PAZIENTE BRITANNICO SALVATO DALL’AMPUTAZIONE CON IMPIANTO DI STINCO OSSEO STAMPATO IN 3D
VARI TIPI DI IMPIANTI STAMPATI IN 3D, LE COSIDDETTE GABBIE, SONO GIÀ ABBASTANZA DIFFUSI E SPESSO UTILIZZATI PER INTERVENTI CHIRURGICI ALLA COLONNA VERTEBRALE, MENTRE IL LORO USO PER IL RESTAURO DELLE OSSA DELLA GAMBA È UNA PRATICA RELATIVAMENTE RECENTE.

Lo scorso maggio, un team di traumatologi e ortopedici del St. George’s Hospital in Gran Bretagna ha eseguito il primo impianto shin-bone al mondo per salvare un arto dall’amputazione. Il paziente Russell Neybor, 60 anni, è caduto da una scala a dicembre 2018 mentre accendeva le luci di Natale e ha subito una frattura aperta della tibia e del perone giusti.

Russell subì due operazioni che non aiutarono e la frattura rimase non guarita. In alternativa a un nuovo intervento chirurgico o all’amputazione della gamba, il chirurgo e consulente del trauma ortopedico Alex Trompeter ha raccomandato la stampa 3D di un innesto osseo personalizzato. In una nuova operazione, i sei centimetri di osso inferiori di Russell furono rimossi e sostituiti con una gabbia metallica porosa su misura.

Secondo quanto riferito, Russell Neybor è stato in grado di reggere le stampelle pochi giorni dopo l’intervento chirurgico. Ora si sta riprendendo a casa sua ad Ashe, nel Surrey, e sta camminando di nuovo per la prima volta dopo oltre un anno.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi