamente online quotidianamente, a differenza di un altro fondo privato che potrebbe inviare una dichiarazione semestrale agli investitori. Anche gli ETF hanno generalmente commissioni più basse. Per PRNT, ARK prende un taglio dello 0,6 percento, rispetto alle commissioni di un fondo comune più vicine al due percento.

Ogni trimestre, l’ETF viene ribilanciato e ogni sei mesi ARK suggerirà modifiche alle azioni del fondo, sulla base della sua ricerca. Solactive, tuttavia, ha l’ultima parola. Con una soglia minima di capitalizzazione di mercato di $ 80 milioni e una soglia di liquidità, Solactive esamina il volume medio giornaliero di come un’azione è stata scambiata nel corso di tre mesi, con un volume minimo superiore a $ 200.000. Se il titolo è abbastanza grande e liquido, può essere preso in considerazione per l’indice. Il fondo PRNT viene quindi ribilanciato in base all’indice.

Le società del fondo vengono inoltre valutate in base a caratteristiche quali il team di gestione, il portafoglio di prodotti e l’esecuzione. ARK spera che le azioni all’interno dei loro fondi raddoppieranno in un periodo di cinque anni. Idealmente, questi dovrebbero costituire una raccolta relativamente equilibrata di aziende coinvolte in AM con il potenziale per una doppia crescita nei prossimi cinque anni.

Esaminando l’ elenco più recente delle partecipazioni sotto l’indice PRNT, a partire dal 1 dicembre 2021, vedrai quasi 60 aziende composte da Stratasys e 3D Systems a Hexagon e Oerlikon con le rispettive percentuali di peso. Desktop Metal ha il peso più alto nell’elenco con un enorme 7,60 percento, con il prossimo in linea, HP, con un peso del 5,17 percento.

Questo è paragonabile a un’azienda come Align, nota per l’uso della stampa 3D nella produzione di bretelle invisibili, che ha un peso dell’1,35 percento. In totale, il fondo gestisce 472,9 milioni di dollari di asset, con una capitalizzazione di mercato media ponderata di 120 miliardi di dollari e una capitalizzazione di mercato media di 5 miliardi di dollari. Dal suo inizio nel luglio 2016, ha visto una variazione positiva del prezzo di mercato dell’83,99%.

La bolla pubblicitaria dei consumatori ha allontanato molti dalla tecnologia, ma non è stato così per ARK. Come evidenziato da questo grafico di un mazzo di diapositive ARK , la stampa 3D ha appena iniziato a penetrare nel mercato delle parti per uso finale. La società di investimento stima che l’opportunità totale affrontabile per questo mercato valga quasi 500 miliardi di dollari, di cui l’attuale penetrazione di AM è stata solo dell’1% circa.

 

Tuttavia, da quella bolla pubblicitaria, l’industria della stampa 3D si è evoluta in modo significativo, con gli investimenti AM che si sono spostati da una tecnologia incentrata sul consumatore a una incentrata sull’industria, dando credito alle stime di ARK.

Ad esempio, 3D Systems ha sciolto la sua linea di consumatori, mentre Stratasys ha iniziato a esternalizzare la produzione delle sue stampanti 3D MakerBot. Ora, non solo questi sostenitori hanno reindirizzato i loro investimenti verso la stampa 3D industriale – 3D Systems si sta concentrando fortemente sul suo ecosistema Figure 4 per la produzione e Stratasys sviluppa una piattaforma di sinterizzazione di massa – ma numerosi giganti al di fuori di AM sono entrati nello spazio, facendo onde significative .

All’inizio, questo è stato indicato da GE Additive, che ha acquisito due importanti produttori di stampanti 3D in metallo e sta sviluppando un sistema di getto di leganti metallici, e HP, che ha rilasciato una macchina per la sinterizzazione di polimeri e leganti metallici. Tuttavia, numerose aziende chimiche hanno plasmato molto il settore. Nello specifico, BASF ha effettuato alcune importanti acquisizioni, come quella di Sculpteo, e ha aperto un’attività di stampa di pezzi di ricambio.

Ora, c’è chiaramente molta attenzione al settore. La partecipazione delle principali società nello spazio è stata amplificata dalla pandemia di COVID-19 e dal ruolo svolto da AM nella gestione delle interruzioni della catena di approvvigionamento che ne sono derivate. Abbiamo riportato numerosi casi in cui la stampa 3D è stata in grado di aiutare a produrre parti di ricambio, stampaggio e componenti medici, mostrando il suo potenziale per la produzione nel suo insieme.

Questo ha reintrodotto la tecnologia in un certo numero di aziende che sono state lasciate nei guai. La tecnologia si è rivelata preziosa come misura temporanea sia per la produzione di forniture mediche per affrontare la pandemia che per la produzione tradizionale. Di conseguenza, abbiamo assistito a numerosi annunci relativi a fusioni SPAC e IPO tradizionali, nonché a maggiori fusioni e acquisizioni più in generale.

In passato, le fusioni inverse sarebbero state considerate con maggiore scetticismo in quanto piccole aziende, a volte sconosciute, avrebbero utilizzato enti pubblici esistenti per aggirare i regolamenti associati alle IPO. Ad esempio, Tinkerine e Graphene Labs hanno utilizzato fusioni inverse per entrare in mercati meno regolamentati. Una fusione inversa di 3D Group in Australia ha mostrato l’uso di una tale tattica per eseguire schemi di pompaggio e scarico .

Più di recente, il litigio delle SPAC a cui l’industria ha assistito rappresenta un atteggiamento più lassista nei confronti delle fusioni inverse. Le aziende che eseguono queste operazioni non hanno bisogno di passare attraverso il tipico processo di IPO e non devono presentare gli stessi documenti. Una società con dati finanziari decenti e trasparenza su tali dati finanziari può probabilmente utilizzare uno SPAC per ottenere un’unica fonte di capitale garantita. Tuttavia, le aziende con operazioni meno trasparenti possono anche perseguire SPAC senza i rigori di una tradizionale IPO, in cui un’azienda deve costruire una raccolta di finanziatori, convincere un gruppo di investitori a partecipare e passare attraverso le banche per avviare con successo.

 
A causa della recente eccitazione, i singoli investitori potrebbero essere desiderosi di entrare in gioco. Secondo gli investitori con cui abbiamo parlato, incluso Scott Dunham di SmarTech Analysis, questa non è una bolla pubblicitaria che stiamo vivendo. La tecnologia è molto più matura. Investendo nel mercato nel suo insieme, ARK spera di capitalizzare su questa evoluzione. In effetti, ritiene che il segmento raggiungerà l’enorme cifra di 120 miliardi di dollari entro il 2025, che è più di quanto altri abbiano previsto. Che si arrivi o meno a quel punto è tutta un’altra storia.

Michael Molitch-Hou  da 3dprint.com

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi