Un sostituto del legno alternativo realizzato con gli scarti del tè kombucha è stato premiato con il James Dyson Award nazionale di quest’anno e, secondo quanto riferito , sta cercando di sfruttare la stampa 3D per aumentare la produzione.

Il Pyrus , un materiale che imita il legno ottenuto da cellulosa batterica coltivata sulla parte superiore del tè kombucha durante la fermentazione, è stato sviluppato dallo studente dell’Università dell’Illinois Gabe Tavas per affrontare gli impatti della deforestazione.

Il James Dyson Award inietterà $ 2.600 nel progetto, che Tavas spera di utilizzare per espandere la sua produzione e sviluppare capacità di stampa 3D per stampare Pyrus in oggetti più grandi. 

 

Pyrus è un materiale simile al legno senza petrolio che viene prodotto in modo sostenibile con rifiuti di cellulosa batterica riutilizzati dal tè kombucha. L’idea del progetto è quella di sostituire i legni esotici che stanno scomparendo dalle foreste pluviali come l’Amazzonia per la produzione, ed è nata dopo che Tavas è diventato più in sintonia con tali questioni ambientali dopo aver vissuto in una comunità indigena in Ecuador. 

Il legno ha tipicamente due ingredienti essenziali. La cellulosa fornisce la sua forma e struttura di base mentre la lignina funge da colla per tenere insieme gli altri componenti. Queste sono le molecole organiche più comuni sulla terra e i batteri utilizzati da alcune aziende per produrre bevande acide come il kombucha producono fogli di cellulosa sopra il liquido in cui si trovano. 

Per produrre Pyrus, Tavas ha iniziato a coltivare una scorta di cellulosa batterica utilizzando colture acquistate online, acqua e fette di mela nella sua stanza del dormitorio. Nel corso di alcune settimane, i batteri si sono nutriti delle mele per creare fogli di cellulosa in superficie. Questi fogli potrebbero quindi essere estratti e miscelati fino a ottenere una consistenza uniforme prima di essere incorporati in un gel a base di alghe.

Il gel si indurisce notevolmente mentre si asciuga e viene quindi posto sotto una pressa meccanica per formare un foglio piatto di legno. Essendo stato fornito con 250 libbre di cellulosa da Kombuchade e collaborando con una comunità di aziende alimentari chiamata The Plant per fornire rifiuti alimentari, Tavas ha prodotto 74 campioni di legno Pyrus nell’ultimo anno in una varietà di colori e trame. 

Mantenendo la versatilità del vero legno, Pyrus può essere tagliato al laser, con macchine CNC e levigato fino a ottenere una finitura liscia per creare piccoli prodotti come plettri per chitarra, sottobicchieri e gioielli. Tavas e il suo team sono anche orgogliosi di ignorare l’uso di petrolio, tossine o altri additivi non biodegradabili durante il processo di produzione. 

 

La priorità principale di Tavas è produrre una varietà di prodotti rispettosi dell’ambiente da Pyrus che soddisfino le esigenze dei consumatori e siano commercialmente redditizi. Il suo team sta attualmente utilizzando laser cutter presso studi di design locali per realizzare gioielli e sottobicchieri che vengono poi venduti attraverso il negozio al dettaglio di The Plant, al fine di ottenere la circolarità all’interno del suo ciclo di produzione. 

Alla fine, Tavas spera di trasformare l’interesse del cliente in flussi di entrate che sosterranno un’azienda formale, chiamata Symmetry , e finanzieranno miglioramenti a Pyrus che gli consentiranno di essere sfruttato per oggetti su larga scala come mobili e persino edifici. 

Anche l’iniezione di denaro del James Dyson Award alimenterà questa visione e aiuterà Tavas ad aumentare la produzione di Pyrus. Il suo obiettivo è sviluppare capacità di stampa 3D che rendano possibile la produzione di articoli più grandi. 

 

Il James Dyson Award è un premio internazionale di design che cerca di “celebrare, incoraggiare e ispirare” la prossima generazione di progettisti. Il Premio è aperto a studenti e neolaureati in design e ingegneria che possono vincere premi in denaro e generare visibilità sui media per dare il via ai loro progetti e alle loro carriere. 

Diversi progetti basati sulla stampa 3D sono stati premiati in passato con un James Dyson Award per una vasta gamma di applicazioni. Nel 2013, un esoscheletro per la parte superiore del corpo economico stampato in 3D chiamato Titan Arm ha vinto il riconoscimento, sviluppato da quattro studenti di ingegneria meccanica dell’Università della Pennsylvania . 

La produzione additiva è stata premiata anche l’anno successivo, con due progetti relativi alla stampa 3D premiati. Il premio italiano è andato a una stampante per mosaici, la Ladybug, mentre il premio canadese è andato alla PrintAlive Bioprinter , una stampante 3D che mirava a stampare nuova pelle per le vittime di ustioni molto più velocemente rispetto ai metodi esistenti all’epoca. 

Più di recente, nel 2020, l’ingegnere progettista neozelandese Rik Olthius ha vinto il James Dyson Award nazionale per un paio di scarpe da ginnastica biodegradabili stampate in 3D che, poiché non contengono adesivi, possono compostare più velocemente se gettate via. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi