In Cina: un parco di 5.523 metri quadrati  è stato costruito in modo intelligente, stampato in 3D, che, secondo il capo del team di supporto tecnico del progetto, il professor Xu Weiguo della School of Architecture dell’Università di Tshigua, ci sono volute solo circa 10 settimane per terminarlo. 

Il parco, situato nel sud della Cina presso lo Shenzhen World Exhibition and Convention Center,  presenta panchine, muri di sostegno, aiuole, sculture e cordoli che sono stati stampati in 3D utilizzando bracci robotici industriali dotati di estrusori di cemento. Il prof. Xu Weiguo, noto per il ponte “più grande del mondo” stampato in 3D, ha sviluppato un metodo in qualche modo nuovo per la costruzione additiva in cui più bracci robotici possono essere schierati in un sito, dove, su binari e piattaforme a forbice, possono lavorare su un unico progetto.

La misura in cui funzionano non è del tutto chiara, ma questo metodo suggerisce che il team del professore sta lavorando al concetto di robot collaborativi per la costruzione additiva. Altri che mirano a tali tecnologie includono Printstones e WASP , anche se MX3D e Branch Technology potrebbero tentare un simile processo anche con i loro bracci robotici industriali.

Il processo di costruzione additiva multi-robot del professor Xu Weiguo utilizzato per costruire una casa.
Nel caso del marchio Shenzen, non solo dà un contributo importante allo spazio verde dell’area, ma incorpora anche pesantemente l’uso di materiali riciclati, inclusi granelli di sabbia di scarto a forma di macchina, particolarmente importante in un ambiente globale in cui la sabbia ha diventare merce rara . E tra tutte le nazioni del mondo questa considerazione è sicuramente la più critica per la Cina, che utilizza circa la metà del cemento del pianeta. Secondo il Guardian, a partire dal 2019, “… si dice che il cemento sia responsabile del 4-8% della C02 mondiale”.

Se l’umanità è in grado di convertire i parcheggi in spazi verdi con la stampa 3D mentre utilizza sabbia riciclata nel processo di produzione, una possibilità che la Cina ci ha presentato qui in forma modulare, sarebbe sicuramente almeno un piccolo passo cruciale nella giusta direzione. Sebbene la stampa 3D ovviamente non possa fare molto per la quantità di acqua richiesta nella produzione di calcestruzzo, dovremmo essere grati per qualsiasi quantità di sabbia che può essere derivata da sottoprodotti di scarto piuttosto che dalla distruzione degli ecosistemi esistenti. 

Il parco stampato in 3D al Shenzhen World Exhibition and Convention Center.
Un altro vantaggio di ciò che la Cina ha fatto qui dal punto di vista della conservazione ha a che fare con il suo uso di costruzioni intelligenti. Sebbene i costi potenzialmente inferiori dovuti a meno tentativi ed errori nella fase di costruzione siano uno dei motivi per cui molti tecnici di stampa 3D sostengono la costruzione intelligente, utilizzando modelli di simulazione per “costruire” i progetti il ​​più in anticipo possibile prima che inizi il processo di costruzione effettivo, è sicuramente concepibile che, a lungo termine, ciò potrebbe ottimizzare anche l’ approccio ecologico alla stampa 3D su larga scala.

Ovviamente tutto dipende da quali sono gli obiettivi delle parti interessate; e, sempre più in questi giorni, che tutto si collega alla responsabilità aziendale, che in ultima analisi si lega alla domanda dei consumatori. In altre parole, il futuro di quanto sarà sostenibile la stampa 3D dipenderà da 1) quanto il mercato dei consumatori alla fine guidi le decisioni del settore; e 2) quanto quel mercato si preoccupa dei modelli di business ecologicamente sostenibili.

Ma dati gli approcci generalmente lungimiranti sia dal lato dell’offerta che della domanda del mercato della stampa 3D, ci sono molte più ragioni per essere fiduciosi in questo settore dell’economia rispetto, ad esempio, all’ultimo tentativo di coinvolgere gli americani con auto elettrica. In ogni caso, questo è il tipo di competizione che tutti dovrebbero accogliere. Speriamo che ad un certo punto nei prossimi anni assisteremo a un dibattito in stile Nixon-Khruschev tra Joe e Xi sul fatto che la stampa del calcestruzzo con gantry o con braccio robotico sia la più ecologica. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi