Intervista a Jeff Graves il nuovo CEO di 3D Systems

Il nuovo CEO di 3D Systems Jeff Graves discute la sua visione per la stampa 3D

3D Systems ha cambiato i CEO e ha eseguito due importanti riorganizzazioni negli ultimi quattro anni. Con l’entusiasmo di capire la direzione dell’azienda sotto il suo ultimo leader, abbiamo contattato l’azienda per avere una discussione aperta con il nuovo CEO, il dottor Jeffrey Graves .

Graves ha un background sostanziale per guidare un’azienda di stampa 3D che si è concentrata nuovamente su applicazioni sanitarie e industriali. Con un dottorato di ricerca in metallurgia del titanio presso l’Università del Wisconsin, Graves ha continuato a lavorare per Rockwell International, ora parte della Boeing, dove ha lavorato a progetti illustri come lo Space Shuttle. La maggior parte della sua carriera, tuttavia, è stata trascorsa in GE ( NYSE: GE ) in varie posizioni dirigenziali sotto Jack Welch.

Quando Welch se ne andò, anche Graves lo fece, assumendo la sua prima posizione di CEO presso KEMET Electronics, un produttore quotato in borsa di soluzioni per condensatori ad alte prestazioni, prima di diventare CEO di MTS Systems, un’altra società quotata in borsa, questa volta concentrata sui test ad alte prestazioni , sistemi di simulazione e misura.

“La mia ultima azienda era una società di ingegneria”, ha riferito Graves. “Ero abbastanza felice lì e convinto che probabilmente un giorno mi sarei ritirato da lì, ma questa è stata un’opportunità davvero interessante. Non solo l’azienda, che ho trovato fantastica in termini di potenziale, ma il settore. L’industria è sull’orlo di una vera rinascita, basandosi solo sulla velocità con cui i requisiti di progettazione si stanno evolvendo nel mondo, sulla velocità con cui viene accettata la produzione additiva, e poi su cose come l’ambiente del codice oggi e su come sta cambiando le catene di fornitura “.

Sebbene questa esperienza rifletta ovviamente il background ingegneristico di Graves, vale anche la pena notare che fa parte del consiglio di Hexcel, una società di compositi con una partecipazione crescente nella stampa 3D tramite l’acquisizione della società di stampa PEKK Oxford Performance Materials. È anche membro del consiglio di FARO, un produttore di scanner 3D di fascia alta.

Tuttavia, anche in GE, Graves stava già familiarizzando con la stampa 3D, descrivendosi allora come un utente della metallurgia delle polveri in generale. In MTS, ha supervisionato la progettazione e la costruzione di sistemi di test per prodotti additivi.

“Sono stato un utente della produzione additiva. Sono stato un tester di prodotti di produzione additiva e, quindi, il passaggio a 3D Systems ora mi mette a fornire la fine delle cose, se vuoi. Sono stato davvero in questo settore per molti, molti anni “, ha detto Graves.

Graves ha descritto la transizione dell’azienda da quella del suo predecessore, Vyomesh Joshi (VJ), alla sua gestione di 3D Systems come un’evoluzione logica. Joshi aveva raggiunto l’età della pensione dopo aver gettato le basi sostanziali per la ricostruzione dell’azienda, secondo Graves. Sotto il suo CEO prima di Joshi, Avi Reichental, che si è dimesso nel 2015, la società ha acquisito 50 aziende in circa cinque anni.

Joshi iniziò immediatamente a ristrutturare l’azienda concentrandosi sulla ricerca della sua divisione più forte, che pensava fosse l’assistenza sanitaria, e estrapolando il suo modello in tutta l’azienda. Graves dice che la carta che gli è stata data dal consiglio di amministrazione di 3D Systems era di costruire sulle fondamenta di Joshi e scegliere una direzione fondamentale in cui muoversi. Da quando è entrato in azienda nel maggio 2020, Graves ha iniziato a ristrutturare 3D Systems in modo più coerente. Ciò includeva un licenziamento significativo di circa il 20% della sua forza lavoro, che secondo Graves era già necessario alla società, ma è stato accentuato dalla pandemia COVID-19.

“Molte aziende passano attraverso questo quando hai acquisito molte attività e 3D Systems ha acquisito più di 50 aziende, quando lo hai fatto, hai indubbiamente delle inefficienze integrate nella struttura. In aggiunta a ciò, vendevamo hardware, software e materiali con forze di vendita completamente separate e cose del genere. Quindi, c’era molto spazio per concentrarsi ed eliminare la ridondanza. Questo, a sua volta, rende più facile per i nostri clienti capirci perché avremo meno persone che li chiamano “, ha detto Graves. “Direi che, quando tornerà la normalità, saremo più snelli e più concentrati e davvero pronti a guidare per la crescita dei massimi e dei profitti.”

Questa mossa faceva parte di una più ampia strategia di rifocalizzazione che vedeva un’attività precedentemente suddivisa in hardware, software e materiali ora sempre più strutturata in base alle applicazioni.

“Quando sono arrivato, stavamo trattando hardware, software e materiali come elementi discreti dell’azienda e cercavamo di portarli sul mercato. Ed eravamo ancora coinvolti in una serie di aree di produzione sottrattiva “, ha detto Graves. “Circa un mese dopo, dopo aver incontrato le persone e aver esaminato la nostra cultura ed esperienze, ho detto che dovremmo concentrarci sui clienti e sui mercati che utilizzano la produzione additiva in modo efficace, come i nostri clienti nel settore sanitario e aerospaziale, e scegliere le nostre aree di investimento in base a questo. E poi, disinvestiremo qualunque cosa sia al di fuori di quel cerchio “.

In questo momento, questo significa dividere le operazioni in applicazioni sanitarie e industriali, con la prima suddivisa ulteriormente in sottosegmenti come dispositivi medici, dentali e la seconda in aerospaziale e difesa, trasporti e sport motoristici, per esempio. Queste applicazioni sono guidate da una più ampia adozione da parte del settore, con Graves che afferma: “Le aree che abbracciano l’additivo e sono più su scala industriale o su una scala che può fornire volumi significativi a un’azienda come la nostra sono tutte un gioco leale”.

Uno scarico stampato in 3D realizzato su 3D Systems Equipment

Significa anche eliminare porzioni più tangenzialmente correlate del business, come la produzione sottrattiva. Disinvestendo da alcune operazioni e riorganizzando ulteriormente la società, Graves mira a rimuovere $ 100 milioni di costi dalla società in 18 mesi, con il limite di $ 60 milioni da raggiungere entro la fine del 2020.

“Supponendo che il mondo si comporti da solo, la pandemia sia almeno parzialmente controllata, saremo redditizi”, ha detto Graves. “Genereremo un flusso di cassa abbastanza forte e non consumeremo molto denaro per crescere. Questo ci consente di spendere davvero denaro in cose come la ricerca e lo sviluppo e di investire in qualsiasi altro capitale di cui abbiamo bisogno per la nostra crescita. E poi penso che ci vedrai avere la capacità di introdurre tecnologie o applicazioni speciali anche tramite l’acquisizione “.

Graves suggerisce che l’azienda dispone già di solidi fondamentali. 3D Systems dispone del portafoglio di tecnologie additive più diversificato sul mercato, con processi che vanno dalla stereolitografia e la sua tecnologia Figure 4 alla fusione di metallo e plastica su letto di polvere, material jetting e binder jetting. Una volta che la riorganizzazione è stata completamente eseguita, è possibile che l’azienda completi la sua trasformazione in un sostenitore del settore.

Be the first to comment on "Intervista a Jeff Graves il nuovo CEO di 3D Systems"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi