Protolabs lancia una nuova levigatura a vapore per parti di produzione stampate in 3D
“Ciò consente di utilizzare parti in questi materiali per una più ampia gamma di applicazioni”. 

 
Il produttore digitale  Protolabs ha annunciato il lancio della sua nuova offerta di levigatura a vapore per parti stampate in 3D.

La tecnologia di post-elaborazione è ora disponibile per le parti stampate con  le tecnologie Selective Laser Sintering o Multi Jet Fusion in nylon PA-12 comunemente usato e materiali elastici TPU-01. Si dice che il lancio segni un “significativo avanzamento” per le capacità di produzione additiva dell’azienda e ha dimostrato di migliorare la finitura delle parti stampate in 3D anche con le geometrie più complesse.

Andrea Landoni, Product Manager 3D Printing di Protolabs EMEA, ha dichiarato: “Sebbene la stampa 3D consenta a un ingegnere di progettare e produrre parti complesse ed è ideale per basse produzioni rispetto allo stampaggio a iniezione, la finitura superficiale di quest’ultimo è molto più liscia, ma ora, utilizzando la levigatura a vapore, possiamo colmare quella lacuna per le parti prodotte con additivi per levigare e sigillare anche le cavità più piccole sulla superficie.

“Ciò consente di utilizzare parti in questi materiali per una più ampia gamma di applicazioni che richiedono una finitura liscia molto fine per motivi estetici e funzionali”.

Il processo aiuta anche a migliorare le proprietà meccaniche delle parti, con un maggiore allungamento a rottura e resistenza all’urto, mentre le superfici sigillate e più lisce sono ermetiche all’acqua e all’aria, rendendole più facili da pulire. La finitura a tenuta stagna andrà a beneficio di molte applicazioni, inclusi serbatoi, tubi e condotti per fluidi, coperchi delle valvole e coppe dell’olio nel settore medico e altre applicazioni industriali.

Andrea ha aggiunto: “Poiché il processo di finitura è automatizzato, può essere utilizzato per molte più geometrie rispetto a un processo di levigatura manuale, che può essere limitato a causa del raggiungimento di aree di difficile accesso. Ciò significa che è possibile usufruire di tutti i vantaggi della produzione additiva per le parti e ottenere una finitura superficiale paragonabile allo stampaggio a iniezione”.

Dopo la stampa 3D, Protolabs trasferisce le parti in una camera di levigatura. In un ambiente controllato questo li riscalda e li introduce in un agente di finitura, che evapora e diffonde il vapore attraverso il pezzo, facendoli fondere, liquefare e ridistribuire il materiale per uniformare eventuali picchi ruvidi o sigillare piccole cavità.

Andrea ha dichiarato: “Questo nuovo servizio costituisce solo una parte dell’offerta completa di Protolabs. Gestiamo l’intero processo dal caricamento iniziale del CAD di un cliente alla spedizione dei pezzi finiti e con i nostri team di ingegneri applicativi – esperti di ingegneria che forniscono supporto e consulenza lungo il percorso – crediamo di offrire un servizio che aggiunge valore reale al nostro clienti globali”.

Ha spiegato che mentre la tecnologia è attualmente disponibile solo per materiali specifici, è anche in fase di test per l’uso con altri materiali.

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi