Safran inaugura il Safran Additive Manufacturing Campus, un nuovo centro di eccellenza
 
Il Safran Additive Manufacturing Campus, il nuovo centro di eccellenza del Gruppo in questa tecnologia avanzata, situato a Le Haillan, vicino a Bordeaux, nel sud-ovest della Francia, è stato inaugurato oggi da Ross McInnes, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Safran, e Olivier Andriès, Amministratore Delegato , in una cerimonia alla presenza di Roland Lescure, ministro dell’Industria francese e Alain Rousset, presidente della regione della Nouvelle Aquitaine nel sud-ovest della Francia.

La nuova struttura di 12.500 metri quadrati di Safran raggruppa tutti i processi necessari per realizzare parti utilizzando la produzione additiva, dalla ricerca e sviluppo all’ingegneria e alla produzione. Già più di 100 scienziati, ingegneri e tecnici di livello mondiale lavorano nella struttura per produrre parti per l’intero gruppo utilizzando installazioni all’avanguardia, in particolare stampanti 3D che utilizzano modelli digitali 3D per trasformare polveri metalliche in parti di aeromobili e motori .

La produzione additiva offre reali vantaggi all’aviazione perché consente la produzione di parti impossibili da realizzare con altri metodi, spesso combinando più funzioni in un unico pezzo. La produzione additiva è anche un processo ecologico perché limita il consumo di materie prime ed energia, riducendo notevolmente il peso, riducendo così il consumo di carburante e contribuendo alla decarbonizzazione dell’aviazione, che è la massima priorità di Safran. Inoltre, la produzione additiva riduce i tempi di lavorazione, aumentando la competitività.

Le prime mille parti stampate in 3D dal Safran Additive Manufacturing Campus sono state consegnate a Safran Helicopter Engines da giugno 2022. Il Campus mira a fornire un totale di 4.000 parti quest’anno e quindi il doppio di tale cifra nel 2023.

“Abbiamo preso la decisione strategica di creare questo nuovo centro di eccellenza per consolidare l’esperienza di Safran nella produzione additiva e accelerare l’applicazione di questa tecnologia dirompente”, ha affermato Olivier Andries, CEO di Safran. “Sfrutteremo i vantaggi di questa tecnologia per rendere i nostri nuovi prodotti ancora più leggeri, migliorandone al contempo le prestazioni, e questa è la chiave per raggiungere l’obiettivo del nostro settore di ridurre il proprio impatto ambientale. Un quarto delle parti di alcuni dei nostri motori potrebbe eventualmente essere realizzato utilizzando questo processo”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi